function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};





Incontro con Sara Gama, alla testa delle azzurre
Immagini articolo
"Capitano dell'Italia
e una Babie dedicata"
ROSELINA SALEMI


L’altra metà del cielo è anche l’altra metà del calcio. Non è uno sport per ragazze? Sbagliato. Non solo ce ne sono tante, ma aumentano sempre di più. Basta guardare le attrici di Time’s Up Pay Up schierate con le magliette da calciatrici in segno di protesta contro la disparità di trattamento per capire che siamo vicini a una svolta (buona). L’Italia ha la sua star, inconfondibile con la ricca chioma afro a stento disciplinata. È Sara Gama, 29 anni, laureata in Lingue, capitano della Juventus femminile che guida la squadra ai Mondiali di Francia. Tosta, concreta, marcia verso un obiettivo preciso: eliminare i pregiudizi su donne e calcio, conquistare uno status da professionista, aprire la via a molte altre. E forse, anche testimoniare il valore di una società multietnica: "Siamo mescolati, gli incroci ci migliorano. Più lo vedi e più ti ci abitui - racconta -. Sono felice dei mondi che mi attraversano. La mia famiglia è per metà istriana, ho sangue misto: croato e congolese. Il risultato è che sono italianissima. Mio padre è arrivato a Trieste dal Congo come studente di ingegneria. Poi ha preferito tornare indietro ".
Sara non è figlia d’arte, non ha giocatori in famiglia, "ma forse il mio destino era scritto nelle stelle. Ho sempre avuto un pallone tra i piedi, a partire dai sette anni. Ho cominciato e non ho più smesso. Per fortuna mi hanno lasciato libera di scegliere, mentre molte ragazze vengono scoraggiate… Mio nonno e mia mamma mi accompagnavano agli allenamenti. A Trieste ero l’unica a giocare in una squadra! In Italia il calcio è considerato uno degli sport più maschili, ma è soprattutto un luogo di potere. È da questo, e dalla paura del nuovo che nascono pregiudizi e stereotipi."
La prova della popolarità giustamente conquistata è il contratto come testimonial di head&shoulders, dopo Federica Pellegrini: "E un brand che investe nello sport, io ho capelli che si fanno notare e sono felice di accostare il mio nome a quello di una nuotatrice olimpica carica di medaglie d’oro". Però ha anche una Barbie dedicata: "E stato divertente vedermi in una bambola, anche se sul momento ero perplessa. Ho accettato nel giro di una giornata. Penso che il messaggio sia: puoi fare tutto quello che vuoi. Un modo per ispirare generazioni di ragazzine che hanno voglia di provare".
Per il marketing è anche una fetta di mercato inesplorata. Si comincia dalle prime divise (è un dettaglio, certo) non clonate su quelle degli uomini. Hanno maniche non troppo corte, il collo a metà fra la V e il girocollo, i colori delle varie nazionali, ognuno con un tocco particolare: fiori per l’Inghilterra, fiocchi di neve per la Norvegia.
Le donne salveranno il mondo del pallone? Pur essendo schiva, Sara Gama si esprime con grande slancio: "Me lo auguro. Non abbiamo superpoteri, ma la differenza porta crescita. Un giorno parleremo di calcio e basta, senza declinare il genere. Stiamo migliorando, lo vedo. Il calcio femminile sta abbracciando quello maschile, i club e i grandi brand investono, le bambine hanno capito che è qualcosa su cui puntare. Fino a sette anni fa non eravamo rappresentate, ora siamo diventate visibili. Il contratto con le televisioni, prima Rai e ora Sky è stato un successo. I premi per i Mondiali sono stati raddoppiati. C’è anche, da poco, un fondo per la maternità - e sì, è possibile avere figli e tornare a giocare, è possibile avere una carriera lunga, fino a quarant’anni - nel 2015 abbiamo fatto uno sciopero e ottenuto contratti pluriennali. Ma è tutto molto recente, fino a poco tempo fa non avevamo neanche le strutture per allenarci. Gli Usa invece sono all’avanguardia nel calcio femminile mondiale. Hanno sponsor, un grande pubblico, bravissime giocatrici ". Non che sia tutto facile anche per loro: ci sono state proteste per l’equal pay (i maschi hanno comunque ingaggi più alti) "ed è incredibile che la norvegese Ada Hegerberg, primo Pallone d’Oro donna sia stata invitata a "twerkare" alla premiazione. Ha rifiutato e ha rotto con la Nazionale. Ha fatto bene, serve un cambio culturale." Questo è soltanto il calcio d’inizio.
09.06.2019


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
06.07.2020
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2019
17.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, maggio 2020
17.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2020
12.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2020
10.06.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 22 giugno 2020
04.06.2020
Swiss Mobility: opportunità di stage professionale in Svizzera per neodiplomati 2020
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
15.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La Libia è una polveriera
ormai pronta a esplodere
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Le gang dettano legge
in sessanta città Usa
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

25 anni
dal massacro
di Srebrenica

Belgrado:
assalto
al Parlamento

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00