I popolardemocratici e il sovranismo in vista del voto
Immagini articolo
"Dal Ppd la gente
vuole risposte chiare"
CLEMENTE MAZZETTA


Sovranista a chi?". Se c’è una cosa che va riconosciuta al presidente del Ppd è l’avversione per l’astrazione, per le definizioni, per le teorie. "Chi mi conosce lo sa: sono un uomo pratico - dice Fiorenzo Dadò -. Il problema è semplice: la politica deve dare sicurezza ai cittadini. E per quel che mi riguarda il Ppd deve dare risposte chiare ai problemi di oggi. Faccio un esempio: ho parlato con gli studenti dell’Usi e della Supsi. Stanno anni sui libri, le loro famiglie spendono soldi per farli studiare. E poi alla fine non trovano lavoro perché al loro posto viene assunto qualcuno pagato 3mila franchi, qualcuno che ogni giorno passa la frontiera. C’è rabbia per questo".
Parole che più che riaffermare l’identità del Ppd, sembrano inseguire la Lega e l’Udc sulla  battaglia "primanostrista" del mercato del lavoro. "Ma non è una questione di sovranismo, di prima i nostri, di rincorrere la Lega o l’Udc - ribatte Dadò -. Voglio semplicemente dire che la libera circolazione sta creando dei grossi problemi alla nostra gente e che occorre ridiscuterla con l’Europa. È di questo che dobbiamo parlare".
Se per sovranismo si intende la riaffermazione della sovranità nazionale rispetto alla cessione di diritti a enti o organizzazioni internazionali, allora Dadò è pienamente sovranista. E con cognizione di causa. "Fintanto che una nazione vuol chiamarsi tale, ha tutti i diritti di esistere e di tutelare le proprie priorità. È pura utopia pensare di far convivere popoli, paesi differenti, con salari diversi, con differenze abissali", aggiunge, pur non negando la necessità di rapporti internazionali, del dialogo con l’Unione europea. In questo contesto ribadisce la necessità di ridare coerenza e chiarezza al Ppd senza rifugiarsi negli slogan del passato. "Ma un partito come il mio, che si rifà ai principi dei valori e della centralità dell’uomo, non può accettare tutto in nome della globalizzazione dei mercati. Un partito come il mio, non può accettare l’esportazione facilitata di armi verso Paesi dittatoriali. Non può accettare lo sfruttamento delle persone, delle donne, della natura, dell’ambiente. Va fatto un discorso serio. Va verificato se questo sistema porta vantaggi alla collettività o solo a pochi. E poi agire di conseguenza. Nel senso che prima del libero mercato, occorre privilegiare l’equità e la solidarietà".
Principi forti e chiari in nome di un’identità nazionale sempre difficile da definire per una "Willensnation" come la Svizzera, multiculturale, multilinguistica. "Siamo una nazione con culture diverse, ma stiamo assieme perché condividiamo i valori della democrazia, della solidarietà su cui sarebbe necessario aprire un dibattito, coinvolgendo gli intellettuali senza dar la colpa di tutto alla politica - aggiunge Dadò -. Va rivendicata la piena sovranità della Svizzera, senza creare eccessivi conflitti che non portano a nulla, ma senza la debolezza che alcune volte manifesta il Consiglio federale trattando con l’Ue".
Ma non ci si salva da soli. Soprattutto in un’epoca in cui si esasperano, i nazionalismi, i protezionismi e i "sovranismi" come ha ricordato recentemente il vescovo Valerio Lazzeri sul passo del San Gottardo. Un concetto pienamente condiviso da Maurizio Agustoni, capogruppo parlamentare ppd: "Certamente  non possiamo pensare di costruire il nostro benessere a discapito degli altri. Ma allo stesso modo dobbiamo essere consapevoli che uno Stato è tale in quanto sovrano. Se uno Stato non è sovrano non è democratico, perché i suoi cittadini non possono decidere".
Parole prese a prestito dal generale Charles De Gaulle, secondo il quale l’Europa doveva essere un patto federativo tra Stati sovrani, non una sovranità superiore agli Stati. Perché altrimenti l’Unione si sarebbe ridotta al potere di alcuni Stati su altri. "Nella società c’è bisogno di avere delle prospettive più ampie, che vadano oltre alla semplice gestione quotidiana della cosa pubblica - aggiunge Agustoni -. Noi come Ppd non possiamo fare a meno di considerare la dottrina sociale della chiesa. Poi, certo, questi valori vanno vissuti e tradotti nell’attività politica. Cosa non facile. Perché non c’è un solo modo per tradurli. Per questo il nostro partito è stato sempre interclassista, con diverse anime, una più sociale dell’altra. Ma avere una visione di società alta aiuta non solo all’identità, ma anche ad elaborare proposte elettorale coerenti". Per questo Agustoni non ritiene ineluttabile il declino del Ppd: "Non siamo in una fase di ascesa, ma facciamo parte di una grande corrente di pensiero politico".

cmazzetta@caffe.ch
(3 - continua)
16.09.2018


Articoli Correlati
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

La privacy è morta
evviva la privacy
L'INCHIESTA

Gli affiti il business
delle Ferrovie federali
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

E il dentista incassa
i soldi dei contribuenti
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il gioco a scacchi
tra Trump e Kim
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Dalla Russia a Roma
le avventure degli 007
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il dopo Chavez
che avvelena Caracas
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
06.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 18 febbraio prossimo
01.02.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da venerdì 1° febbraio 2019 alle ore 9:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
30.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2018
29.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole medie superiori per il periodo 2019-2023
28.01.2019
I giovani e le aziende interessate a partecipare al programma di scambio Swiss Mobility sono invitati a porre candidatura entro il 15.3.2019
18.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2018
15.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole professionali secondarie e superiori per il periodo 2019-2023
09.01.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 21 gennaio prossimo
31.12.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 31 dicembre 2018 alle ore 09.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
21.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, dicembre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Ultimo
assalto
all'Isis
in Siria

Francia:
gilet gialli,
atto
numero 14