Il commento
Immagini articolo
Con zero disoccupati
il Paese è infelice
GIUSEPPE TURANI


Di solito si pensa che un Paese felice sia quello dove tutti, nessuno escluso, hanno un lavoro, e quindi uno stipendio. Ma non è proprio così. Per quanti sforzi si facciano rimane sempre una quota di disoccupati. In genere si tratta di circa il 5 per cento della forza lavoro occupabile. Si varia in più o in meno, a seconda di come è strutturata l’economia del Paese in questione e delle caratteristiche della sua popolazione.
La piccola quota di disoccupazione che rimane viene definita "frizionale" e il termine spiega bene quello che accade nella realtà. Anche nei sistemi più organizzati c’è sempre una quota (piccola) di lavoratori che si trova magari "in transito" da un lavoro all’altro e quindi, momentaneamente disoccupata. Oppure che per qualche mese o qualche anno decide di non lavorare per dedicarsi a altro.
D’altra parte, la piena occupazione (sia pure con una quota residua di disoccupazione, 3-6 per cento) non è sempre e esclusivamente un bene. Anzi, può essere fonte di seri problemi.
E non è difficile capire perché. Più ci si avvicina alla piena occupazione, più aumenta (logicamente) il potere contrattuale dei lavoratori, che quindi sono in grado di ottenere consistenti aumenti di stipendio. E questa potrebbe sembrare una cosa buona. Ma solo se gestita con saggezza e misura. Infatti, se i lavoratori, diventati di colpo molto forti sul piano contrattuale, cominciano a chiedere e a ottenere troppo, possono innescare una ripresa dell’inflazione. E a quel punto si innesta una sorta di spirale: i prezzi (il costo della vita) salgono, ma i lavoratori sono forti e quindi chiedono e ottengono aumenti, con il risultato di far salire ancora di più i prezzi, e così all’infinito. Ecco perché l’inflazione è un brutto animale, forse il peggiore fra quelli catalogati dagli economisti. Taglia i risparmi senza pietà e rende più costoso vivere, produrre, esportare. L’inflazione dovrebbe rimanere intorno al 2-3 per cento. Se va oltre, diventa un pericolo, anche grave.
Purtroppo, non esistono metodi "dolci" per uscire dall’inflazione: ci sono solo medicine brutali. La cura più rapida consiste nello strozzare l’economia (togliendole denaro), in modo che si riformi una quota di disoccupazione e che le paghe tornino a livelli compatibili con le caratteristiche del sistema. Dall’inflazione, insomma, si esce creando disoccupati: è crudele, ma non esiste altra strada.
Ecco perché con la "piena occupazione" bisogna stare molto attenti: invece di portare felicità, potrebbe portare a una crescita dell’inflazione e quindi alla necessità di interventi "duri" per soffocare il fenomeno. Insomma, alla piena occupazione bisogna avvicinarsi con i piedi di piombo e con molta intelligenza.
28.08.2016


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

La privacy è morta
evviva la privacy
L'INCHIESTA

Gli affiti il business
delle Ferrovie federali
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

E il dentista incassa
i soldi dei contribuenti
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il gioco a scacchi
tra Trump e Kim
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Dalla Russia a Roma
le avventure degli 007
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il dopo Chavez
che avvelena Caracas
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
06.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 18 febbraio prossimo
01.02.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da venerdì 1° febbraio 2019 alle ore 9:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
30.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2018
29.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole medie superiori per il periodo 2019-2023
28.01.2019
I giovani e le aziende interessate a partecipare al programma di scambio Swiss Mobility sono invitati a porre candidatura entro il 15.3.2019
18.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2018
15.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole professionali secondarie e superiori per il periodo 2019-2023
09.01.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 21 gennaio prossimo
31.12.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 31 dicembre 2018 alle ore 09.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
21.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, dicembre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Ultimo
assalto
all'Isis
in Siria

Francia:
gilet gialli,
atto
numero 14