In Svizzera uno su 5 assume farmaci a rischio dipendenza
Immagini articolo
Se della pasticca...
non si fa più a meno
CRISTINA GAVIRAGHI


La schiena duole, ma con le pastiglie date dal dottore si torna a star meglio, così bene che, anche se la cura è finita, la si continua. Ed è così che a quel farmaco non si riesce più a rinunciare e la terapia evolve in modo subdolo in dipendenza.
Il Servizio specializzato di Zurigo per la prevenzione dell’abuso di alcol e farmaci (www.zuefam.ch) ha definito il consumo eccessivo di medicinali "una tossicomania discreta, femminile, taciuta, legale, non evidente e molto diffusa", descrivendo bene il fenomeno. Nella Confederazione sembra che una persona su dieci assuma farmaci che possono causare dipendenza e, secondo stime forse in difetto, sarebbero 60mila gli svizzeri già dipendenti da qualche farmaco e 170mila quelli a rischio. La maggior parte sono donne, spesso anziani, persone che non si rendono conto di abusare dei medicinali che vengono loro prescritti e non cercano aiuto.
Il fenomeno non è grave come negli Usa, dove nel 2013 ci sono stati più morti per overdose da farmaci che per incidenti stradali, ma gli esperti richiamano a una maggiore attenzione al problema, tanto che l’Ufficio federale della sanità ha inserito la dipendenza da farmaci nella Strategia nazionale dipendenze. I medicinali incriminati sono gli antidolorifici, specialmente gli oppioidi, le benzodiazepine, tranquillanti per combattere insonnia e ansia, e gli psicostimolanti.
Con la popolazione che invecchia, di antidolorifici e sonniferi c’è sempre più bisogno. Ma un fisico anziano metabolizza in modo diverso i principi attivi ed è più suscettibile a eventuali effetti tossici. Se a ciò si aggiunge anche un deperimento cognitivo, ecco che il rischio di un abuso o un cattivo uso dei farmaci, anche inconsapevole, aumenta.
Per i più giovani la farmacodipendenza può derivare dal desiderio di sentirsi bene e di essere sempre all’altezza di ciò che i ritmi frenetici della vita pretendono. Il facile accesso ai farmaci e la convinzione che siano sicuri, perché prescritti e del tutto legali, fanno il resto. Si comincia col prendere una pillola per superare le limitazioni di un mal di schiena o di un’ansia che sopraggiunge per un periodo difficile, ci si sente meglio e non si riesce più a smettere. La dipendenza è sia fisica, con un corpo che soffre senza il farmaco, sia psicologica, con una mente sempre alla ricerca dell’agognata pillola. Si può arrivare a vere e proprie crisi di astinenza da cui ci si può liberare con l’aiuto di specialisti e che a volte possono richiedere addirittura il ricovero.
L’abuso di droghe illegali e alcol è più manifesto, mentre la farmacodipendenza passa spesso sotto silenzio, eppure può agire in tempi rapidi. Il continuo bisogno di benzodiazepine può insorgere già dopo poche settimane di uso, ne servono sempre di più per ottenere gli stessi effetti e il rischio di dipendenza cresce con la durata del consumo e con le quantità somministrate.
Difficile è per i medici parlare di dipendenza e abuso con i propri pazienti così come è spesso difficile rifiutare loro altre prescrizioni. Eppure è dal medico di famiglia che può arrivare il primo aiuto a chi è farmacodipendente. È qui che il curante può accorgersi di richieste e comportamenti anomali del paziente e agire di conseguenza fornendo supporto e indicazioni per contrastare l’abuso di medicinali. Purché il medico sia preparato a riconoscere e gestire una condizione spesso sottovalutata e ignorata.
10.06.2018


IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

"Troppi negozi chiusi,
ogni mese 5 in meno"
L'INCHIESTA

La "bolla integralista"
cresce nelle carceri
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Sparate leghiste
da ignorare sempre
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Una politica assente
per il business migranti
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Orchi e melodrammi
non scaldano Cennes
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
L'amore d'antan
nel "Regality show"
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
22.06.2018
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– [www.ti.ch/commesse]
22.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, maggio 2018
08.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, primo trimestre 2018
06.06.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 18 giugno 2018.
06.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2018
01.06.2018
In occasione della "Settimana europea per lo sviluppo sostenibile", in programma dal 30 maggio al 5 giugno 2018, il Dipartimento del territorio (DT) ha aggiornato le pagine del proprio sito tematico, mettendo in evidenza attività e progetti promossi in collaborazione con i numerosi partner [www.ti.ch/sviluppo-sostenibile]
30.05.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile e primo trimestre 2018
29.05.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile e primo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Macron
ipoteca
il mini vertice
europeo

Bosnia-Erzegovina:
la rotta dei migranti
al confine
con la Croazia