function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};





Il labile confine tra realtà e fantasia, cinema e scienza
Immagini articolo
Io sono Robot
e provo emozioni
ROSELINA SALEMI


robot saranno i nuovi schiavi come in Io Robot e AI di Spielberg? Faranno a pezzi tutti gli umani come in Westworld, acclamata serie Hbo? Domineranno il mondo come in Matrix? O come nell’ultima inquietante versione di Terminator? Julian Nida-Rümelin, ex ministro tedesco della Cultura, ordinario di filosofia e scienze politiche all’Università di Monaco di Baviera, e la moglie Nathalie Weidenfeld, esperta di cinema, partono proprio dai film. Nel saggio "Umanesimo Digitale" (Franco Angeli editore), riflettendo sui contenuti della fiction affrontano temi importanti come il concetto di coscienza, il dilemma morale, il processo che porta a una decisione.
Il cinema fa parte del nostro immaginario, ne esprime i timori apocalittici, immagina futuri più o meno spaventosi (qualcuno poi si avvera, non tutti, speriamo). Ma oggi, tra voci artificiali e auto che si guidano da sole, sembra che il confine con la fantascienza non sia più verificabile. E invece ce n’è bisogno. Per Julian Nida-Rümelin, il pensiero che attribuiamo al computer dipende da noi. "Considero l’umanizzazione delle macchine una forma di moderno animismo. Un tempo gli uomini attribuivano coscienza e volontà al vento, al fuoco, alle nuvole, alla pioggia, divinità con le quali essere amichevoli. Allora si trattava di una forma primitiva di religione, oggi è l’ideologia della Silicon Valley. Ma i software appunto, sono software. Non hanno un’etica, non vogliono, non sentono, non pensano, non decidono". E, volendo attribuire loro un’intelligenza, ci sottovalutano. Per esempio in Matrix Reloaded (terzo capitolo della trilogia) l’Architetto, inventore dell’intero sistema, mette Neo di fronte a un dilemma: può salvare la sua amata oppure il genere umano. Neo sceglie la prima, ma con una decisione personale, non prevista, riuscirà a salvare tutti. Sui pericoli dell’ottimizzazione basati sulla razionalità economica, ci mette in guardia la saga di Alien.
Perché succede quello che succede? Perché il software chiamato Mother è stato programmato dalla Compagnia senza riguardi per le perdite umane. Una forma di vita nuova e letale può generare ottimi profitti, perciò appare sul display la scritta "equipaggio sacrificabile".
"Ora, è ovvio che un algoritmo possa avere meno margini di errore nel calcolo, ma una completa digitalizzazione della prassi economica farebbe scomparire i decisori umani - dice Nida-Rümelin -, le singole persone sarebbero consegnate a una rete anonima di attività guidate da un software che non si attribuirebbe la minima responsabilità". Alien, oltre a essere una delle più famose serie di film science-fiction, ci mette in guardia da apparentemente moderni criteri di efficienza e convenienza.
E arriviamo all’aspetto meno marziano, anche se non sembra: i cyborg. Abbiamo già rivoluzionarie protesi per braccia e gambe, apparecchi acustici e pure visori notturni. Ora il prossimo passo saranno i microchip che permettono di avviare l’auto, aprire la porta di casa o inoltrare dati. Il sito I am Robot li spedisce per posta, se li volete, con lo slogan: "Aggiornate i vostri corpi con nuove funzioni". In Robocop abbiamo un poliziotto che vive innestato in un corpo artificiale, eppure in lui prevale la parte umana, il pensiero. Insomma, se non vogliamo riflettere sull’umanesimo digitale e farci domande filosofiche, possiamo vedere un film di fantascienza. Sarà un’ottima lezione.
10.11.2019


Articoli Correlati
Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
06.07.2020
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2019
17.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, maggio 2020
17.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2020
12.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2020
10.06.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 22 giugno 2020
04.06.2020
Swiss Mobility: opportunità di stage professionale in Svizzera per neodiplomati 2020
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
15.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La Libia è una polveriera
ormai pronta a esplodere
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Le gang dettano legge
in sessanta città Usa
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

25 anni
dal massacro
di Srebrenica

Belgrado:
assalto
al Parlamento

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00