Oltre 470mila franchi per curare la leucemia
Immagini articolo
Una costosissima
puntura anticancro
PATRIZIA GUENZI


S i chiama Emily, è una bambina di 5 anni che all’ospedale pediatrico di Philadelphia ha fatto da "cavia" per una terapia anticancro rivoluzionaria. Ed è guarita. Il trattamento, Kymriah il suo nome, modifica geneticamente le cellule dei pazienti per contrastare il cancro e presto potrebbe essere disponibile anche in Svizzera. L’azienda farmaceutica Novartis sta aspettando l’autorizzazione alla commercializzazione. Unico neo, il costo: oltre 470mila franchi per una sola iniezione. Difficilmente le casse malati se ne faranno carico.
Intanto, il Kymriah ha già acceso la speranza di molti piccoli malati, under 25 anni, affetti da leucemia linfoblastica acuta a cellule B recidivata/refrattaria. Un tipo di tumore provocato dalla proliferazione maligna delle cellule linfoidi, che rappresenta il 75% di tutti i casi di leucemia infantile. Solo negli Usa 3mila pazienti l’anno. In Europa ne vengono diagnosticati circa 5mila, con un picco di incidenza tra i 2 e i 5 anni di vita. Il trattamento è stato approvato dall’agenzia del farmaco americana a fine agosto. Purtroppo, oltre che rivoluzionario, il trattamento rischia di essere solo per piccoli Paperon de’ Paperoni malati. Una sola iniezione si paga l’astronomica cifra, perché deve essere sviluppata  individualmente, su misura per ciascun paziente. Ancora tutta da vedere la reazione delle casse malati, spesso restie a rimborsare costose terapie. Si andrà sempre più incontro ad una medicina a due velocità (vedi articolo a fianco).
Più in dettaglio, la cura consiste in cellule immunitarie che vengono estratte dal sangue del paziente e riprogrammate per colpire il tumore. Successivamente vengono moltiplicate e reiniettate nell’organismo, dove si spera riescano a contrastare la malattia per mesi e persino anni. In pratica è lo stesso sistema immunitario del paziente che viene in parte modificato per fare i conti con il tumore. La cura potrebbe pure, in un prossimo futuro, diventare un’alternativa al trapianto di midollo osseo, un trattamento che comunque è molto costoso. Al momento questo tipo di cura viene proposta solo in alcuni ospedali dotati di personale formato ad hoc per somministrare la sofisticata infusione e per gestirne gli eventuali effetti collaterali.
Intanto, altre aziende farmaceutiche hanno fiutato l’affare. Elettrizzate dalla novità non vogliono certo restare indietro e perdere fior di quattrini. Hanno già investito miliardi per la ricerca. Solo se altre terapie analoghe al Kymriah arriveranno presto sul mercato il prezzo di questo tipo di cure costosissime contro il cancro potrà scendere.
E l’accesso alle nuove terapie antitumorali è ancora un miraggio per i Paesi più poveri, dove vivono quattro malati di cancro su cinque. Soltanto il 5% di loro può accedere a cure adeguate. E se pensiamo che fra neanche quindici anni il cancro sarà il primo killer nel mondo, delle 12 milioni di vittime totali, quasi 9 milioni di queste si troveranno nelle aree più disagiate. Per meglio spiegare l’enorme disparità tra Paesi ricchi e poveri basti dire che l’Africa, con l’11% della popolazione mondiale, registra il 25% dei malati complessivi di cancro e assorbe l’1% delle spese mondiali. L’America consuma la metà dei valori economici con poco più del 14% della popolazione e con il 10% dei malati. Ma se una malattia così grave è curabile da qualche parte del globo, lo si dovrebbe poter fare dappertutto.

p.g.
12.11.2017


Articoli Correlati
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

"Troppi negozi chiusi,
ogni mese 5 in meno"
L'INCHIESTA

La "bolla integralista"
cresce nelle carceri
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Sparate leghiste
da ignorare sempre
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Una politica assente
per il business migranti
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Orchi e melodrammi
non scaldano Cennes
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
L'amore d'antan
nel "Regality show"
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
22.06.2018
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– [www.ti.ch/commesse]
22.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, maggio 2018
08.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, primo trimestre 2018
06.06.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 18 giugno 2018.
06.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2018
01.06.2018
In occasione della "Settimana europea per lo sviluppo sostenibile", in programma dal 30 maggio al 5 giugno 2018, il Dipartimento del territorio (DT) ha aggiornato le pagine del proprio sito tematico, mettendo in evidenza attività e progetti promossi in collaborazione con i numerosi partner [www.ti.ch/sviluppo-sostenibile]
30.05.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile e primo trimestre 2018
29.05.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile e primo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Macron
ipoteca
il mini vertice
europeo

Bosnia-Erzegovina:
la rotta dei migranti
al confine
con la Croazia