Le 78 foto del treno prima del passaggio sotto la galleria
Immagini articolo
Un drone sul Gottardo
per l'ultima corsa
PATRIZIA GUENZI


Ma cosa succede passandoci sopra con un drone? Dai che vado a guardare". Per Adriano Heitmann, 67 anni, di Stabio, una vita dietro la macchina da presa, era un momento storico. "Il 2016 è stato l’ultimo anno di vita del vecchio percorso a pieno regime della ferrovia del Gottardo - racconta -, prima che le locomotive finissero per sempre sottoterra, nel dicembre di quell’anno". Ne è nato un libro, Panorama Gottardo (Casagrande), che sarà presentato, con una mostra, il 21 settembre nel foyer dell’Accademia di Mendrisio. "È l’ultimo libro sul Gottardo e il primo ripreso con una nuova tecnologia, con inedite immagini che ne sottolineano l’importanza dal punto di vista iconografico e storico - riprende Heitmann -. Non voglio peccare di immodestia, ma penso che sia l’unico libro in Svizzera prodotto interamente con un drone che ha viaggiato da Biasca a Erstfeld".
Due mesi di voli, cinquecento planate di drone, sapientemente manovrato dal giovane collaboratore Roberto Gianocca, 25 anni, coautore del libro (la loro attività su swissAIRimage). "La difficoltà è stata azzeccare gli orari dei treni facendo i conti con la poca autonomia di questi apparecchi. Ma la tecnica era dalla nostra parte, avevamo macchine super affidabili". 78 foto a colori (didascalie in quattro lingue) "fissano" tutti i quaranta chilometri del tracciato, a poche settimane dall’apertura della galleria ferroviaria di base. "Da Biasca a Erstfeld - precisa - e mettono in evidenza il cambiamento dell’ingegneria dei treni, oggi ad esempio non si sale più così in alto". E il ricordo di quegli ultimi vagoni che si arrampicavano sulla vecchia linea di montagna non mancherà di commuovere i tanti nostalgici che al di là della comodità e del tempo risparmiato ora, rimpiangono il panorama della vetusta linea. Immagini e sentimenti, dunque, da sfogliare. "Questo è un libro poetico - conferma l’autore -. Ha tanti livelli di lettura. Racconta come l’uomo all’epoca si era mosso dal punto di vista della topografia per far fronte alle esigenze, l’impatto della strada sulla ferrovia, il passaggio dell’autostrada che ha sconvolto i contorni del paesaggio e tanto altro". E con uno sguardo un po’ naïf, Heitmann immagina un papà che racconta al figlio la storia del Gottardo. "Penso a una versione fantastica, che fa tornare bimbi. In fondo nel libro si ritrova l’effetto miniatura tipico del modellismo, che tanto piace ai bambini. Ma anche molti adulti. Perché tutti abbiamo una sorta di piccolo noi interno, giusto assecondarlo e ascoltarlo".
Sfogliando le 192 pagine di Panorama Gottardo, chi ha "anta" e più anni, sorriderà ricordando quei binari quasi sempre paralleli al corso d’acqua del Ticino, il tratto della "Biaschina", i tanti ponti su cui sferragliavano le carrozze, la chiesa barocca di Wassen, il ponte Intschireuss, ritenuto il più notevole della ferrovia del Gottardo. E poi le gallerie elicoidali, un modo ingegnoso per salire sul passo con i treni che curvano come le auto su un tornante. E Heitmann conclude: "Mentre i miei colleghi erano tutti attratti dall’avvento dell’Alptransit ho pensato che sarebbe invece stato interessante immortalare l’intero tragitto. Per l’ultima volta. Sì, di foto del Gottardo col treno ce n’è a bizzeffe, ma le nostre immagini sono uniche, vedrete".

pguenzi@caffe.ch
16.09.2018


IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

Sgravi fiscali per tutti
con un taglio del 5%
L'INCHIESTA

L'estate al museo
con 100mila visitatori
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Nelle città turistiche
non si santifica la festa
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Lehman Brothers
e la fine del sogno Usa
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I missili non aiutano
la Siria senza pace
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Con il "topo morto"
la lotta tra Cia e Kgb
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
È urgente arrivare
ad un'economia "pulita"
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2018
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2018
06.09.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È il linea il nuovo dossier sul tema “La scuola che verrà”
06.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2018
05.09.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 17 settembre prossimo
31.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2017
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

"Florence"
declassato
ma vittime
e danni

Città del Messico:
sparatoria
in pieno centro,
morti e feriti