Dieci colli alpini saranno a disposizione dei cicloamatori
Immagini articolo
Passi chiusi alle auto
per far spazio ai ciclisti
FRANCO ZANTONELLI


Atroce per un uomo in bici". In questi termini efficaci l’ex-vincitore del Giro d’Italia, Gilberto Simoni, ha definito, sulle pagine del Corriere della Sera, lo Zoncolan, un’ascensione delle Alpi friulane con una pendenza del 20%. Un vero e proprio inferno sulle due ruote. Eppure nei mesi estivi non pochi cicloturisti si cimentano su questa ed altre salite che spezzano le gambe. Uno dei preferiti, anche dagli svizzeri, è lo Stelvio, con la sua mitica Cima Coppi, situata a 2.758 metri sul livello del mare. "Una faticaccia ma ne valeva la pena", commentò, nel 2009, la sua scalata in bici dello Stelvio l’ex-consigliere nazionale Fulvio Pelli.
Da quest’anno, consapevole del crescente successo delle escursioni, spesso impegnative, sui pedali da parte di molti turisti in Svizzera 10 colli alpini verranno chiusi al traffico motorizzato, durante alcuni fine settimana estivi, per consentire ai ciclisti dilettanti di dare sfogo alla loro passione, senza doversi preoccupare delle auto o delle moto che li sfiorano, mentre stanno arrampicandosi lungo strade di montagne, il più sovente tortuose e strette. L’iniziativa si deve a Svizzera Turismo ed è partita a fine maggio, con il Susten. Il clou si avrà il 22 luglio, con la Granfondo San Gottardo, il cui percorso più lungo si snoda per 110 chilometri, oltre che sul passo del Gottardo, su quelli del Furka e della Novena. Con un dislivello di 2.900 metri e salite per 40 chilometri.
Svizzera Turismo, con la sua offerta ai cicloamatori, si rivolge innazitutto al milione e mezzo di turisti che, ogni anno, accorrono nel nostro Paese, per trascorrere le vacanze in bicicletta. Un milione e mezzo di persone che rappresentano il 19,4% del totale di chi sceglie la Svizzera per le proprie ferie.
"L’iniziativa è lodevole e, seppur con ambizioni ridotte, si muove nella giusta direzione - dice al Caffè Marco Vitali, presidente di Pro Velo Ticino ed ex-corridore professionista -. Ricordiamoci, infatti, che abbiamo montagne uniche al mondo e che pedalare per piacere è un’attività sempre più diffusa".
Grazie, tra l’altro, e vale la pena sottolinearlo, alla diffusione esponenziale delle bici elettriche di cui circolano, nel nostro Paese, oltre 400 mila esemplari. Siamo, insomma, diventati un popolo di ciclisti. "In effetti - spiega Marco Vitali - le bici elettriche hanno aggiunto un enorme potenziale di utenti, anche tra le famiglie. Dare quindi la possibilità, anche se solo per una volta all’anno, di percorrere i nostri passi alpini in sicurezza e non sommersi dai frastuoni, è anche indicare a tutti, non solo ai turisti, che quelle strade e quei paesaggi meritano di essere apprezzati e goduti in modo differente." Non dimentichiamo, a questo riguardo, il recente clamoroso successo di Slow Up Ticino, cui hanno partecipato 42 mila persone.
Va, comunque, ricordato che l’iniziativa di Svizzera Turismo si rivolge agli utenti delle due ruote del tempo libero mentre, come rilevato in precedenza, se è vero che siamo diventati un popolo di ciclisti, bisogna capire se essa costituisca un presupposto per favorire, pure, chi la bicicletta la utilizza più che altro per spostarsi.
"Il rischio di iniziative come quella - spiega ancora Marco Vitali - è far dimenticare che il vero problema, anche per i turisti, è la mobilità urbana. Non risolverlo, significa anche continuare ad assistere impotenti, sul nostro territorio, al transito di fiumane di autoveicoli diretti verso sud e con bici al seguito".
10.06.2018


Articoli Correlati
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

Sgravi fiscali per tutti
con un taglio del 5%
L'INCHIESTA

L'estate al museo
con 100mila visitatori
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Nelle città turistiche
non si santifica la festa
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Lehman Brothers
e la fine del sogno Usa
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I missili non aiutano
la Siria senza pace
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Con il "topo morto"
la lotta tra Cia e Kgb
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
È urgente arrivare
ad un'economia "pulita"
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2018
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2018
06.09.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È il linea il nuovo dossier sul tema “La scuola che verrà”
06.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2018
05.09.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 17 settembre prossimo
31.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2017
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

"Florence"
declassato
ma vittime
e danni

Città del Messico:
sparatoria
in pieno centro,
morti e feriti