Le personalità che dividono e fanno discutere i partiti
Immagini articolo
I candidati "scomodi"
da non mettere in lista
CLEMENTE MAZZETTA


Meglio avere Daniele Caverzasio, che Boris Bignasca in lista per il Consiglio di Stato. Meglio per i vertici della Lega, ovviamente. Il primo è accomodante, tranquillo. Il secondo è ingombrante anche solo per il cognome che porta. Con lui si rischia di riportare il leghismo verso l’origine barricadera, anti-istituzionale, che oggi i due ministri della Lega non possono più rappresentare. Imprevedibile: non si può mai sapere dove va a parare. Scomodo.
Dal punto di vista  dei consiglieri di Stato uscenti c’è sempre un compagno di lista preferibile ad un altro. Quello che pedala,  porta voti, ma non ruba la scena. Nei partiti il "nemico" non è l’avversario: è spesso il compagno di lista. Quello che ti può sopravanzare. O quello che, per le posizioni "non conformi",  ti può far perdere le elezioni. O chi, astuto, si fa forte della sua posizione di minoranza. Provate a chiedere a John Noseda, che si era candidato nel 1999 per il Ps con l’elezione in tasca, come ci si sente quando si è battuti da Patrizia Pesenti, allora poco più che una principiante.
Per Christian Vitta, nell’ultima elezione Alex Farinelli è stato "miglior compagno" rispetto a Michele Bertini. Il primo rassicurante, il secondo incalzante. Entrato all’ultimo momento sfiorò il colpaccio. Mentre Vitta era il candidato più preparato, Bertini era quello più forte. Poteva contare su un ampio sostegno trasversale (ebbe 3.500 preferenze solo dalla Lega). Se ne rese conto solo all’ultimo. Quando era troppo tardi. Ora la situazione si è rovesciata, Farinelli, arrivato buon ultimo nel 2015, senza sgomitare potrebbe portare il secondo seggio al Plrt. Bertini è consapevole che rischia di rimanere vicesindaco a vita, dietro a Marco Borradori (Lega). Per questo cerca di uscire dall’angolo, anche a costo di scontentare una parte del partito.
La fortuna in politica è tutto, come insegna Ignazio Cassis, che è riuscito laddove altri hanno trovato porte chiuse. A partire da Remigio Ratti, nel 1999 in corsa per il Ppd per succedere a Flavio Cotti, per finire, nel 2015, con Norman Gobbi che per "l’impresa" si iscrisse pure all’Udc. Nel Ppd è Fiorenzo Dadò, che fa discutere. "Populista", senza peli sulla lingua, per le sue esternazioni si sta ponendo in rotta di collisione con l’establishment del partito che ha una storia di paziente mediazione alle spalle. Che non ama la contrapposizione plateale con il Plrt. Con lui il Ppd potrebbe dividersi in fazioni, con Paolo Beltraminelli che rischia di essere schiacciato da una personalità sicuramente fuori dagli schemi. Imprevedibile.
Nel Ps a far storcere il naso è un indipendente: Jacques Ducry, radicale, ex magistrato. Polarizza l’attenzione per le posizioni e per il consenso trasversale che ottiene fra la gente. La sua disponibilità alla candidatura per gli Stati nel 2015 durò lo spazio di un mattino: la "nomenclatura" socialista non la prese bene. Non gli restò che ritirarsi.  
È sempre uno scontro di potere quello che si cela dietro la facciata. Come quello che tagliò fuori Franco Cavalli nel 2011 da Berna, quando il Ps disse di no alla sua doppia candidatura.  Cavalli in lista solo per gli Stati non fu eletto, e il Ps perse il seggio al Nazionale. Ora Cavalli ci riprova con il suo Forum alternativo: assemblea il prossimo 26 settembre. L’idea è quella di costituire una forza a sinistra del Ps, a cui chiedere la congiunzione tecnica per il Nazionale. Magari con lui in testa. Cerchio magico permettendo.

c.m.
16.09.2018


Articoli Correlati
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

Sgravi fiscali per tutti
con un taglio del 5%
L'INCHIESTA

L'estate al museo
con 100mila visitatori
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Nelle città turistiche
non si santifica la festa
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Lehman Brothers
e la fine del sogno Usa
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I missili non aiutano
la Siria senza pace
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Con il "topo morto"
la lotta tra Cia e Kgb
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
È urgente arrivare
ad un'economia "pulita"
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2018
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2018
06.09.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È il linea il nuovo dossier sul tema “La scuola che verrà”
06.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2018
05.09.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 17 settembre prossimo
31.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2017
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

"Florence"
declassato
ma vittime
e danni

Città del Messico:
sparatoria
in pieno centro,
morti e feriti