I rischi della politica monetaria imposta da Erdogan
Immagini articolo
La banca nazionale
nelle mani del dittatore
LORETTA NAPOLEONI


Durante la campagna presidenziale, Recep Tayyip Erdogan si è più volte scagliato contro la "lobby dei tassi di interesse" sostenendo che gli elevati tassi  piuttosto che frenare contribuiscono alla crescita dell’inflazione e promettendo di esercitare un maggior controllo sulla politica monetaria turca. Tutto ciò ha contribuito alla caduta della lira turca e all’aumento dell’inflazione che è arrivata al 15 per cento annuo. Di conseguenza il disavanzo delle partite correnti ha sfondato quota 6 per cento del Pil.
La strategia economica di Erdogan è semplice: allentare i cordoni della borsa, inondare i mercati con credito a basso costo e sponsorizzare progetti di costruzione sfrenata e di mega-infrastrutture. A tal fine il presidente si è appropriato con decreto presidenziale del diritto di nominare il governatore della banca centrale, i deputati e i membri del comitato di politica monetaria per un mandato di quattro anni. In questo modo ha completato la politicizzazione della banca centrale.
A sostegno di questa strategia, Erdogan mostra i dati della crescita economica, nel 2017 la Turchia è cresciuta del 7,4 per cento, cioè ad un tasso più alto di quello riportato dall’India e dalla Cina. Ma gli economisti controbattono  che la natura della crescita è deviante perché guidata dal consumo e dagli stimoli del governo, tutto ciò ha causato il surriscaldamento dell’economia.
L’impatto dell’erdoganomics sul settore produttivo è negativo. Sebbene molte aziende stanno ancora crescendo, i margini di profitto si stanno riducendo e la svalutazione della lira pesa sul debito in valuta delle aziende. Turk Telekom, una grande azienda di telecomunicazioni, ad esempio, ha annunciato all’inizio di agosto una perdita nel secondo trimestre di quasi 1 miliardo di lire proprio a causa dell’impennata nel costo del debito in valuta estera. Yildiz Holding, proprietaria dei cioccolatini Godiva e dei biscotti McVitie, uno dei numerosi conglomerati di alto profilo, ha chiesto di ristrutturare il debito per gli stessi motivi. Il debito esterno del settore privato è di 300 miliardi di dollari.
12.08.2018


Articoli Correlati
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Gli ospedali diventano
cliniche specializzate
L'INCHIESTA

Il successo di Airbnb
infastidisce gli hotel
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Niente video porno
tra i caffè americani
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
I giganti del mercato
condizionano gli Stati
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La silente resistenza
del Califfato islamico
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
12.12.2018
Ampliato il ventaglio dei colori per le mappe della qualità dell'aria [www.ti.ch/oasi]
09.12.2018
Nuovo orario 2019 per i mezzi di trasporto pubblico in Ticino [www.ti.ch/trasporti]
07.12.2018
Concorsi scolastici 2019/2020 - è aperto il concorso per la nomina e l'incarico di docenti e operatori
06.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2018
05.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2018
05.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2018
05.12.2018
Aggiornati i dati su consumo e produzione di energia in Ticino consultabili nel portale dell'Osservatorio ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
30.11.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, ottobre 2018
29.11.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, terzo trimestre 2018
28.11.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 10 dicembre 2018.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

La Cina
rilancia
la "Corsa
alla Luna"

Strage
di Corinaldo:
la discoteca
era sovraffollata