function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};





I perché dell'espansione sovietica nel continente africano
Immagini articolo
Il Cremlino e l'Africa
nuovi scontri politici
MARCO OLIMPIO


Il 23 ottobre, due bombardieri Tu-160 Blackjack, i più sofisticati dell’aviazione russa, sono atterrati alla base aerea di Waterkloof, Sudafrica, appena fuori Pretoria. Il dispiegamento, una mossa di diplomazia militare, marca la prima visita di questi possenti aerei sul terreno africano ed ha inaugurato l’inizio di un evento importante: il summit Russia-Africa.
Il vertice, organizzato dal Cremlino nella città costiera di Sochi tra il 23 e il 24 di ottobre, ha coinvolto rappresentanti da 54 Paesi africani, tra cui 43 capi di stato, e dirigenti di aziende, per una serie di incontri ad alto profilo. L’obiettivo: promuovere i rapporti politici, economici e militari.
Le relazioni con il continente rappresentano un target rilevante per Mosca. Da un lato consentono l’accesso alle risorse, spingono il commercio e la vendita di armamenti, offrono sbocchi inediti. Ossigeno dopo i duri colpi subiti dalle sanzioni. Dall’altro, l’arena è un teatro di "scontro" con l’Occidente, dove Putin può cercare di espandere la propria influenza politica e minare quella rivale attraverso lo sviluppo di alleanze e cooperazione nel campo bellico. Iniziativa che tiene anche d’occhio il Dragone cinese sempre molto attivo nella regione.
La strategia è stata messa in atto con una serie di manovre. Diverse aziende russe hanno investito pesantemente nell’estrazione delle risorse. Ad aprile 2019, la ditta Rostec, per esempio, ha firmato un contratto per 4 miliardi di dollari per lo sviluppo di una miniera di platino nello Zimbabwe. Altri accordi nel campo degli idrocarburi sono stati discussi da aziende come Gazprom e Zarubezhneft con Algeria, Repubblica Democratica del Congo e Sudan.
Fondamentale l’ampliamento delle esportazioni. Mosca è già una grossa fonte di grano per l’Egitto e vorrebbe estendere la propria fornitura a Libia, Algeria e Marocco. Consistenti gli ordini di materiale bellico russo, che ammontano a circa 4,6 miliardi di dollari all’anno. Tra i principali acquirenti vi sono egiziani, algerini, angolani e ugandesi che hanno acquisito carri armati, elicotteri, caccia e sottomarini.
I "cannoni" rappresentano uno snodo per la strategia di Putin, per concludere affari e rendere profonda la propria impronta globale. In Africa, questo ha portato a diverse intese che prevedono l’addestramento di polizia e eserciti da parte di consiglieri e mercenari russi.
Inoltre, secondo alcune indiscrezioni, tra le ambizioni di Mosca vi sarebbe la costruzione di un avamposto navale nel Mar Rosso, settore geografico dove già molte nazioni (tra cui Cina, Francia, Stati Uniti e Italia) dispongono di basi di appoggio in Gibuti.
Un paese che forse meglio rappresenta questo nuovo approccio del Cremlino è la Repubblica Centrafricana. Afflitto da una guerra civile scoppiata nel 2013, il paese ha visto l’intervento di una forza di peacekeeping composta da Francia e Nazioni Unite. La missione, però, è stata presta affiancata da una russa, con l’istituzione di un centro d’addestramento per le unità di Bangui, e il possibile dispiegamento di mercenari del Gruppo Wagner.
Attirati da concessioni minerarie, gli emissari venuti da Mosca cercano di controbilanciare l’influenza occidentale nella regione e inserirsi come attore protagonista. Una ripetizione di quanto avvenuto in Medio Oriente.
10.11.2019


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
06.07.2020
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2019
17.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, maggio 2020
17.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2020
12.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2020
10.06.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 22 giugno 2020
04.06.2020
Swiss Mobility: opportunità di stage professionale in Svizzera per neodiplomati 2020
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
15.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La Libia è una polveriera
ormai pronta a esplodere
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Le gang dettano legge
in sessanta città Usa
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

25 anni
dal massacro
di Srebrenica

Belgrado:
assalto
al Parlamento

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00