function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};





Nella cittadina bretone con tre donne nella nazionale
Immagini articolo
'Questo è il Guingamp
non è Paris St. Germain'
MARIA MICHELA D'ALESSANDRO DA GUINGAMP


Basta poco per capire che nella piccola cittadina bretone di Guingamp, neanche sette mila abitanti, a dettare le regole sia il calcio. È per questo che anche inserendo su Google il nome della città, la prima informazione si riferisca a l’En Avant de Guingamp, la squadra di calcio locale. Nota a livello nazionale ed anche fuori dai confini francesi per aver militato nella massima serie del campionato di calcio maschile Ligue 1, l’Eag, come la chiamano tutti, è passata alla storia per aver vinto la Coppa di Francia nel 2009 giocando nella serie cadetta e battendo i vicini del Rennes.
Se per le vie del tranquillo comune non si fa altro che parlare della recente retrocessione della squadra, ultima in campionato con ventisette punti e sessantotto reti subite, e del suo futuro, è la formazione femminile ad aver portato a casa un risultato tutt’altro che scontato. Ai Mondiali femminili di quest’anno sono infatti tre le calciatrici del Guingamp incluse dal mister Corinne Diacre nella rosa della nazionale. Fondata originariamente nel 1973 come Saint-Brieuc Sc, l’Eag femminile dal 2011 fa parte della società proprietaria della squadra maschile.
Dalla stagione 2011-2012 ha sempre giocato nella Ligue 1 femminile ma nonostante ciò, le differenze di sesso e campionato non mancano neanche nel comune di Guingamp, da sempre legato al gioco del calcio. Se le donne giocano per lo più nello stadio Fred-Aubert nel vicino comune di Saint-Brieuc, 2.500 posti a sedere, l’eccezionalità della squadra maschile è proprio nello stadio di Roudourou, in grado di contenere 18.000 spettatori, dodici in più rispetto ai suoi abitanti. Anche merito dell’imprenditore, dirigente sportivo e politico Noël Le Graët, dal 2011 presidente della Federazione calcistica francese e non solo, è stato presidente del Guingamp dal 1972 al 1991 e dal 2002 al 2011 e sindaco della città dal 1995 al 2008.
È proprio sotto la presidenza Le Graët che il Guingamp ha raggiunto lo status professionistico, costruendo lo stadio di Roudourou nel 1990.
"È anche grazie a lui se le infrastrutture calcistiche sono cresciute", spiega Flora, proprietaria di uno dei due pub più frequentati di Guingamp. Il fenomeno Guingamp è diverso dai meccanismi del calcio moderno, "qui le persone ci tengono davvero, non come per il Paris St.-Germain o altre squadre famose", aggiunge Flora. Così come altre donne, l’imprenditrice si è appassionata al calcio con il tempo: "Tredici anni fa dopo aver vissuto e lavorato a Parigi sono tornata a Guingamp ed ho aperto questo pub. All’inizio tifavo la squadra solo per business ma poi ho cominciato ad appassionarmi sul serio". Mentre descrive la fede calcistica che accomuna i tifosi del Guingamp, mostra un pezzo del "Muro dei cuori" (Mur des Kalon in bretone), 15.206 placche esposte fuori lo stadio Roudourou: la speciale campagna abbonamenti iniziata nel 2017 ha dato la possibilità a qualsiasi sostenitore di diventare un azionista e ricevere un "cuore" con tanto di nome e numero.
Da Flora alla giovane Aziliz, 10 anni ed una passione per il calcio nata grazie al trionfo dei Les Bleus ai Mondiali di Russia 2018 ma anche un po’ per necessità: a scuola è l’unica bambina in una classe di soli maschi e a ricreazione qui si gioca a calcio.  Il 17 giugno sarà allo stadio Roazhon Park a Rennes per vedere Nigeria-Francia, la sua prima partita dei Mondiali. "La Francia può vincere ma non sono sicura che l’Eag tornerà a giocare nella Ligue 1 tra due stagioni", commenta Aliziz mentre posa sorridente con la maglia della sua nazionale, sognando di vestirla in campo.  m.m.d.a.
09.06.2019


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
06.07.2020
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2019
17.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, maggio 2020
17.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2020
12.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2020
10.06.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 22 giugno 2020
04.06.2020
Swiss Mobility: opportunità di stage professionale in Svizzera per neodiplomati 2020
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
15.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La Libia è una polveriera
ormai pronta a esplodere
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Le gang dettano legge
in sessanta città Usa
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

25 anni
dal massacro
di Srebrenica

Belgrado:
assalto
al Parlamento

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00