function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};
Precari, famiglie, stranieri... le sacche della difficoltà
Immagini articolo
Sono questi i nuovi poveri
dopo l'emergenza sanitaria
CLEMENTE MAZZETTA


Persone a basso reddito, precari, sottoccupati. Gente costretta a più lavori per guadagnare da vivere. Sono bastate poche settimane di coronavirus, di lockdown per risucchiare centinaia di persone in una fascia di povertà inaspettata. Quasi di indigenza. La lunga coda in fila a Ginevra per un pasto è analoga alle file di persone che si rivolgono alle mense di Fra’ Martino, alle richieste di beni di necessità rivolte alla Caritas in Ticino (vedi riquadro), alle 1200 persone che attualmente fanno capo al Tavolino magico che sta riaprendo le sue sedi (ma si stima che saliranno almeno di un terzo).
È la faccia eclatante, inattesa della povertà che avanza. "Chi come sindacato agisce in stretto contatto con i lavoratori, con le fasce sociali più deboli si rende immediatamente conto che questa nuova situazione precarizza il mercato del lavoro, diminuisce il potere d’acquisto e aumenta il rischio della povertà", spiega il sindacalista dell’Ocst Giorgio Fonio. Basta un semplice calcolo: con il lavoro ridotto, la retribuzione cala dall’oggi al domani del 20%. "Una famiglia con un’entrata di 5 mila franchi deve far quadrare i conti con mille franchi in meno; e non è che le spese, l’affitto, i premi di cassa malati diminuiscono nel frattempo", chiarisce Fonio: "Sono le famiglie con redditi  modesti ad essere penalizzate, ma anche gli indipendenti, i precari, i lavoratori in nero".
Difficile quantificarne il numero, visto che per definizione fanno parte dell’economia sommersa. Sotto-occupati. Working poor, lavoratori che pur lavorando non riescono ad uscire dall’indigenza. Si tratta di gente prima "invisibile" che sta incrementando la fascia di povertà stimata nell’8% della popolazione, circa 700 mila in Svizzera. Più del 10% in Ticino, oltre le 36mila.
"Il coronavirus ha fatto cadere in povertà le persone già a rischio, come le famiglie monoparentali, come i lavoratori indipendenti a basso reddito; più gli stranieri, visto che questi svolgono lavori precari e poco qualificati", specifica l’economista Amalia Mirante. Ma si tratta solo di una prima fase. L’effetto del coronavirus a livello economico-occupazionale potrebbe nei prossimi mesi toccare anche altre fasce di lavoratori. La povertà è una lama sottile che tocca anche il pubblico impiego. Gli indipendenti. Persone qualificate, operatori culturali rimati a casa. Lo fa presente Raoul Ghisletta, segretario generale Vpod: "Anche da noi ci sono decine di artisti indipendenti di tutte le arti che vivono una fortissima incertezza; sono numerosi gli artigiani, i restauratori di beni culturali senza occupazione". Per questo chiede allo Stato di farsi carico di un grande progetto culturale per l’impiego di queste persone sull’esempio degli Usa che  durante la Grande Depressione crearono un programma per la cultura, che in soli 4 mesi mise sotto contratto quasi quattromila artisti.
Ma con l’aumento della povertà, la crisi potrebbe anche radicalizzarsi. "Non mi stupirei se qualche azienda approfittasse di questa situazione per anticipare i tempi di ristrutturazione, riducendo il personale - aggiunge Mirante -, in questo scenario a pagare il pezzo del coronavirus potrebbero essere allora fasce più ampie di lavoratori. Non solo i lavoratori a basso reddito, la crisi potrebbe toccare anche il settore impiegatizio, i colletti bianchi. La crisi del coronavirus può essere la scusa per tagli aziendali che in un’altra situazione sarebbero stati  meno probabili, magari procrastinati di qualche anno, anche solo per le proteste che avrebbero sollevato".
cmazzetta@caffe.ch
23.05.2020


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
04.06.2020
Swiss Mobility: opportunità di stage professionale in Svizzera per neodiplomati 2020
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
15.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2020
13.05.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 25 maggio 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2020
08.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Dati settimanali provvisori sui decessi, Ticino e Svizzera, stato al 5.5.2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ripartenza a singhiozzo
e borse poco indicative
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il braccio del Sultano
"allunga" il suo potere
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Notte
di violenze
nelle città
statunitensi

La lenta
ripartenza
della cultura
europea

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00