Le nuove generazioni alla prova elettorale federale
Immagini articolo
I giovani alla conquista
della 'vecchia' politica
CLEMENTE MAZZETTA


La politica non è roba da vecchi". Damiano Oleggini, 26 (Generazioni giovani Sottoceneri- Ppd), tecnico del suono, interpreta così i sentimenti delle giovani generazioni: "Mi sono candidato per dimostrare che anche i giovani tengono al proprio paese, al proprio partito. Non siamo disinteressati alla politica". I care, verrebbe da dire: "Mi importa, mi sta a cuore". E non è neanche roba per soli uomini, sostiene Caroline Schlunke, 26 anni, della lista "più donne", praticante avvocato. Ha un passato nel volontariato sociale.  Per lei il Ticino è ancora troppo maschilista: "Mi batto per la parità di genere, per l’uguaglianza uomo/donna. Siamo ancora in poche dentro le istituzioni".
Si muove in un contesto più ideologico Lea Schertenleib, 19 anni, del Partito comunista (lista Verdi e Sinistra alternativa), studentessa di pedagogia a Friborgo: "La nostra responsabilità è quella di spostare gli equilibri più a sinistra, conquistando il secondo seggio - spiega -. I temi che mi stanno a cuore sono la lotta al precariato e quello per il diritto allo studio". Politicizzato anche il giovanissimo Yannick Demaria, 18 anni, studente, che elenca le ragioni del suo impegno: "Lotto per una società diversa rispetto a quella attuale, dove esistono forti disparità salariali, dove la gente fa più fatica, dove il lavoro è sempre più precario, dove l’emergenza climatica è ormai una priorità". Identiche a quelle degli altri ragazzi però le motivazioni di fondo: "È ora che i giovani ci mettano la faccia per il futuro di tutti, per dare nuova linfa ad una politica invecchiata, non più attenta ai bisogni della popolazione".
Cambiamento è la parola che Kevin Pidò, 23 anni, impiegato nella logistica, nel movimento di Montagna Viva da quando aveva 18 anni, mette al centro del proprio impegno: "I giovani di qualsiasi parte politica, di destra e di sinistra, hanno in comune una visione nuova della realtà e del futuro. Cambiamento è la parola che ci accomuna".
Valérie Baggi, 23 anni, studentessa a Ginevra (Generazioni giovani del Sopraceneri), si è messa in gioco con una visione "adulta", molto ‘politique politicienne’: "Voglio dare il mio contributo per rafforzare i partiti di centro, che non sono quelli della via di mezzo, ma quelli che sanno dare risposte concrete ai problemi reali", afferma, convinta della bontà della congiunzione Ppd e Plrt. Il suo tema di battaglia è l’emigrazione. Ha alle spalle diverse esperienze di solidarietà a favore dei migranti a Catania, Como, Giubiasco.
In politica "perché noi nel 2050 ci saremo ancora", riflette Andrea Ghisletta, 25 anni, economista, del Ps: "Perché le condizioni di vita fra trent’anni dipenderanno dalle scelte che si fanno adesso. Quello che accomuna i giovani di tutti i partiti è uno sguardo che va al di là del presente, che considera il lungo termine". Senza troppe illusioni elettorali: "Esserci è importante per portare i primo piano le questioni che ci stanno a cuore per cambiare la Svizzera". I suoi: quello ambientale e quello pensionistico. "Due temi dove esiste un grande conflitto generazionale".
Il futuro è il "leitmotiv" di Emanuele Mobiglia, 20 anni, studente di medicina, dei Verdi liberali. "Sono entrato in politica perché se il futuro appartiene alle giovani generazioni è meglio iniziare subito". Per lui la questione più importante è quella ambientale. Ma senza ‘ismi’: "Niente in contrario allo sciopero per il clima, ma attenti: non bisogna sacrificare la nostra preparazione, la nostra istruzione. Quella ambientale è una sfida da affrontare senza esasperazione. Facendo qualcosa di concreto. Non ci accontentiamo più delle parole".
cmazzetta@caffe.ch
13.10.2019


Articoli Correlati
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
15.10.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, settembre 2019
02.10.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 14 ottobre 2019
20.09.2019
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o per incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– per l'anno 2018 [www.ti.ch/commesse]
19.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, agosto 2019
17.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2019
11.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2019
09.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2019
04.09.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 16 settembre prossimo
03.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio 2019
02.09.2019
Aggiornati e completati i dati sugli impianti di depurazione delle acque [www.ti.ch/oasi]
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
L'egemonia del dollaro
sulla moneta digitale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Killer, boss e agguati
al clan dei marsigliesi
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Il sanguinoso attacco
alla "Terra dell'alba"
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Emmental e pollo
tra i "falsi svizzeri"
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Barcellona,
sale il numero
di arresti
e feriti

A Ford-Coppola
il premio
Lumière 2019

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00