i deputati Ducry e Galusero sulla nuova legge di polizia
Immagini articolo
"Diamo ai nostri agenti
i mezzi per prevenire"
CLEMENTE MAZZETTA


Giorgio Galusero e Jacques Ducry "gemelli diversi". Il primo deputato Plrt, il secondo indipendente nel Ps. Entrambi a favore della nuova legge sulla polizia. "Norme più che necessarie: garantiscono alla polizia i giusti mezzi per una corretta azione preventiva", sostiene Galusero. "Codificano sostanzialmente dei comportamenti passati e li adeguano alle nuove esigenze dando i giusti margini di operatività", aggiunge Ducry.
Altro che polizia dalle mani "troppo" libere, rispondono i due interlocutori: "Macché: in questa legge non c’è nessuna novità se non quella di dare competenze alla polizia per indagini preventive adeguate alle nuove realtà".
Piuttosto un po’ di formalismo in più, maggior burocrazia, magari qualche lungaggine dovuta all’entrata (nel 2011) del codice di procedura penale unificato. Da opposte posizioni politiche, lo stesso ragionamento.  La nuova legge, criticata dall’Ordine degli avvocati che teme una riduzione dei diritti individuali, è all’esame della Commissione della legislazione.
Per l’ex ufficiale di polizia, Galusero, le modifiche sono come la scoperta dell’acqua calda: "Già trent’anni fa facevamo quello che ora si è messo nero su bianco. Per pedinare, osservare, indagare non è che chiedevamo tanti permessi. Abbiamo sempre trattenuto i minorenni in attesa che i genitori venissero a riprederseli. Abbiamo sempre fermato i maggiorenni a rischio, esagitati, anche se non avevano commesso alcun reato".
Prevenire, dunque. Sempre necessario anche quando per bocca dello stesso ministro delle istituzioni, si dichiara che sono diminuiti i reati nel cantone, dice Galusero: "Sì, oggi ci sono meno reati. Ma non bisogna abbassare la guardia. Semplicemente, visto che dal 2011 è entrato in vigore il nuovo codice di procedura penale, visto che il nuovo garantismo non permette più di farlo, occorre avere le basi legali necessarie per tutti gli interventi, dal pedinamento alla sorveglianza alle indagini contro la pedofilia su Internet".
Alle critiche di eccesso di discrezionalità concessa alla polizia - la custodia cautelare di 24 ore senza comunicazione al magistrato -, Ducry ribatte con l’esempio francese. A Parigi la "garde à vue"(ovvero il fermo di polizia) può durare fino tre giorni prima dell’avviso al magistrato. Una modalità utilizzata anche all’eccesso, circa 900mila i casi ogni anno. "Recentemente - spiega - anche l’ex presidente Nicolas Sarkozy è stato trattenuto in gendarmeria per due giorni. Da noi, tutte le leggi che limitano la libertà personale, dai pedinamenti ai controlli telefonici alla custodia di polizia per 24 ore, devono essere applicate in base al principio della proporzionalità e della sussidiarietà".
Dunque? "In base all’esperienza, alla legge, se questi provvedimenti vengono approvati cum grano salis nulla da eccepire. Ci fossero degli abusi ci sono tutte le garanzie per intervenire. Oggi con le nuove forme di criminalità, anche informatica, è necessario che la polizia abbia tutti i mezzi a disposizione".

c.m.
10.06.2018


Articoli Correlati
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

I matrimoni politici
impossibili (o quasi)
L'INCHIESTA

Il bluff della canapa light
in 5 minuti diventa droga
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Gli affari d'amore
non si fanno in banca
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Trump con i tassi bassi
sogna d'essere Reagan
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La guerra senza confini
dei "mercenari killer"
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
07.11.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 19 novembre prossimo
26.10.2018
Pubblicati i dati del censimento rifiuti 2017 [www.ti.ch/gestione-rifiuti, www.ti.ch/oasi]
26.10.2018
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da sabato 27 ottobre 2018 alle ore 8:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
24.10.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 5 novembre 2018.
23.10.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all’aperto (RLCFo/RaLLI) in vigore in Ticino e Moesano dal 26 settembre e in Val Poschiavo dal 16 ottobre 2018, viene da oggi esteso anche alla Val Bregaglia
22.10.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, settembre 2018
16.10.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) in vigore in Ticino e Moesano dal 26 settembre 2018, viene da oggi esteso anche alla Val Poschiavo
11.10.2018
Pubblicati i dati di funzionamento degli impianti di depurazione in Ticino [www.ti.ch/oasi]
04.10.2018
Avvio della consultazione del Progetto di risanamento fonico delle strade cantonali e comunali del Luganese [www.ti.ch/rumore]
03.10.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 15 ottobre prossimo

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Atene: scontri
alle celebrazioni
per la Rivolta
del Politecnico

CIA:
il principe saudita
ha fatto uccidere
Khashogggi