function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};
1/ Il legame dei partiti con chi crea "capitale sociale"
Immagini articolo
L'ambiguo rapporto
tra politica e cultura
LIBERO D'AGOSTINO


Tra i politici c’è ancora chi alla parola cultura metterebbe subito mano alla pistola e chi, invece, pensa solo ai generosi sussidi pubblici. Ma c’è anche chi s’illumina di grandi visioni. Come quelle che hanno portato alla nascita dell’Usi, l’Università della Svizzera italiana, del Lac di Lugano, del PalaCinema di Locarno e di altre iniziative, meno note, che hanno però arricchito il panorama culturale del cantone. Il rapporto tra cultura e partiti è assai complesso e discontinuo, a tratti persino ambiguo.
Le grandi istituzioni culturali realizzate negli ultimi 25 anni sono indubbiamente targate Plrt. Senza la determinazione dei liberali radicali Giuseppe Buffi, all’epoca consigliere di Stato, e dell’ex sindaco di Lugano Giorgio Giudici, in Ticino non ci sarebbe stata l’Usi. Un progetto sollecitato e incoraggiato nel ’91, quando era presidente della Confederazione, dal popolare democratico Flavio Cotti.  Senza la tenacia dell’ex municipale plrt Giovanna Masoni, Lugano non avrebbe avuto il Lac, almeno nella grandiosità odierna; mentre Locarno deve alla risolutezza dell’ex sindaca liberale radicale, Carla Speziali, la costruzione del PalaCinema.
Sempre nel campo accademico, è il popolare democratico Renzo Respini, ministro dal 1983 al 1995, l’artefice della Facoltà di Teologia di Lugano, il grande sogno del vescovo Corecco. Negli anni a seguire, della politica culturale del Ppd si ricorderanno solo le polemiche moraleggianti contro il Festival del Film.
Sul versante leghista, a parte il sostegno convinto di Giuliano Bignasca al progetto dell’Usi, si è persino allergici alla parola cultura. Si è sparato a palle incatenate contro il Lac e il Festival del Film, si attacca frontalmente la Rsi, accusandola di essere al servizio della sinistra. Per il leghismo la cultura va inchiavardata nella difesa dell’identità territoriale, tutto il resto servirebbe solo a camuffare il "fallimentare multiculturalismo".
A sinistra l’impegno culturale è rimasto inquinato dal dogmatismo del "politically correct". Sul piano istituzionale si devono, invece, al ministro socialista Manuele Bertoli la nuova legge sul sostegno alla cultura, i recenti accordi con i principali Comuni per pianificare gli investimenti nel campo culturale, il decisivo apporto alla nascita del Forum per l’Italiano in Svizzera e del Masi, il Museo d’arte di Lugano.
Se questi sono, nelle linee generali, i rapporti tra partiti e cultura, va ricordato che solo da una decina di anni si è affermata la consapevolezza che gli investimenti in questo settore generano un notevole ritorno economico. Inoltre, in un cantone che nel 2017, ha registrato 8.329 eventi culturali (ultimo dato ufficiale), che vanta due siti Unesco, 25 musei e 94 strutture tra spazi museali, culturali o espositivi, si è cominciato a capire quanto sia importante quella cultura diffusa sul territorio, capace di coinvolgere strati più ampi di popolazione, con ricadute importanti per la convivenza sociale.
Il Ticino ha oggi un patrimonio di beni materiali e immateriali capace di generare non solo attrattività turistica e indotto economico. Ma soprattutto qualità di vita, capitale sociale e un senso di comunità inclusivo, contrapposto a quel comunitarismo etno-identitario che ha gravemente devastato lo spazio pubblico negli ultimi anni. È anche su questa dimensione della cultura che va commisurato l’impegno dei partiti.

ldagostino@caffe.ch
(1 - continua)
14.07.2019


Articoli Correlati
Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
15.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2020
13.05.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 25 maggio 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2020
08.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Dati settimanali provvisori sui decessi, Ticino e Svizzera, stato al 5.5.2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2020
30.04.2020
Pubblicato il Rendiconto 2019 del Consiglio di Stato
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ripartenza a singhiozzo
e borse poco indicative
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il braccio del Sultano
"allunga" il suo potere
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

In Francia
si riprende
ad andare
a messa

Spagna:
10 giorni di lutto
e piano di riapertura
dal primo luglio

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00