Il successo delle formazioni multietniche al mondiale russo
Immagini articolo
Il calcio e lo sport
senza più frontiere
MAURO SPIGNESI


Ha fatto discutere la Germania, ma prima era arrivata la Francia che anni fa si è identificata  nei successi di Zinédine Zidane, figlio della Cabilia, regione berbera dell’Algeria e ora in Kylian Sanmi Mbappé, nato a Bondy, banlieue a nord di Parigi, madre algerina, papà del Camerun. Il Belgio oggi sogna con Romelu Menama Lukaku, figlio di genitori congolesi. Senza parlare dell’Inghilterra, che ha sfornato campioni che hanno radici in tutto il mondo. Perché oggi il tratto distintivo del calcio, come si sta vedendo in questo campionato del mondo in Russia, è sempre più multietnico. E la Svizzera, in questo senso, è stata una nazionale pioniera. "Già nel mondiale giocato in Brasile nel 2014, quella rossocrociata era la nazionale più cosmopolita", ha scritto Toni Ricciardi, storico delle migrazioni all’Università di Ginevra. Una squadra che è lo specchio di un Paese e della sua storia recente e passata.
Quest’anno la Nati è scesa in campo in Russia guidata da un allenatore bosniaco con origini croate e racchiudeva oltre 10 etnie diverse. "Tanto che una nazione intera, anche chi a ogni piè sospinto brandisce il vessillo del "prima i nostri", ha gioito grazie ai gol di due calciatori figli di profughi", nota Toni Ricciardi riferendosi al successo contro la Serbia nello stadio di Kaliningrad. Anche se poi il gesto dell’aquila, simbolo sulla bandiera albanese, mimato da Xherdan Shaqiri e Granit Xhaka, ha fatto piombare sui due calciatori una polemica che ha tracimato sui dubbi, sull’attaccamento alla maglia, sulla fedeltà alla Svizzera. A spegnere la discussione ci ha pensato il "saggio" Vladimic Petkovic: "Penso - ha detto - che dovremmo concentrarci su questo sport, un bellissimo gioco che unisce le persone".
Ma poi sono arrivate a sorpresa le dichiarazioni del segretario generale dell’Associazione Svizzera di Football (Asf) Alex Miescher sul Tages Anzeiger. "L’esultanza di giocatori che indossano la maglia svizzera ma che esprimono la loro solidarietà all’Albania - ha detto - dimostra che c’è un problema legato ai doppi passaporti". Pertanto bisognerebbe imporre alle selezioni Under di convocare solo chi rinuncia alla doppia nazionalità: "Oggi beneficiamo della forza della nostra Nazionale multiculturale ma può capitare di formare giocatori per altre nazionali e questo non va bene. Trovo sconvolgente non aver alcun potere per evitare che ciò accada".
Ma intanto attorno a questo dibattito cova il fuoco dell’intolleranza. Perché, ad esempio, contro Mbappé sui social si scrive "potrebbe benissimo andare a rubare in spiaggia". O, quando in Italia è stata ventilata l’ipotesi di affidare la fascia di capitano della nazionale a Mario Balotelli, in tanti hanno detto no e sono persino apparsi striscioni offensivi. "Succede perché la gente, purtroppo, giudica ancora in base al colore della pelle. Perché nonostante la società sia cambiata profondamente, sia diventata più multirazziale, questo aspetto non viene accettato da tanti. La dimostrazione è che nel ventunesimo secolo ci si meraviglia ancora davanti a una nazionale multietnica come quella rossocrociata, invece di vederla come un dato acquisito, normale, come un fatto che non ha più nulla di eccezionale", spiega Demba Dieng, insegnante e collaboratore scientifico dell’associazione SportForPeace legata alla Scuola per sportivi d’élite di Tenero. Dieng, in prima fila da 40 anni contro il razzismo, dice che "la battaglia per sconfiggere questo fenomeno va combattuta tutti i giorni, pazientemente, ognuno nel proprio ambito. La scuola, lo sport, la famiglia, devono spiegare che gli uomini sono tutti uguali".
Dieng, tuttavia, racconta che rispetto a qualche anno fa, quando il razzismo era spesso una espressione grossolana, oggi ci si trova davanti a nuove forme di intolleranza, più raffinate. "La Svizzera - dice - sta facendo un eccellente lavoro contro la violenza e il razzismo. A Tenero il rispetto, la dignità, il fair play, sono valori che vengono insegnati con passione. Come nelle altre scuole di tutta la Confederazione. Poi, però, i ragazzi tornano a casa, e lì la famiglia dovrebbe riprendere il discorso. Ma non sempre accade". Non sempre accade anche in campo, quando si banalizzano i "buuuu" rivolti ai giocatori di colore e le società li giustificano sostenendo che si tratta solo di espressioni folcloristiche, uno sfottò.
Un po’ perché il vento sovranista e antistraniero che spira in Europa ha contagiato anche le persone colte, e ormai è un fenomeno trasversale. E un po’ perché, come fa notare sempre Demba Dieng, "spesso, e va detto per onor di verità, i più intolleranti sono coloro che hanno un passato migratorio, che ormai si considerano arrivati e negano il proprio passato e le radici. Il razzismo si incuba nella memoria corta".

m.sp.
08.07.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

La privacy è morta
evviva la privacy
L'INCHIESTA

Gli affiti il business
delle Ferrovie federali
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

E il dentista incassa
i soldi dei contribuenti
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il gioco a scacchi
tra Trump e Kim
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Dalla Russia a Roma
le avventure degli 007
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il dopo Chavez
che avvelena Caracas
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
06.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 18 febbraio prossimo
01.02.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da venerdì 1° febbraio 2019 alle ore 9:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
30.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2018
29.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole medie superiori per il periodo 2019-2023
28.01.2019
I giovani e le aziende interessate a partecipare al programma di scambio Swiss Mobility sono invitati a porre candidatura entro il 15.3.2019
18.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2018
15.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole professionali secondarie e superiori per il periodo 2019-2023
09.01.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 21 gennaio prossimo
31.12.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 31 dicembre 2018 alle ore 09.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
21.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, dicembre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Ultimo
assalto
all'Isis
in Siria

Francia:
gilet gialli,
atto
numero 14