L'altra storia di un tanguero chiamato Giuseppe Sarcinella
Immagini articolo
"A passo di tango,
un ballo terapeutico"
CLEMENTE MAZZETTA


Una vita al passo di danza, quella di Giuseppe Sarcinella. Vissuta come fosse un tango intenso e imprevedibile. Improvvisando passi, figure come fosse una grande "milonga", che è contemporaneamente il posto in cui si balla e il genere che si danza. "Quando il tango ti prende, non può farci niente, ti trascina  nel suo vortice", spiega Sarcinella, 52 anni, che in passato aveva aperto una scuola di tango con insegnanti argentini, poi lasciata agli stessi allievi, per poi lanciarsi nel "tango terapeutico".
"Ho costituito un gruppo di lavoro, assieme a specialisti, per un progetto che utilizza il ballo, il tango a fini terapeutici e riabilitativi: una iniziativa rivolta agli anziani, ma anche a chi è affetto da patologie come l’Alzheimer, il Parkinson, perfino a chi è stato colpito da un ictus". Sarcinella parla di sé come di un uomo che ha fatto tante cose. Personaggio dalle tante esperienze. Dopo le scuole, e dopo l’apprendistato professionale, si è dedicato alla fotografia. Fotoreporter per un quotidiano ticinese - quando c’era ancora il Dovere - è poi diventato fotografo professionista. Poi ancora projet manager. "L’esperienza più significativa della mia professione di fotografo, che mi ha segnato umanamente, è stato un intenso reportage nei paesi del Sud-Est asiatico per documentare l’azione della Croce Rossa Svizzera: Cambogia, Birmania, Laos. Paesi che uscivano da un periodo di guerra".
Nato in Italia, a Potenza, cresciuto a Olivone, Sarcinella negli anni della gioventù si avvicina casualmente al ballo durante le feste di carnevale. "Mi sono buttato nel vortice della danza cominciando a ballare il liscio. Mi è piaciuto, ho continuato nonostante qualche sorriso ironico degli amici". Si sa, da cosa nasce cosa. Così, anni dopo gli è esplosa la passione del tango, che a dispetto di quanto normalmente si creda, è un ballo molto, ma molto semplice. "La sua bellezza sta nel fatto che i movimenti di base non sono per nulla complicati. Non c’è un passo base da apprendere, né ci sono delle sequenze di passi da sapere a memoria per potersi considerare dei ballerini. E questo aiuta moltissimo a livello terapeutico, dove si lavora molto sull’improvvisazione, sulla creatività".
Lo scorso febbraio a Giubiasco nell’incontro di presentazione della sua iniziativa, ha parlato della "specificità del tango argentino come strumento terapeutico, equilibratore sensoriale e mezzo d’inclusione sociale", assieme a Claudio Rabbia, affetto da parkinsonismo, fondatore dell’Associazione Parkimaca e autore del libro "La mia vita con il Parkinson sulle note del tango".
Mette le mani avanti: "Sgombriamo il tavolo dagli equivoci; non è che il tango guarisce dal Parkinson né tantomeno dall’Alzheimer, sia chiaro. Semplicemente aiuta a stare meglio, a socializzare, a incontrare gente. È una terapia complementare", aggiunge Sarcinella che non si definisce affatto ‘maestro di ballo’ o tanguero: "Sono piuttosto un insegnante-terapeuta". Poi spiega: "Il nostro progetto è ancora in fase embrionale. Lo stiamo mettendo a punto con consulenze di medici, psicologi, dietologi, neurologi… Siamo fiduciosi, confidiamo sulle virtù del tango, dove ogni passo va pensato, comunicato governando così il movimento attraverso quella che viene definita memoria consapevole e non quella inconsapevole".
Svela poi il significato del nome enigmatico della sua iniziativa, "Progotan": "Sta semplicemente per pro… tango, scritto al contrario". Già intensa l’attività: il prossimo appuntamento è una quattro giorni dimostrativa a Verbania a novembre, poi corsi ad hoc per anziani in Ticino. "Abbiamo ricevuto anche un mandato dall’associazione parkinsoniana svizzera per organizzare due corsi, uno in primavera a Giubiasco e un altro in autunno nel Luganese".
cmazzetta@caffe.ch
17.11.2019


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
27.11.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 9 dicembre 2019
27.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2019
22.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2019
18.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, ottobre 2019
15.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, ottobre 2019
13.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre 2019
13.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, ottobre 2019
06.11.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 18 novembre 2019
04.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, terzo trimestre 2019
30.10.2019
Pubblicati i dati del censimento rifiuti 2018 [www.ti.ch/gestione-rifiuti, www.ti.ch/oasi]
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Un traguardo sociale
ma ancora non per tutti
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Il sanguinoso attacco
alla "Terra dell'alba"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
L'attentato a Londra
rilancia l'allarme jihad
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Emmental e pollo
tra i "falsi svizzeri"
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Arrestato
il presunto
aggressore
dell’Aja

Un trono
di soldi…
con lo scopo
di farne di più

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00