Dodici studenti e dodici adulti davanti alla sfida del secolo
Immagini articolo
"Diamo retta ai giovani
e salvereno l'ambiente"
CLEMENTE MAZZETTA


Anche un vecchio professore come il cardiologo Giorgio Noseda, da sempre in prima fila contro l’inquinamento, tifa per Greta Thunberg, la ragazzina di 16 anni  che ogni venerdì invece di andare a scuola sciopera per il clima. "Spero nei giovani, per una svolta ambientale", dice. Come medico ha evidenziato le relazioni fra circolazione stradale e malattie polmonari, cancerogene, vascolari: "Se riduciamo il traffico, abbassiamo le emissioni di polveri fini che sono un fattore di rischio per la salute e contemporaneamente diminuiamo la produzione di CO2, responsabile del riscaldamento climatico".
Per non morire di clima - raccontano al Caffè in un dialogo tra generazioni a 20 voci professionisti, esperti e giovani - bisogna limitare lo sfruttamento intensivo delle risorse energetiche fossili, petrolio, carbone. "Ma da subito occorre ridurre drasticamente il traffico e il consumo di beni materiali", aggiunge Mario Camani, ex responsabile della Sezione aria, acqua del Cantone. Trent’anni fa pose, inascoltato, la questione ambientale al centro dell’azione pubblica: "C’è ancora tutto da fare - dice -. Purtroppo la politica non muove un dito. C’è persino chi propone di alzare i limiti di velocità a 130km/h invece di ridurli". Per Camani senza un cambio di stile di vita non si salverà il pianeta.  "Ormai siamo ad un punto di non ritorno - commenta il glaciologo Giovanni Kappenberger -. I ghiacciai si stanno sciogliendo. Il Basodino perde un metro all’anno, fra 15 sparirà. Bisogna arrivare all’emissione zero di CO2 entro il 2030, come vogliono i giovani".
"Purtroppo abbiamo già superato il breaking point, siamo andati oltre all’emissione di 400 ppm (parti per milione) di CO2 che doveva essere il limite massimo - spiega Piernando Binaghi, ex responsabile della trasmissione meteo della Rsi -. Se i governi mondiali non diranno basta al consumo di risorse fossili, non avremo un futuro. È ora di sollevarsi. Ma è possibile che un litro di petrolio costi meno di un litro d’acqua?". Che fare? Occorre partire dalla consapevolezza dei nostri limiti per Marco Gaia, responsabile di Meteo Svizzera Locarno Monti: "Abbiamo una sola Terra con risorse limitate. Ma tutti assieme possiamo ridurre il nostro impatto sull’ambiente: riciclando, evitando gli sprechi, utilizzando energie rinnovabili. Ricordandoci infine che anche i politici sono una risorsa rinnovabile". Tutti devono sentirsi chiamati alle loro responsabilità. "Senza essere catastrofisti - aggiunge Claudio Caccia, responsabile regionale di Svizzera energia per i Comuni -. Certo dobbiamo fare di più utilizzando l’energia in modo efficiente, riducendo le emissioni, usando le fonti rinnovabili. Ma abbiamo le conoscenze e le tecnologie giuste. Sappiamo cosa fare. Dobbiamo puntare sull’uso delle energie puntando sulle rinnovabili".
E si può cominciare subito cambiando tipo di mobilità, suggerisce Marco Piffaretti, responsabile di Mobility Energy 360°: "I giovani hanno posto un problema concreto, tocca a noi adulti dare una risposta. Contro il traffico, che causa un terzo di tutti i problemi ambientali, l’auto elettrica è una risposta concreta". Risposta condivisa dal medico angiologo Hans Stricker: "Certo: dobbiamo prendere sul serio l’appello di questi ragazzi. Non abbiamo alternative. Ben vengano dunque gli incentivi per la mobilità elettrica: tutto serve per ridurre l’emissione di CO2. In Norvegia, grazie ad una serie di iniziative, il 35% delle auto nuove sono elettriche". Gli fa eco Francesco Maggi, responsabile del Wwf: "Oltre all’auto elettrica, dobbiamo potenziare i trasporti pubblici, l’uso di energie rinnovabili, il solare, risanare gli stabili. Siamo a 5 minuti da mezzanotte". Meno rassicurante Werner Herger, ex segretario dell’Associazione Traffico Ambiente: "Fino a quando non modificheremo il nostro stile di vita, non spostandoci in aereo per andare a Zurigo, non usando l’auto per andare a Lugano, difficilmente qualcosa cambierà. Ma non scarichiamo sui singoli le scelte che la politica non sa fare".

c.m.
17.03.2019


Articoli Correlati
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

"La nostra vita?
Un percorso a ostacoli"
L'INCHIESTA

I morti sulle strade
sono calati da 97 a 15
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Ci sono quelli convinti
che il sushi sia vegetariano
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La guerra di Trump
e il sorpasso cinese
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il muro di Trump
contro gang e miseria
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
17.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2019
14.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2019
14.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2019
10.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2019
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura
03.04.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 3 aprile 2019 alle ore 10:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Europeisti
in marcia
con Tusk
e Weber

Rabbia
in Venezuela
per il carburante
che non c’è