La famiglia Zampa
Immagini articolo
Le sorelle musiciste
nel concerto a 8 mani
CLEMENTE MAZZETTA


Tutte assieme, sedute sullo stesso sgabello davanti al pianoforte. Strettissime. E non può essere altrimenti, visto che suonano a otto mani. Un exploit per le sorelle Zampa di Carona. In ordine di età: Caterina, 17 anni, Maria Adele, 15, Amalia, 10, e Margherita, 8. Bravissime: hanno già vinto premi internazionali ma soprattutto un anno fa, il 25 marzo a Milano, hanno aperto un concerto a otto mani dal titolo "Tutte insieme appassionatamente".
"L’iniziativa era di un’associazione che vuol portare i concerti di musica classica in periferia e nelle carceri. Era stata organizzata in una casa d’accoglienza per donne migranti", spiega la mamma delle quattro ragazze, Simona Zampa, 49 anni. Anche lei appassionata di musica. Passione che ha trasmesso alle figlie e al figlio Ulrico, di 12 anni, che però suona il sax. "Anch’io ho suonato il pianoforte da giovane. Non al livello a cui sono arrivate le mie figlie. Il cui merito va soprattutto al maestro Andrea Conenna del Conservatorio della Svizzera italiana. Ha cominciato con Caterina, poi ha seguito anche le altre. È stato bravo perché è riuscito a trovare il giusto equilibrio. Evitando controreazioni, riducendo le pressioni psicologiche. Cosa che ha permesso loro di seguire la loro passione e crescere in modo armonioso. Mi sembrano ragazze felici, allegre, portate per la musica, e ognuna segue la propria strada".
Una strada che le ha portate ad esibirsi su importanti palcoscenici musicali. Come quell’esibizione virtuosa a otto mani a Milano. "L’idea di farle suonare tutte e quattro insieme, sullo stesso pianoforte, l’ha avuta Nadia Lasserson del Royal College of Music di Londra, a conclusione del Concorso musicale internazionale nella città di Palmanova", riprende la mamma, apprezzata disegnatrice e scrittrice per libri d’infanzia, con una laurea in economia all’Università Bocconi e precedenti esperienze professionali presso banche di investimento americane e la Banca d’Italia. Ha pubblicato per le edizioni Brioschi di Milano e ha illustrato il libro di don Antonio Mazzi "Le beatitudini del marciapiede". Suoi i disegni de "Il paese delle coccole", racconto sempre di don Mazzi per le Edizioni San Paolo (parla di un villaggio gemellato con il paradiso, i cui abitanti vivono senza televisore e senza supermercati ma pieno di coccole che tutti si scambiano e che li preserva dalla noia). Coccole che pure mamma Simona non risparmia, anche se, aggiunge: "Sono ragazze molto brave, per carità. Ma le sgrido come tutte le mamme del mondo se non fanno i compiti o escono senza la giacca pesante. È vero, di tv ne guardano poca. Annoia anche me. Poi, fra i compiti e l’impegno al conservatorio non hanno molto tempo. Quanto ai telefonini per ora solo la grande ne ha uno che usa come le sue amiche, sui social... Le altre, grazie a Dio, ne fanno a meno. Penso che questo tipo di comunicazione faccia perdere in freschezza nei rapporti con i coetanei...".
Oltre alla musica, c’è la passione per lo sport. Lasciato il piano, l’arpa, il sax, la famiglia Zampa si riprende il proprio spazio mettendosi ai piedi gli sci di fondo. Mens sana in corpore sano. E dopo la musica, c’è la matematica. Dove, neanche a dirlo, eccellono. La più grande, Caterina, d’estate ha frequentato il Pre-collegiate Institutes della Stanford University. Maria Adele, grazie ai risultati ottenuti ha ricevuto un attestato del John Hopkins Center, scuola per i giovani talenti. "Molte ragazze che suonano al loro livello fanno solo il Conservatorio. Cosa che non credo sia giusta alla loro età, nella quale è importante avere altri interessi, confrontarsi con i propri coetanei, avere una vita sociale", osserva la mamma. Il futuro? Caterina oltre al piano, alle lezioni di danza classica, sembra indirizzata a fare medicina. Maria Adele, che ha una passione per l’architettura, è molto forte nelle maratone di sci di fondo. Le altre stanno crescendo. Suonando.

cmazzetta@caffe.ch
17.03.2019


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

L'ascensore sociale
si è ormai inceppato
L'INCHIESTA

"Il via vai di procuratori
rallenta le inchieste"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

I talenti non hanno
orientamenti sessuali
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La crescita dipende
dai rapporti con Trump
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Le famiglie in fuga
dalle paure di Kabul
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Tecniche viet-cong
nei tunnel del Califfato
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Cibo e ambiente
allungano la vita
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2019
13.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2019
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, quarto trimestre e anno 2018
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2019
07.03.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da giovedì 7 marzo 2019 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
27.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta dell'11 marzo 2019.
27.02.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Brexit:
Farage lancia
la marcia
pro-Leave

Tirana:
violente proteste
davanti
al Parlamento