4/Parola di Ministro, l'allarme di Manuele Bertoli
Immagini articolo
"Senza il Ps in governo
perderanno i cittadini"
LILLO ALAIMO E LIBERO D'AGOSTINO


La scuola è ormai una discussione da bar Sport in Ticino. Tutti a dare consigli su griglie orarie, lingue obbligatorie, ruolo dei docenti e degli studenti. Un cantone di pedagoghi. Bocciata la riforma "La scuola che verrà", il bersaglio grosso della didattica d’assalto resta, ovviamente, il ministro socialista Manuele Bertoli, che in molti vorrebbero scalzare dalla direzione del Decs, il dipartimento dell’Educazione. Sfrattando dopo quasi cento anni il Ps dal Consiglio di Stato. "Senza un socialista in governo a perderci saranno i cittadini", avverte Bertoli.
Nello studio del ministro a Bellinzona, accanto al pianoforte Schmidt Flohr c’è il bastone rosso che lo accompagna in una difficile campagna elettorale: "Non si tratta di salvare il mio seggio, ma il posto di tutta la sinistra in governo, perché quando la destra stravince sono legnate per i ceti meno abbienti. Lo si è visto a Lucerna dove, estromessi i socialisti, la destra ha ridotto i sussidi per i premi delle casse malati al punto che il Tribunale federale ha dovuto intervenire". Per contrastare la destra, sottolinea, non basta stare all’opposizione: "Nel nostro sistema uscire dall’esecutivo significa contare meno e incidere ancora meno sulle scelte politiche generali".
Col direttore del Decs non si parla soltanto di scuola, ma di una legislatura con bilanci risanati, pacchetti fiscali e sociali in aiuto delle imprese e delle famiglie, scandali amministrativi smorzati, ma anche di una classe politica che non fa il pieno di consensi. Persino il mondo intellettuale, tradizionalmente più a sinistra, si dice sconcertato dalla pochezza dell’azione politica in questi ultimi anni. "Una politica bloccata, con poca progettualità - ammette Bertoli -, ma l’urgenza di risanare le finanze cantonali ha monopolizzato per anni il dibattito. Inoltre, il caso Argo1 e le polemiche sui rimborsi dei consiglieri di Stato hanno messo in ombra l’azione politica vera". Il governo di cose ne ha fatte, sostiene il ministro, sebbene a volte non sia riuscito ad arrivare sino in fondo.
"La politica è la visione che si ha del futuro - dice -, se si naviga un po’ a vista è perché non ci siamo dati gli strumenti per guardare più lontano. Penso, ad esempio, alla mia proposta di far acquisire al Cantone dei terreni strategici per poi cederli alle aziende a determinate condizioni, per imprimere alla politica industriale un orientamento diverso. Perché non si può ragionare solo in termini di attrattività fiscale, sottovalutando la qualità del lavoro". Insomma, il solito refrain della sinistra sul più Stato e meno libertà per le imprese? "Questa è la classica critica di chi invoca più libertà per le aziende, ma che senza pudore pretende l’aiuto dello Stato quando le cose vanno male", ribatte il ministro.
Nonostante le critiche, nelle due ultime legislature, secondo Bertoli, si è fatto parecchio per la formazione e la cultura. "Il nostro settore universitario si è consolidato, è nata anche la nuova facoltà di scienze biomediche, un elemento chiave per il Ticino universitario e per la nostra sanità. Si è lavorato parecchio nel settore scolastico post-obbligatorio e abbiamo creato l’Istituto per la formazione continua. Ora siamo impegnati in due grandi progetti: la Città dei mestieri e l’obbligo della formazione sino a 18 anni". E qui si tocca il nervo scoperto di una formazione professionale che, a giudizio di molti, non riesce a stare al passo con un mondo del lavoro che cambia velocemente. Per il ministro l’attuale sistema di formazione duale è abbastanza flessibile e in grado, perciò, di reggere il ritmo dei cambiamenti, anche se sarebbe necessario sburocratizzarlo un po’. "Bisogna evitare che la formazione di base sia dall’inizio troppo specifica - osserva -. Una formazione più aperta offre ai giovani maggiori possibilità di cambiare se è necessario".
La disoccupazione è ai minimi storici, gli assistiti ricollocabili, in qualche modo, nel mondo del lavoro sono circa 3000, l’occupazione cresce, eppure il quadro descritto sia dalla sinistra che dalla destra è sempre catastrofico. "L’occupazione è aumentata ma è cresciuto anche il precariato - spiega Bertoli -. C’è una parte non indifferente di occupati che riceve un salario che non basta per vivere in Ticino".  Salari più bassi del 15-20% rispetto agli altri cantoni, era così trent’anni fa, è così ancora oggi, un divario che non è dunque imputabile solo alla presenza dei frontalieri: "L’abuso del frontalierato da parte di alcune imprese non aiuta a ridurre questo gap. Il confronto non va fatto tra lavoratori, frontalieri e residenti, ma tra lavoratori e datori di lavoro, tra i quali ci sono quelli scorretti che approfittano della manodopera estera. Purtroppo la sinistra non è riuscita a spostare a sufficienza il discorso politico sul secondo confronto, quello vero".
Il Ticino vanta una ricca offerta culturale, ma talvolta improvvisata e scoordinata, una situazione che, assicura il ministro, sta già migliorando grazie all’istituzione della Conferenza cantonale della cultura. "Bisogna incoraggiare la qualità dell’offerta - afferma -. La novità del Masi, il Museo d’arte, è nata dalla collaborazione tra il Cantone e la Città di Lugano, per l’Orchestra della Svizzera italiana siamo riusciti ad ottenere una convenzione che ne garantirà l’attività per anni, mentre col dipartimento Finanze stiamo discutendo un ticket speciale per incentivare il turismo culturale".
Dal Dipartimento della cultura alla cultura politica di un Ps che soffre da tempo della mancanza di una leadership forte, capace di guidare il partito tra le sfide di una società in trasformazione e disinnescare le contrapposizioni interne. Contrasti che il consigliere di Stato minimizza: "Si è enfatizzata la nostra divisione sul pacchetto fiscale e sociale, dimenticando però che grazie al nostro ricorso contro l’amnistia fiscale abbiamo recuperato 150 milioni in tre anni. Su quel pacchetto c’è stato un confronto che ci differenzia dall’unanimismo di facciata degli altri partiti".  
Del resto, le divisioni sono nel dna della sinistra che, a differenza della destra, è incapace di unire le sue forze: "Mi auguro che il popolo progressista il prossimo aprile abbia una visione più strategica e avverta questa necessità. Dialogare con chi da sinistra vede nel Ps il nemico numero uno e finisce solo per aiutare la destra è divenuto quasi impossibile".
Se non ci fosse più il Ps, Bertoli militerebbe tra i Verdi, perché la difesa dell’ambiente, nota, è già una drammatica emergenza: "Penso, comunque, a una forza che coltivi la collaborazione con tutti i progressisti".

alaimo@caffe.ch
ldagostino@caffe.ch
17.03.2019


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

L'ascensore sociale
si è ormai inceppato
L'INCHIESTA

"Il via vai di procuratori
rallenta le inchieste"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

I talenti non hanno
orientamenti sessuali
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La crescita dipende
dai rapporti con Trump
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Le famiglie in fuga
dalle paure di Kabul
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Tecniche viet-cong
nei tunnel del Califfato
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Cibo e ambiente
allungano la vita
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2019
13.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2019
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, quarto trimestre e anno 2018
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2019
07.03.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da giovedì 7 marzo 2019 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
27.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta dell'11 marzo 2019.
27.02.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Brexit:
Farage lancia
la marcia
pro-Leave

Tirana:
violente proteste
davanti
al Parlamento