La storia di Tita Malingamba che crea pupazzi col feltro
Immagini articolo
"Parlo ai miei folletti,
loro hanno un'anima"
ANDREA BERTAGNI


C’è la fatina con un seno prorompente che io chiamo fata gnocca e che quando ti guardi allo specchio e non sei soddisfatta del tuo aspetto ti rassicura, dicendoti ‘dai, sei gnocca comunque’. Oppure c’è la fata smilza, che ti ricorda che mangiare fa bene". Tita Malingamba, artista e artigiana del feltro, 51 anni, di Claro,  racconta così i suoi "personaggi". Soltanto all’apparenza buffi e colorati: folletti, nani, gnomi e fate. "Sono i miei cuccioli - spiega - con loro creo un legame, come un cordone ombelicale, hanno un’anima e aiutano le persone".
Certo, è un gioco. "Il mio è un mondo fatato - dice -, non faccio la guru o la pseudostrega". Tita Malingamba ci mette cuore e passione. Come quei pittori che portano sulla tela le loro emozioni. Poi lei si affeziona così tanto ai suoi gnometti, "che prima di venderli li fotografo per ricordarmi di loro". Ad alcuni dà anche un nome, ad altri lascia che siano gli acquirenti a decidere. "Con i miei personaggi si crea un legame: ecco, perché, al momento dell’acquisto chiedo sempre ai miei clienti di scegliere quello con cui sentono di avere più affinità, al di là della forma e del colore. Quello in cui un po’ si rivedono".
Tita la chiama "magia leggera". Come quella delle favole per bambini. Un mondo fatato e incantato che deve trasmettere buonumore. "Ci sono persone che comprano la fata delle coccole perché pensano a un’amica che ne ha bisogno. Altre mi chiedono quale folletto potrebbe aiutare chi non sta bene, perché è triste o si trova in un momento della sua vita difficile". Tutto, chiarisce, "deve comunque restare in un ambito giocoso, non mi piace dare illusioni: il fatto che io ci creda o non ci creda non ha importanza".
Anche perché l’elemento più prezioso dell’attività di Tita è il contatto con le persone, che frequentano la sua bancarella al mercato di Bellinzona o in quelli natalizi. "Molti ritornano dopo anni, anche solo per parlare, magari non so neppure come si chiamano: quel che è certo è che i miei personaggi creano un’intimità particolare e duratura tra me e chi li acquista". Che aiutino a stare bene o trasmettano buon umore, sicuro è che nani, gnomi e fate sono fatti bene. Con arte. Quella che l’artigiana ha imparato quasi per caso nel 2012. "Aspettavo la mia seconda figlia, ho smesso di lavorare, cominciando a fare dei lavoretti con la lana. Un giorno ho scoperto il feltro ed è stato amore a prima vista".
Da lì in poi non si è più fermata. "Ho fatto un primo corso e poi ancora un altro di perfezionamento con professionisti di fama internazionale, mi sono resa conto di come il feltro abbia una sua dinamicità: io stessa oggi riesco a fare solo un centesimo di quello che ho in testa". Un tessuto, il feltro, che nasce dall’impasto ad alte temperature di lana e acqua. "Naturale e magico. Nel feltro c’è l’energia della natura quella stessa energia che io cerco di mettere nei miei lavori". Perché, insiste Tita, "è fondamentale cercare il positivo: io stessa tendo all’armonia, quando creo i miei oggetti e le persone sembrano accorgersene".
A dimostrazione di ciò, annota, "le uniche creazioni che non ho venduto nell’ultima mostra che ho fatto a Biasca, sono state quelle puramente creative, quelle in cui non ho trasmesso la mia energia: l’importante è creare in modo non approssimativo". Ecco perché oggi, soprattutto per gli oggetti più grandi, Tita Malingamba si prende tutto il tempo di cui ha bisogno. E pazienza se passano anche diverse settimane. "Ogni tanto passo davanti al mio folletto di turno, lo guardo e mi domando: cos’è che hai bisogno?". abertagni@caffe.ch
16.09.2018


IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

Sgravi fiscali per tutti
con un taglio del 5%
L'INCHIESTA

L'estate al museo
con 100mila visitatori
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Nelle città turistiche
non si santifica la festa
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Lehman Brothers
e la fine del sogno Usa
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I missili non aiutano
la Siria senza pace
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Con il "topo morto"
la lotta tra Cia e Kgb
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
È urgente arrivare
ad un'economia "pulita"
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2018
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2018
06.09.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È il linea il nuovo dossier sul tema “La scuola che verrà”
06.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2018
05.09.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 17 settembre prossimo
31.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2017
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

"Florence"
declassato
ma vittime
e danni

Città del Messico:
sparatoria
in pieno centro,
morti e feriti