function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};





Quali saranno i "vertici" della coalizione di destra
Immagini articolo
Una leadeship udc
per la nuova destra
LIBERO D'AGOSTINO


Dopo le batoste elettorali alle cantonali e alle federali, la Lega assomiglia al "Visconte dimezzato" di Italo Calvino. Divisa tra il richiamo primitivo della protesta e le responsabilità istituzionali con due ministri al governo. Ma a differenza del nobile Medardo di Terralba, per il leghismo non si vede nessun dottor Trelawney, nessun leader, capace di ricucire assieme le due parti. Anzi, c’è chi come l’ex presidente democentrista Pierre Rusconi ritiene indispensabile una fusione con l’Udc per compattare la nuova destra ticinese. Una destra che avrebbe, però, sulla plancia di comando il partito di Piero Marchesi. Per uomini, programmi e propositività  politica,  solo l’Udc è oggi in grado di assicurare la leadership di un’area che raccoglie quasi il 30% dei consensi.
La Lega non è morta. È in coma. Ma a rianimarla non sarà il nuovo quadrumvirato, Boris Bignasca, Michele Foletti, Roberta Pantani e il ministro delle Istituzioni Norman Gobbi, che ha sostituito il regime dei colonnelli e di cui il Mattino non ha dato neanche notizia. Nè basterà rispolverare l’anima sociale con gli slogan del 2007 sulla tredicesima Avs e la cassa malati unica, perché il leghismo del 2019 non più essere quello del ‘91, come ha ben capito Gobbi. Per questa nuova fase mancano, però, idee e programmi.
Persino il Mattino, che era il vero propulsore della Lega, non fa più presa. Con la sua maniacale ripetitività  è ormai solo l’eco triste del declino di una forza politica che tra il 2011 e il 2015 aveva più che raddoppiato i suoi elettori passando dal 7,4% al 15,4%, mentre negli ultimi sei mesi ha perso quattro seggi a Bellinzona e uno a Berna. Ma manca, soprattutto, un leader, quella  "Guida" invocata da tutti, capace di reinterpretare lo spirito originario, di "emozionare la gente" per dirla col deputato  Andrea Censi.
"L’Udc ci sta sopravanzando perché lavora bene, da noi non si sa più chi comanda" ha avvertito Riccardo Braga, autentico leghista della prima ora. A guardare lo stato maggiore di via Monte Boglia non si vedono potenziali leader. Il giovane Bignasca ha l’irruenza del padre Giuliano ma non la sua genialità; Marco Borradori è troppo accomodante per rilanciare con polso fermo il movimento; Foletti è eccessivamente istituzionale; il ministro Claudio Zali è poco empatico e per nulla comunicativo; Pantani e Lorenzo Quadri hanno determinazione ma non carisma. L’unico leader possibile, se non fosse impedito dalla carica ministeriale, sarebbe Gobbi: ottimo comunicatore, idee chiare e autorevole agli occhi del popolo leghista, nonostante stia a mezzadria con l’Udc. Ma, forse, anche per questo avrà un ruolo di spicco nella destra sovranista a guida democentrista.
Tutt’altre prospettive per l’Udc che, per quanto ancora elettoralmente al di sotto della Lega, nella scorsa legislatura le ha dettato l’agenda politica con un diluvio di atti parlamentari, col successo dell’iniziativa "Prima i nostri",   la richiesta del referendum finanziario obbligatorio,  col voto che ha affossato la sperimentazione della riforma scolastica e le 11 iniziative sugli sgravi fiscali per il ceto medio e le imprese.
La nuova destra ticinese ha già una leadership ben profilata: il presidente udc Marchesi che ha segnato con successo la svolta del partito,  Sergio Morisoli, il teorico di quel "liberalconservatorismo" che potrebbe evitare ai democentristi il rischio esaurirsi nella monotematicità antieuropea, e Marco Chiesa, il volto moderato di un sovranismo che piace anche alla destra del Plrt e del Ppd.
ldagostino@caffe.ch
(2 - continua)
10.11.2019


Articoli Correlati
Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
06.07.2020
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2019
17.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, maggio 2020
17.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2020
12.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2020
10.06.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 22 giugno 2020
04.06.2020
Swiss Mobility: opportunità di stage professionale in Svizzera per neodiplomati 2020
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
15.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La Libia è una polveriera
ormai pronta a esplodere
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Le gang dettano legge
in sessanta città Usa
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

25 anni
dal massacro
di Srebrenica

Belgrado:
assalto
al Parlamento

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00