Gastronomia stellata grazie ai prodotti di altri Paesi
Immagini articolo
La contaminazione
è vincente in cucina
PATRIZIA GUENZI


Con un piatto di coniglio e polenta difficilmente un ristorante riesce ad entrare nell’Olimpo della gastronomia. Ne sono convinti un po’ tutti gli chef, stellati e non,  interpellati dal Caffè. Oggi la parola d’ordine è contaminazione. "Sino agli Anni ‘80 e ‘90 la cucina popolare era vincente, anche in Italia e in Francia - dice Diego Bertona, 31 anni, secondo chef del ristorante Arté di Lugano -. Ora non è più così. Anche nel nostro lavoro la globalizzazione ha influito moltissimo".
Oggi un ristorante stellato deve proporre una cucina al passo coi tempi, innovativa, "fusion",  precisa Bertona, che attinge da altri Paesi ma senza snaturare il prodotto di base e che riesce a esaltarne il gusto grazie a tecniche innovative e all’aggiunta di altri ingredienti sino a qualche anno fa a noi sconosciuti". Ma attenzione, avvertono gli chef. I sapori originali vanno preservati. "Se preparo una barbabietola devo sentire il sapore di barbabietola - osserva Marco Campanella, 26 anni, chef de La Brezza di Ascona, fresco di una stella Michelin -. Poi sta all’abilità del cuoco trasformare questo ingrediente in un’esplosione di gusti, che spazino dalla croccantezza all’acidità".
Tutto ciò non significa ovviamente tralasciare l’offerta locale. Ne è convinto Lorenzo Albrici, 52 anni, chef della Locanda Orico di Bellinzona, che da 19 anni mantiene salda 1 stella Michelin: "Ci ispiriamo al chilometro zero ma anche a prodotti provenienti da più lontano. Il cliente da noi assaggia ciò che solitamente a casa sua non cucina. Con il solo nostrano non si arriva alle stelle". E le stelle che brillano nella ristorazione ticinese sono cinque (vedi foto sopra, irraggiungibile lo chef del Barbarossa di Ascona). In Svizzera sono 128 i locali premiati dalla guida Michelin. Una seconda stella è appena stata data al Focus di Vitznau e al Pavillon di Zurigo. "L’abilità di un cuoco è anche quella di guardarsi attorno, di assimilare contributi culturali e gastronomici differenti e riuscire però a offrire un piatto in cui il cliente si riconosca - spiega Nicola Pagnamenta, 54 anni, del grotto Descanso di Gentilino -. Ad esempio, noi proponiamo un’entrecôte di cinghiale, nostrano, cotto sotto sale, svizzero, con un po’ di zenzero, pianta originaria dell’Estremo Oriente. Ma a comandare è l’ingrediente locale". Che piace ancora molto. "Cervo, cinghiale, coniglio, faraona, fagiano, lepre, con l’aggiunta di ortaggi nostrani", elenca.
Tuttavia, difficilmente una cucina che non osa, che non attinge e si confronta con altre culture può ambire alle stelle. Ne è convinto Rolf Fliegauf, chef dell’Ecco di Ascona, che propone una cucina internazionale. E Dario Ranza, 62 anni, per 30 chef al Principe Leopoldo di Lugano che ha deciso di affrontare nuove sfide, dice: "Sono ben pochi i ristoranti Michelin che propongono una cucina del territorio. La maggior parte guarano all’Asia. È il risultato della globalizzazione e della facilità a reperire i prodotti". Ai quali anche Ranza, piuttosto tradizionalista, cede. "Ogni tanto sì - ammette - ma non mi piace mischiare più prodotti e sono contrario all’esasperazione che snatura l’originale. Cerco di esaltare o contrastare il sapore ma senza mai trasformare in altro l’ingrediente principale. Faccio un esempio: nel brasato è la salsa, la sua salsa, ad esaltare la carne, nient’altro".
Non snaturare il prodotto. Concetto fondamentale anche per Pablo Ratti, 31 anni, ex chef del Rodolfo di Vira Gambarogno e ora all’Osteria dell’Enoteca di Losone. "Mantengo un occhio di riguardo al territorio, pur con qualche incursione esotica, ad esempio nel tipo di marinatura o nella cottura - spiega -. Nei miei piatti c’è Ticino, Svizzera, Italia e un po’ di Asia. Anche perché volendo utilizzare esclusivamente i nostri prodotti non si riesce a fare più di tanto".

p.g.
10.02.2019


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Una cultura politica
di vuote banalità
L'INCHIESTA

Non solo Medtech
nel polo di ricerca
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lo stile smarrito
dai perdenti di successo
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Senza il riciclaggio
non si salva il clima
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La guerra degli 007
all'ombra dell'Europa
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura
03.04.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 3 aprile 2019 alle ore 10:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
01.04.2019
Tiro obbligatorio 2019
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Sudan,
si dimette
anche il leader
del golpe

Gilet gialli
a prova
di legge
anti-casseur