Società
Immagini articolo
In barca a vela
per rinascere
MAURO SPIGNESI


La barca e il mare come scuola di vita. Come stimolo per programmare un percorso di crescita. "Perché stare in crociera è un impegno, si passano le giornate in un ambiente piccolo, racchiuso in pochi metri e pochi ambienti.  Tutti si mettono alla prova". Cristina Lombardi ha fatto la skipper per tanti anni, ha partecipato a crociere e navigazioni in solitaria. E proprio durante un viaggio ha incontrato un gruppo di ragazzi che sulla barca a vela cercavano di scacciare le difficoltà, di crescere. "È un metodo che mi è piaciuto molto, e allora l'ho portato con me, in Ticino".
Così, con alcuni amici, Lombardi tre anni fa ha fondato "Il Sorgitore", associazione "no profit" che si occupa appunto di progetti per lo sviluppo delle capacità individuali di ragazzi in difficoltà. "La navigazione a vela è uno straordinario strumento educativo per la prevenzione e il recupero del disagio psico sociale degli adolescenti".  Il primo viaggio è stato fatto l'anno scorso. "Siamo partiti per 8 settimane, quest'anno saranno 10. Ci sembra un periodo adeguato, perché si perde qualche giorno nell'ambientamento e  alla fine, quando c'è già aria di ritorno a casa, non c'è concentrazione".
I cinque ragazzi, tutti ticinesi, che un mese fa hanno mollato gli ormeggi, hanno fatto tappa in Sicilia, a Vulcano. Sono giunti da La Spezia e hanno fatto rotta su Napoli. Poi faranno sosta in Sardegna e infine punteranno in alto mare per un lungo tratto di dieci giorni dal Portogallo alle Azzorre. Il tutto a bordo di una Sun Kiss 47 (14 metri) del 1989, attrezzata per la navigazione d'altura. "L'idea è quella di lanciare una sfida, ma non in senso agonistico. Piuttosto con se stessi, superare le paure, far saltare certe convenzioni e sviluppare il rapporto con gli altri - riprende Lombardi -. Per stare in una barca così tanto tempo servono regole condivise e certe, alcune dettate dalle situazioni che vengono a crearsi, e molta disciplina. Anche se noi poi cerchiamo di non fare un decaloghi troppo rigidi perché i ragazzi, soprattutto a quell'età, devono avere il loro spazio d'azione e non sentirsi prigionieri. Chi vuole può sbarcare in qualsiasi momento". Secondo il progetto dell'associazione il mare serve per creare una "rottura con l'ambiente abituale, serve per responsabilizzazione i ragazzi, sollecitare maggiore autostima necessaria per superare i problemi. In una barca, in un ambiente piccolo e chiuso, tutto diventa più difficile, siamo tutti in prova, si stacca ogni legame con la realtà. Non hanno neppure telefono, a bordo".
L'associazione è nata sulla falsariga di altre realtà che esistono e funzionano molto bene in Francia e Italia. "Ho incontrato alcuni di loro - racconta Lombardi - durante una regata. Io vado a vela da tanti anni, ho compiuto anche attraversate in solitaria. Ed era arrivato il momento, mi sono detta, di fare qualcosa di nuovo, di mettere le mie conoscenze, la mia esperienza a disposizione degli altri. Soprattutto di chi non ha la possibilità di salire su una barca, di chi ha difficoltà a trovare una strada propria". Ecco la nascita di skipper che diventano educatori, fanno capire ai ragazzi che se si impegnano riescono a concludere un progetto. Insomma, possono farcela.
"In questa mia avventura - nota - ho incontrato le persone giuste, che avevano la stessa idea. Ecco perché, come si dice, siamo partiti con il vento giusto".
Lo stesso vento che spinge i ragazzi nella giusta rotta. Della vita.mspignesi@caffe.ch
27.05.2012


IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

"Troppi negozi chiusi,
ogni mese 5 in meno"
L'INCHIESTA

La "bolla integralista"
cresce nelle carceri
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Sparate leghiste
da ignorare sempre
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Una politica assente
per il business migranti
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Orchi e melodrammi
non scaldano Cennes
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
L'amore d'antan
nel "Regality show"
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
22.06.2018
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– [www.ti.ch/commesse]
22.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, maggio 2018
08.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, primo trimestre 2018
06.06.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 18 giugno 2018.
06.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2018
01.06.2018
In occasione della "Settimana europea per lo sviluppo sostenibile", in programma dal 30 maggio al 5 giugno 2018, il Dipartimento del territorio (DT) ha aggiornato le pagine del proprio sito tematico, mettendo in evidenza attività e progetti promossi in collaborazione con i numerosi partner [www.ti.ch/sviluppo-sostenibile]
30.05.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile e primo trimestre 2018
29.05.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile e primo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Macron
ipoteca
il mini vertice
europeo

Bosnia-Erzegovina:
la rotta dei migranti
al confine
con la Croazia