La gestione della rabbia è molto complicata e i danni…
Immagini articolo
L'"epidemia" di collera
è quasi incontrollabile
ROSELINA SALEMI


Che rabbia! È proprio un’emozione incontrollabile. La terapia breve per affrontare mancate promozioni, tradimenti, delusioni è entrata nella routine, come pilates e massaggi (200 nuovi seminari registrati dall’inizio del 2017). Nessuno sfugge alla collera, neanche le viziatissime star che picchiano i paparazzi (tante, da Orlando Bloom a Kanye West, da Justin Bieber a Louis Tomlison degli One Direction) o le assistenti (leggendaria Naomi Campbell condannata a frequentare un corso per calmarsi) e fanno esplodere crisi coniugali (Johnny Depp e Amber Heard). In Italia, secondo Voices Analytics un tweet su dieci contiene una forte carica di rabbia. Un’epidemia. E se fosse sbagliato il punto di vista? Se anziché imbrigliare e controllare, bastasse accumulare energia positiva e non arrabbiarsi?
Per Ryunosuke Koike, priore del tempio di Tokyo, la scommessa è questa. Così il suo "Manuale di un monaco buddhista per abbandonare la rabbia" (Vallardi) - un milione di copie - si aggiunge alla ricca letteratura "how to do" giap che insegna come riordinare, risparmiare, fare le pulizie (vedi box). La cultura buddhista, sostiene David Barash, studioso dell’evoluzione, ha molto in comune con la biologia: "Entrambe vedono la vita come un flusso, ritengono che in natura non esistano entità indipendenti". La tradizione contemplativa è in realtà piuttosto concreta: non fa leva sul senso di colpa ma sulla ricerca dell’equilibrio. E pare che i seminari di Ryunosuke Koike per tornare sereni in dieci lezioni funzionino davvero, come i corsi di felicità a Harvard.
Se diamo retta a lui, lo stress nasce dal desiderio frustrato e si trasforma in collera, mugugno, appetito infelice (mangiare compulsivamente, senza badare a che cosa c’è nel piatto). Ma perché, sapendo che fa male, continuiamo ad alimentare la rabbia? "Perché", spiega il priore, "fa dimenticare per un po’ le cose sgradevoli, la mente sospende la tristezza, l’insoddisfazione, la noia. Commettiamo l’errore di credere che arrabbiarsi sia vantaggioso, fornisca lo slancio per "prenderci una rivincita", ma lo sfogo o la vendetta può soltanto avvelenarci". Ed ecco alcuni esercizi utili, da cominciare subito: 1) non dire bugie (si viene scoperti  e il sentimento negativo può solo accrescere l’energia della rabbia) 2) non criticare (se ci sono intenzioni aggressive, e spesso ci sono) perché si alimenta l’orgoglio, la presunzione, il conflitto 3) non spettegolare. Il gossip è divertente per chi lo fa, non per chi ne è l’oggetto: abbassiamo l’autocontrollo, ascoltiamo noi stessi e non gli altri 4) fare del bene, perché rabbia e desiderio non aumentino 5) accumulare energia positiva con la concentrazione e la compassione 6) affrontare i sentimenti senza negarli. 7) tracciare un’ideale linea di separazione tra noi e il rumore di una società carica di rancore.
Ryunosuke Koike, ex ragazzo arrabbiato, confessa: " Dicevo ai miei genitori di andare al diavolo e farsi gli affari propri. Se gli amici non mi prendevano sul serio, non erano più mei amici. Vivevo all’insegna del nervosismo, soffrivo di emicrania e di gastrite cronica. Poi un giorno ho fissato lo sguardo sull’interruttore di quella rabbia così infantile… e l’ho spento."  Non sarebbe il caso di imitarlo?
10.12.2017


Articoli Correlati
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

Sgravi fiscali per tutti
con un taglio del 5%
L'INCHIESTA

L'estate al museo
con 100mila visitatori
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Nelle città turistiche
non si santifica la festa
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Lehman Brothers
e la fine del sogno Usa
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I missili non aiutano
la Siria senza pace
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Con il "topo morto"
la lotta tra Cia e Kgb
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
È urgente arrivare
ad un'economia "pulita"
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2018
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2018
06.09.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È il linea il nuovo dossier sul tema “La scuola che verrà”
06.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2018
05.09.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 17 settembre prossimo
31.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2017
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

"Florence"
declassato
ma vittime
e danni

Città del Messico:
sparatoria
in pieno centro,
morti e feriti