Il pontefice a Palermo ricorda le parole di Wojtila
Immagini articolo
Il papa contro i boss:
"Non siete credenti"
REDAZIONE CAFFÈ


"Non si può credere in Dio ed essere mafiosi. Chi è mafioso non vive da cristiano, perché bestemmia con la vita il nome di Dio-amore". Papa Francesco, ieri, sabato, sul lungomare di Palermo sembrava Karol Wojtyla, il pontefice polacco che venticinque anni fa nella Valle dei Templi, ad Agrigento, alzando il dito verso il cielo davanti a migliaia di giovani disse ai mafiosi: "Cambiate vita! Dio ha detto ‘Non uccidere!’. Convertitevi, verrà il giudizio di Dio".
Con lo stesso impeto, papa Francesco è sceso a Palermo, cinque anni dopo il suo primo viaggio pastorale a Lampedusa dove aveva denunciato il dramma dei profughi, per ricordare don Pino Puglisi, il parroco del quartiere Brancaccio, ucciso dalla mafia il 15 settembre del ‘93. Don Puglisi è stato il primo martire di mafia, proclamato beato cinque anni fa per essere stato ucciso "In odium fidei" (in odio alla fede). Quella del papa non è la prima condanna della mafia. Nel 2014 sulla piana di Sibari (in Calabria) disse chiaramente che la Chiesa era contro la ‘ndrangheta. Fece anche elaborare un vademecum sulla scomunica per corruzione e associazione mafiosa per dare ai vescovi e ai parroci  delle norme di comportamento.  
Questa volta, in Sicilia, davanti a 80mila pellegrini, papa Francesco, più volte applaudito, ha detto: "Oggi abbiamo bisogno di uomini di amore, non di uomini di onore; di servizio, non di sopraffazione". Parlando anche in siciliano. Dicendo "piccioli" per condannare la ricerca di "soldi", "potere" e "piacere" attraverso cui "il diavolo ha le porte aperte".
E poi ancora: "Se la litania mafiosa è ‘Tu non sai chi sono io’, quella cristiana è ‘Io ho bisogno di te’. Se la minaccia mafiosa è ‘Tu me la pagherai’, la preghiera cristiana è ‘Signore, aiutami ad amare’. Perciò ai mafiosi dico: cambiate! Smettete di pensare a voi stessi e ai vostri soldi, il sudario non ha tasche, non potete portare niente con voi. Convertitevi al vero Dio di Gesù Cristo! Altrimenti, la vostra stessa vita andrà persa e sarà la peggiore delle sconfitte".  
Un discorso forte per spronare la Chiesa siciliana a scrollarsi da ogni tipo di legame con la mafia che si nutre anche di simboli religiosi. In precedenza il pontefice, nella diocesi di Piazza Armerina in provincia di Enna, una zona povera e dall’alto tasso mafioso, ha parlato ad una folla di 40mila persone. Qui ha invitato alla "convivenza giusta, piacevole e amabile" e a combattere le "piaghe" come "disoccupazione, usura e dipendenze".
16.09.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Ecco come sarà
il Cardiocentro 1.0
L'INCHIESTA

Sembrano giocattoli
... eppure uccidono
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Il formidabile esercito
...che ora si rinnova
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Quel Modi indiano
piace a Usa e Cina
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Dall'Iran sino a Kim
donald alza il tiro
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.06.2019
Nuova veste grafica, contenuti e funzionalità per il sito della Divisione della formazione professionale
17.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, maggio 2019
13.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, giugno 2019
12.06.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 24 giugno 2019.
12.06.2019
Pubblicato il rapporto annuale 2018 sul programma di monitoraggio ICP-Waters [www.ti.ch/aria]
11.06.2019
Qualità dell'aria in Ticino: rapporto 2018 [www.ti.ch/aria]
07.06.2019
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha rinnovato il suo portale tematico, modificando e aggiornando parte della documentazione [www.ti.ch/commesse]
05.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2019
31.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2019
23.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Incendio
nel centro
di Parigi,
almeno 3 morti

Italia: così
gli scafisti
scaricano i migranti
a Lampedusa