La matematica e il "profiling" spopolano, ma l'Europa…
Immagini articolo
Assumere o licenziare?
Lo decide l'algoritmo
MASSIMO SCHIRA


Attenti. Perché il vostro profilo sui social network potrebbe decidere il vostro futuro professionale. Sì, perché sempre più spesso le aziende si affidano ad algoritmi complessi per alcune delle pratiche normalmente appannaggio delle "risorse umane". Per assumere, promuovere  e anche capire chi licenziare, gli algoritmi in grado di analizzare il profilo delle persone attraverso la loro presenza sulle reti sociali, sono sempre più decisivi. E mentre l’Europa dal prossimo mese di maggio inizierà ad introdurre dei paletti, rafforzando soprattutto il concetto di consenso. "Il consenso è già necessario oggi, ma è spesso inserito nelle ‘condizioni d’uso’ di un social o di un’applicazione - spiega  Alessandro Trivillini, responsabile del Dipartimento tecnologie innovative alla Supsi -. E queste condizioni vengono lette troppo raramente dagli utenti. In Svizzera si sta discutendo la nuova legge sulla protezione dei dati, che molto probabilmente andrà in questa stessa direzione".
Oggi, infatti, per le aziende l’analisi dei "big data" - grandi volumi di informazioni, provenienti da quante più fonti possibili - è una costante anche nella selezione del personale. "È molto in voga il profiling emozionale, ad esempio, dei candiati ad un posto di lavoro - conferma Trivillini -. Un tempo ci si limitava a scrivere nome e cognome su Google e osservare i risultati della ricerca. Oggi i sistemi sono molto più evoluti e si basano su algoritmi ormai addestrati a considerare dati che vengono dalla vita quotidiana delle persone. Ad esempio analizzando il profilo e i post su Facebook o Instagram".
I social network più famosi, insomma, "nascondono" funzioni molto meno… "famose". Ma certamente molto interessanti per le aziende, oltre che per il marketing che veicola prodotti "mirati" alle abitudini dell’utente. "Il contratto è chiaro: io ti regalo l’applicazione, ma il prodotto sei tu - conferma Trivillini -. Il consenso all’utente viene sempre chiesto, ma la consapevolezza sul reale uso dei dati non è molto comune. Basti pensare che se il profilo Facebook non è adeguatamente protetto dal punto di vista della privacy, le informazioni disponibili possono essere anche di 200 tipi. E questi dati rimangono a disposizione in rete, se non ci si protegge nel modo corretto. E per le aziende rappresentano una massa enorme di informazioni di grande interesse. Perché esistono ormai strumenti in grado di analizzare anche emozioni e comportamenti. Si ‘verifica’ il curriculum confrontandolo con ‘la’ o ‘le’ identità digitali della persona".
Una pratica che offre parecchie opportunità per "completare" il proprio profilo professionale, ma nasconde anche qualche rischio. "Molte delle persone che, oggi, utilizzano i social network non hanno la consapevolezza di quanti tra i dati che immettono in rete vengono poi utilizzati ‘lontano’ dai social network stessi - conferma ancora Alessandro Trivillini -. In luoghi della rete di cui non conoscono nemmeno l’esistenza. Proprio per questo bisogna stare attenti alle proprie azioni sui social, perché possono causare imbarazzi, disagi e addirittura problemi anche a livello professionale".
Anche perché, oggi, le aziende sono sempre più a caccia della "creatività", quindi osservano con piu attenzione quanto ruota attorno alle competenze tradizionali, quelle strettamente legate alla formazione. "In gergo, si punta più sui softskills e meno sugli hardskills", conclude Trivillini. m.s.
29.10.2017


Articoli Correlati
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

Il Cardio non paga
e il Mizar si arena
L'INCHIESTA

La scuola volta pagina
con lezioni di sesso
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Kerouac e i bus
direzione a Malpensa
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Lehman Brothers
e la fine del sogno Usa
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Con il "topo morto"
la lotta tra Cia e Kgb
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
È urgente arrivare
ad un'economia "pulita"
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
26.09.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da mercoledì 26 settembre 2018 alle ore 10.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
19.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2018
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2018
06.09.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È il linea il nuovo dossier sul tema “La scuola che verrà”
06.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2018
05.09.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 17 settembre prossimo
31.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2017
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Attacco
alla parata,
Iran:
risponderemo

Russia:
manifestanti
chiedono dimissioni
di Putin