Idee sul governo spagnolo a maggioranza femminile
Immagini articolo
Se le donne in politica
fanno ancora notizia
GIUSEPPE GROSSO DA MADRID


Undici donne e sei uomini, il nuovo governo del premier e leader del Partito socialista Pedro Sánchez si muove a trazione femminile. E la presenza di tante ministre è un fatto storico per la Spagna che segna un record anche rispetto al governo di José Luis Zapatero, che nel 2004 aveva introdotto una divisione a metà tra i due sessi. Sánchez, che è subentrato all’ex presidente del Partido popular Mariano Rajoy, defenestrato dopo un voto di sfiducia in parlamento, ha inserito nella squadra anche l’astronauta Pedro Duque, responsabile della scienza e della ricerca.
Ma l’ondata femminista in Spagna non convince tutti. È davvero una svolta? E che cosa pensa la società civile del governo più rosa della storia del Paese iberico? Il Caffè lo ha chiesto a 11 (quante le neoministre) cittadine spagnole. "Siamo di fronte a un segno di apertura - sostiene Tamara Núñez, antropologa di 35 anni -. C’è ancora molta strada da fare, ma si tratta pur sempre di una piccola conquista che dobbiamo a quanti lottano quotidianamente per una società più inclusiva e più femminista".
Ma appunto la scelta di Sánchez non fa l’unanimità. "Attenzione però a non confondere femminile con femminista - avverte Ana Vicaria, ingegnere di 29 anni -. L’assetto dell’esecutivo socialista fa ben sperare, ma un governo a prevalenza femminile senza politiche specificamente femministe non è sufficiente". E in effetti, quanto c’è di marketing politico nella scelta di Sánchez? La domanda serpeggia maliziosamente soprattutto nell’area politicamente vicina all’uscente Partido popular. E se la pone anche Ana Arias, 32 anni, lighting designer: "Non vorrei che si trattasse di una mera operazione mediatica; l’assegnazione dei ministeri dovrebbe rispondere solo a criteri di merito e competenza". Dall’altro lato della scrivania, storce il naso una sua collega, Miriam Gutiérrez, stessa età, opinioni differenti: "Il fatto che un governo a maggioranza femminile sia notizia è segno dell’arretratezza culturale in cui viviamo".
Patricia Bernardos, illustratrice di 34 anni, con il suo giudizio cerca invece l’equilibrio tra la questione di genere e quella politica: "È fondamentale - dice -  che delle donne occupino posti di potere, per un’elementare questione di uguaglianza, ma ancora più importante è che questo nuovo governo sia efficiente". O, quanto meno, più efficiente e onesto del precedente di Rajoy, che per molti commentatori politici passerà alla storia come il governo dell’austerità e della corruzione. "Dopo anni di tagli ai diritti e allo stato sociale, un cambio al vertice non può che essere ben accolto", sottolinea Ana María Moreno, pensionata, 61 anni.
Ma siamo di fronte a un vero cambio di paradigma? "La presenza di 11 donne è una chiara dichiarazioni di intenti che può riportare l’attenzione generale sui diritti e le politiche sociali". Raquel Olcoz, scrittrice e giornalista di 42 anni: "Il ricambio politico mi sembra in sè molto salutare per la vita democratica". Olcoz, poi, aggiunge un altro concetto: "Però poco mi importa quante siano le donne. Mi importa piuttosto che siano tutti competenti e onesti. La vera uguaglianza l’avremo quando il sesso di una persona smetterà di essere rilevante".
Da Segovia, nel cuore rurale della Spagna, parla Ana Alonso, 47 anni, ragioniera: "Sono contenta di questa prevalenza femminile, perché credo che le donne abbiano un approccio ai problemi differente rispetto agli uomini, e spero che questa peculiarità si rifletta nelle politiche di questo governo a beneficio di tutte noi cittadine". Di nuovo madre e figlia, Aurora Hebrero, 60 anni, e Sara Maroto, 33, separate dagli anni ma unite dall’entusiasmo per la svolta rosa di Sánchez: "Sotto il franchismo ci hanno educato nel segno di un maschilismo oscurantista, e questo cambio mi sembra una grande conquista", dice Aurora. "Come donna - aggiunge Sara - mi sento più rappresentata". Né Sara né Aurora conoscono María Cano, disegnatrice tecnica di 42 anni, ma andrebbero d’accordo, visto il suo giudizio: "Queste donne forti e intelligenti - dice - in ruoli di potere possono servire da modello e ispirazione per le più giovani".
10.06.2018


IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

"Troppi negozi chiusi,
ogni mese 5 in meno"
L'INCHIESTA

La "bolla integralista"
cresce nelle carceri
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Sparate leghiste
da ignorare sempre
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Una politica assente
per il business migranti
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Orchi e melodrammi
non scaldano Cennes
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
L'amore d'antan
nel "Regality show"
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
22.06.2018
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– [www.ti.ch/commesse]
22.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, maggio 2018
08.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, primo trimestre 2018
06.06.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 18 giugno 2018.
06.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2018
01.06.2018
In occasione della "Settimana europea per lo sviluppo sostenibile", in programma dal 30 maggio al 5 giugno 2018, il Dipartimento del territorio (DT) ha aggiornato le pagine del proprio sito tematico, mettendo in evidenza attività e progetti promossi in collaborazione con i numerosi partner [www.ti.ch/sviluppo-sostenibile]
30.05.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile e primo trimestre 2018
29.05.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile e primo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Macron
ipoteca
il mini vertice
europeo

Bosnia-Erzegovina:
la rotta dei migranti
al confine
con la Croazia