Tre architetti a confronto sulle facciate delle abitazioni
Immagini articolo
Viola, giallo e fucsia...
è l'anarchia del colore
MAURO SPIGNESI


Viola, giallo, fucsia. O arancione acceso. È una corsa all’originalità. Al colore sgargiante per le facciate delle case. "Perché ognuno vuol farsi il suo piccolo monumento, ma non funziona così. Il territorio è un bene comune e va regolato", spiega l’architetto Britta Buzzi, membro della Commissione cantonale del paesaggio e docente all’Accademia di architettura di Mendrisio. Buzzi si schiera, senza se e senza ma, tra chi chiede una carta dei colori, dalla quale attingere quando si costruisce o si ristruttura una abitazione. Il Cantone sta lavorando per arrivare a un regolamento, a una normativa che vada a colmare un vuoto sul quale si stanno inserendo i singoli Comuni. Come Cadenazzo, forse il paese più colorato del Ticino, dove un consigliere comunale ha chiesto di limitare la scelta cromatica dopo la costruzione di una serie di case con colori carichi, tra fucsia e viola.
"Cattivo gusto? Io sono contro una norma che limiti i colori, trovo che sia un modo per soffocare l’espressione, anche se si evita l’effetto collaterale dei toni accesi", spiega l’architetto Gianluca Lopes,  uno dei progettisti di The View, albergo coloratissimo di Paradiso. "Un tempo - aggiunge Lopes - c’erano i colori. Ed erano rosso, giallo, o azzurro, e si slavavano, attenuandosi, per effetto di pioggia, sole e vento. Oggi c’è l’ocra, il giallino, l’azzurrino. C’è la tendenza a sfumare, a spegnere la luce. No, non mi piace una vita in bianco e nero, non mi piacciono quartieri tutti uguali come a Berlino est prima della caduta del muro". Per Lopes, "il colore dosato bene, accostato con buon gusto, regala carattere a una abitazione o a un palazzo".
Il primo dibattito sui colori delle facciate scattò anni fa quando ai piedi del Ceneri venne realizzata una abitazione dai colori sgargianti, poi spuntò quella lilla a Biasca. "Oggettivamente ci sono colori e facciate che sono un pugno in un occhio", osserva Gianni Biondillo, architetto e scrittore di successo, che ha portato i suoi allievi dell’Accademia di architettura di Mendrisio a vedere da vicino le bellezze e le "brutture" del territorio. "Bisogna dire che in Ticino - spiega Biondillo - convivono abitazioni e strutture pubbliche di grande pregio, segno di una terra di architetti. Ma accanto c’è, se possiamo usare questo termine, tanto ciarpame".
Ci sono cantoni dove una normativa sulle facciate è già in vigore da tempo. Nel canton Berna, ad esempio. Tanto che a Bienne una coppia ha dovuto ridipingere la facciata arancione. "Ma anche a Zurigo, Basilea e Sciaffusa esistono precisi regolamenti - spiega l’architetto Buzzi - per evitare scivoloni nel cattivo gusto. E un registro dei colori non è necessariamente limitante, perché secondo me dovrebbe essere piuttosto articolato e prevedere un’ampia scelta. Nessuno è contro le città e i paesi colorati". Anche il Cantone è consapevole che il problema non può essere rimandato e che sui colori c’è una sensibilità crescente. Oggi, invece, non ci sono indicazioni vincolanti. "Tanto è vero - spiega Lopes - che quando si presenta una domanda di costruzione non si specifica il colore esatto, che all’interno di un discorso di eleganza, buon gusto e sobrietà, va scelto liberamente. E poi chi dovrebbe imporlo? La facciata della propria abitazione è una scelta personale". E dunque nella regola c’è l’eccezione. C’è la parentesi eccentrica. "Il guizzo, la pennellata personale, il tratto che spezza, non sempre è un concetto sbagliato - spiega Biondillo - ma questa operazione va fatta all’interno di un progetto ampio. Un tempo c’erano le commissioni d’ornato, che hanno consentito di conservare i centri storici e le parti antiche delle città e di consegnarcele intatte. Su questo aspetto bisognerebbe riflettere. Senza pregiudizi".

m.sp.
01.10.2017


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Troppa canapa light
e il mercato è saturo
L'INCHIESTA

Se lavori oltre i 65
rendite più ricche
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Dagli esodati
ai pensionati d'oro
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Una tregua "olimpica"
riunisce le due Coree
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La folle corsa nucleare
non è solo propaganda
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La tendenza a esagere
...ereditata dai greci
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
15.02.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, gennaio 2018
12.02.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre 2017
12.02.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È in linea il nuovo dossier concernente la protezione dell'ambiente in Ticino
08.02.2018
La Segreteria del Gran Consiglio ha pubblicato la lista delle presenze dei Deputati alle sedute della legislatura in corso
07.02.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 19 febbraio prossimo
01.02.2018
Aggiornato il formulario della domanda di costruzione (versione 01.2018) [www.ti.ch/edilizia]
31.01.2018
Lingue e stage all'estero - 20 anni di scambi linguistici. Partecipa al concorso.
22.01.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2017
11.01.2018
Prova delle Sirene 2018
10.01.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 22 gennaio 2018.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Kosovo:
si festeggiano
i 10 anni
d'indipendenza

Messico:
la terra trema
e le paure
riaffiorano