Per i disegni sulla pelle Berna impone regole più severe
Immagini articolo
Tatuaggi al veleno!
E partono i controlli
PATRIZIA GUENZI


Pigmenti, conservanti, emulsionanti, sostanze chimiche, aromatiche... Il mondo dei tatuaggi nasconde parecchie insidie. E anche veleni. Per mettere un po’ di ordine e per tutelare la popolazione, Berna si è dotata di una nuova legislazione che obbliga tutti i tatuatori a notificare la propria attività e a introdurre un sistema di autocontrollo. Più professionalità, insomma. "Abbiamo già preso contatto con quasi tutti gli studi di tatuaggi - spiega il direttore del Laboratorio cantonale, Marco Jermini -, avvertendoli delle nuove direttive. Esiste pure una guida per la valutazione della conformità dei colori, per tatuaggi e trucco permanente, e delle regole di pulizia, igiene e disinfezione dei locali di lavoro, apparecchi e strumenti".
Prendere sottogamba un tatuaggio è pericoloso. Vengono introdotti pigmenti coloranti nello strato dermico della cute, creando una ferita superficiale e il rischio di infezione c’è. Nel peggiore dei casi possono essere trasmesse malattie infettive come epatite e Aids. Ecco perché è importante informarsi prima e, comunque, affidarsi sempre a tatuatori esperti.
Igiene, qualità dei prodotti, pulizia e disinfezione degli strumenti, professionalità dicevamo, premesse fondamentali per non andare incontro a problemi di salute. L’Ufficio federale della sicurezza alimentare e di veterinaria (Usav) e il Laboratorio cantonale mettono a disposizione di tutti gli operatori una serie di documenti. E Jermini avverte: "Tra un po’ inizieremo le ispezioni, andremo prima da tutti coloro che non si sono annunciati ufficialmente".
Nella direttiva federale si sottolinea soprattutto l’importanza dell’igiene. Si danno pure indicazioni precise sul locale di lavoro, pavimento, pareti, superfici, armadi e piccoli mobili, lavandini, asciugamani, mobili per la custodia del materiale, cestini dei rifiuti. Regole che la Lega svizzera dei tatuatori professionisti elenca sul suo sito, proprio per evitare gravi malattie infettive. "A livello svizzero la categoria è ben organizzata, purtroppo in Ticino ci sono molti cani sciolti", sottolinea Jermini.
C’è poi un’altra questione. Se in teoria i tatuaggi sono fatti per durare tutta la vita, in pratica capita che in quel disegno, in quel numero o in quelle iniziali scelte anni prima ad un certo punto non ci si ritrovi più. Che fare? Beh, anche qui la faccenda si è complicata rispetto agli anni in cui il settore era ben poco regolamentato. Dall’anno prossimo sarà ancora più difficile levarseli. La futura ordinanza sulla protezione contro i danni legati alle radiazioni non ionizzanti e dagli stimoli sonori, la Lrnis (quella che riguarda pure i solarium), prevede che soltanto chi possiede un certificato di competenza e una formazione specifica con tanto di "diploma" potrà utilizzare il laser per cancellare un tatuaggio. Sarà proibita l’eliminazione con luce intensa pulsata.
Come detto, il mondo dei tattoo si complica. Lo stesso Ufficio federale per la sicurezza alimentare e veterinaria da cui il settore dipende lo ammette. Questo vuoto legislativo andava corretto. Troppo alto il rischio di farsi "disegnare" non importa cosa, non importa dove e in che modo. E anche levarsi un tatuaggio diventerà meno semplice. Bisognerà obbligatoriamente affidarsi alle mani di un medico o, comunque, di un tatuatore con tanto di certificato di competenza, che ancora non è molto chiaro in cosa precisamente consista. Certo è che il laser è sì efficace per cancellare un tatuaggio ma presenta pure seri rischi di bruciature. Le complicazioni, sul totale dei trattamenti cosmetici, avverte l’Ufficio federale della salute, "sorgono nell’8% dei casi, il che corrisponde, facendo due conti, a circa 90mila persone in Svizzera".

p.g.
08.07.2018


Articoli Correlati
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

La privacy è morta
evviva la privacy
L'INCHIESTA

Gli affiti il business
delle Ferrovie federali
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

E il dentista incassa
i soldi dei contribuenti
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il gioco a scacchi
tra Trump e Kim
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Dalla Russia a Roma
le avventure degli 007
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il dopo Chavez
che avvelena Caracas
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
06.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 18 febbraio prossimo
01.02.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da venerdì 1° febbraio 2019 alle ore 9:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
30.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2018
29.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole medie superiori per il periodo 2019-2023
28.01.2019
I giovani e le aziende interessate a partecipare al programma di scambio Swiss Mobility sono invitati a porre candidatura entro il 15.3.2019
18.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2018
15.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole professionali secondarie e superiori per il periodo 2019-2023
09.01.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 21 gennaio prossimo
31.12.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 31 dicembre 2018 alle ore 09.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
21.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, dicembre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Ultimo
assalto
all'Isis
in Siria

Francia:
gilet gialli,
atto
numero 14