L'analisi
Immagini articolo
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
LUIGI BONANATE


Sembra che il respiro del mondo stia cambiando ritmo: riappare la lotta politica. Tanto all’interno degli stati quanto tra di loro, le richieste di mutamento si fanno sempre più intense e vedono affacciarsi progetti che contestano o addirittura respingono i livelli di vita in tutte le parti del pianeta. Quel che avevamo creduto era proprio che cosmopolitismo e democrazia si sarebbero un po’ per volta diffusi... Ma ora sta avvenendo una cosa completamente nuova e, più che altro, di portata opposta. Da una almeno apparente e tendenziale apertura reciproca tra le società, che faceva immaginare un futuro condivisibile e progressivamente più ricco, guidato da governi bipartisan propensi piuttosto al compromesso che allo scontro, siamo passati a un ribaltamento totale e alla perentoria richiesta di ripensare i principi della convivenza. È come se la storia stesse cercando di svoltare. Volevamo far progredire il mondo, ma a quanto pare abbiamo avuto paralisi e stagnazione; credevamo in un internazionalismo che doveva renderci tutti un po’ più uguali, e ci scontriamo oggi con un sovranismo (che brutta parola, tra l’altro) che stravolge un concetto fondamentale del diritto internazionale: ciascuno stato è sovrano non per proclama ma solo se la sua azione è efficace, cioè responsabile e capace di affermarsi. Il diritto excludendi alios è una norma garantista di riconoscimento reciproco, non la clava con cui escludere chi e quel che non ci piace.
Si va diffondendo nel mondo l’estremismo di chi rifiuta gli sconosciuti, tanto più se di un altro colore, e vuol tenere in cascina i propri beni per paura di doverli condividere, ribadendo confini e innalzando muri che impediscano brutti incontri e pericoli di strada. Il populismo del ventunesimo secolo non si aggrappa più soltanto alla fiducia cieca nel capo, ma all’esaltazione della propria superiorità e della singolarità. Per Trump il motto è: "America first", declinato poi da diversi paesi. Ma chi stabilirà le graduatorie e come? In base alla forza dei propri muscoli o alla bontà delle politiche svolte? Inevitabilmente i movimenti identitari sognano comunità raccolte intorno a pochi e semplici valori, facilmente condivisibili, ma rifiutabili agli estranei; immaginano società omogenee e pure fondate su una (indimostrabile) supremazia. Razzismo, territorialità e sangue ritornano a galla, dopo che la storia li aveva condannati - non senza ragione. Preferiscono stare tra loro piuttosto che aprirsi al mondo. In ogni caso, ogni separazione fa premio su qualsiasi accoglienza, umanitaria o politica che sia.
Alcuni suoi membri (una minoranza, non insignificante, ma piuttosto rumorosa) attaccano oggi l’Unione europea ricorrendo non ad approfondite discussioni ma a progetti di smantellamento che irridono i principi dai quali l’europeismo prese le mosse, e negano ogni valore alla libera circolazione non soltanto delle merci ma anche degli esseri umani. Questi "nuovi barbari", che sono felici di esser tali, non dimentichino che il sovranismo non è garanzia di pace e di sviluppo e annuncia odio e guerre.
16.09.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

I matrimoni politici
impossibili (o quasi)
L'INCHIESTA

Il bluff della canapa light
in 5 minuti diventa droga
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Gli affari d'amore
non si fanno in banca
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Trump con i tassi bassi
sogna d'essere Reagan
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La guerra senza confini
dei "mercenari killer"
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
07.11.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 19 novembre prossimo
26.10.2018
Pubblicati i dati del censimento rifiuti 2017 [www.ti.ch/gestione-rifiuti, www.ti.ch/oasi]
26.10.2018
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da sabato 27 ottobre 2018 alle ore 8:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
24.10.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 5 novembre 2018.
23.10.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all’aperto (RLCFo/RaLLI) in vigore in Ticino e Moesano dal 26 settembre e in Val Poschiavo dal 16 ottobre 2018, viene da oggi esteso anche alla Val Bregaglia
22.10.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, settembre 2018
16.10.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) in vigore in Ticino e Moesano dal 26 settembre 2018, viene da oggi esteso anche alla Val Poschiavo
11.10.2018
Pubblicati i dati di funzionamento degli impianti di depurazione in Ticino [www.ti.ch/oasi]
04.10.2018
Avvio della consultazione del Progetto di risanamento fonico delle strade cantonali e comunali del Luganese [www.ti.ch/rumore]
03.10.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 15 ottobre prossimo

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Atene: scontri
alle celebrazioni
per la Rivolta
del Politecnico

CIA:
il principe saudita
ha fatto uccidere
Khashogggi