function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};
Più denunce in Svizzera per violenze sui quattrozampe
Immagini articolo
Animali maltrattati,
aumentano le multe
PATRIZIA GUENZI


Tenere adeguatamente conto dei loro bisogni". Così si legge tra i vari articoli della legge federale sulla protezione degli animali. Un concetto importante. Significa rispettarli, garantire loro acqua e cibo ma anche tempo, non maltrattarli, non ferirli e non stressarli. Detto in due parole, vuol dire mettersi costantemente nei panni del cane, del gatto o di qualsiasi altra bestiola che ci siamo portati a casa, spesso senza aver verificato prima le nostre reali capacità di farci carico di un altro essere vivente. Non per niente, dando un’occhiata alle multe inflitte lo scorso anno a livello nazionale, emergono veri e propri abusi. Un aumento dei maltrattamenti in generale, confermato anche dal veterinario cantonale, Luca Bacciarini. Senza dire dei tanti cani importati dall’estero, soprattutto dai Paesi dell’Est. A volte con documenti contraffatti o affetti da patologie. "Il rischio principale è la rabbia, che ancora provoca 55-60mila decessi nel mondo, la maggior parte bambini", avverte Bacciarini, che sottolinea l’enorme numero di cani che vivono in Ticino, 31mila, il secondo cantone più popoloso del Paese paragonato al numero di abitanti (il primo è il Giura).
Tornando ai maltrattamenti, seppur proibito in Svizzera, c’è ancora chi utilizza il collare elettrico, quello agli ultrasuoni o altri dispositivi per impedire al cane di abbaiare. Con l’idea che possa essere un efficace metodo educativo per tranquillizzare un cane "agitato". La legge prevede delle eccezioni, autorizzate, e solo per uno scopo terapeutico e su richiesta di persone formate. Gli abusi sono condannati, anche penalmente. "L’assurdo è che non è vietata l’importazione, la vendita e il possesso di questi ‘aggeggi’", osserva Bacciarini. Insensato. Eppure così è.
Infatti nel 2018 numerose sono state le sanzioni trasmesse all’Ufficio federale di veterinaria a Berna. Il veterinario cantonale di Neuchâtel, ad esempio, ha inflitto ad un proprietario una multa di 300 franchi nel marzo del 2018 per aver messo attorno al collo di un molosso di 7 anni un collare che ad ogni abbaio scaricava corrente elettrica. Ancora più grave, un procuratore del canton Glaris ha multato una coppia che camminava con tre cani, uno di questi munito di un collare modello standard, di quelli che possono provocare dolori a volte anche insopportabili e potenzialmente in grado di ferire gravemente l’animale. L’uomo teneva in tasca il telecomando con cui innescava la scarica. Mille franchi di multa. "Se il cane continua ad abbaiare c’è un problema di fondo. E va risolto in un altro modo, non certo con un collare elettrico o di quelli che rilasciano la citronella, una sostanza che dà estremamente fastidio all’animale", dice Bacciarini. I metodi educativi non si improvvisano. E soprattutto non possono essere coercitivi. Il cane va educato, con pazienza, amore e metodo.
Purtroppo, tra le varie "tecniche" educative, esistono altri mezzi di controllo vietati dalla legge sulla protezione degli animali. Ce n’è anche per i gatti, le recinzioni elettrificate, ad esempio, oppure dei collarini che se il micio esce da un perimetro delimitato provocano delle scariche elettriche. Anche in questi casi scattano le multe, almeno 300 franchi.

p.g.
14.07.2019


Articoli Correlati
Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
15.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2020
13.05.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 25 maggio 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2020
08.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Dati settimanali provvisori sui decessi, Ticino e Svizzera, stato al 5.5.2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2020
30.04.2020
Pubblicato il Rendiconto 2019 del Consiglio di Stato
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ripartenza a singhiozzo
e borse poco indicative
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il braccio del Sultano
"allunga" il suo potere
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

In Francia
si riprende
ad andare
a messa

Spagna:
10 giorni di lutto
e piano di riapertura
dal primo luglio

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00