La strana eccezione della polizia di Ceresio Nord
No ai tatuaggi visibili
per gli agenti comunali
CLEMENTE MAZZETTA


Hai una serie di tatuaggi troppo visibili sulle braccia? O sul collo? Non puoi far parte nel corpo di polizia comunale di Ceresio Nord. Puoi pensare di fare l’agente a Locarno, a Lugano, ad Ascona, in tutti gli altri comuni del cantone, ma non di entrare nel corpo di polizia unico di Canobbio, Massagno, Origlio, Porza, Savosa e Vezia.
Lo "strano" divieto spicca nell’ultimo bando di concorso per entrare nella scuola di polizia (sul Foglio ufficiale di settimana scorsa). Strano per modo di dire, visto che lo stesso impedimento esiste a Zurigo, dove il regolamento proibisce ai poliziotti di avere tattoo visibili. "La polizia deve far rispettare la legge e avere un aspetto serio e dignitoso", spiegano sulla Limmat. Evidente un riflesso della proscrizione, della cattiva reputazione che accompagnavano tatuaggi. Quello che un tempo era distintivo della mala e dei carcerati, mal si addice ad un tutore dell’ordine. Ma siccome il tatuaggio, da segno identificativo di gruppi marginali o devianti, è diventato da decenni una vera e propria moda, ormai le polizie di mezzo mondo lasciano fare. In Italia, secondo una recente sentenza, il tatuaggio costituisce legittima causa di esclusione dalle procedure concorsuali  per il  personale militare o in divisa, "solo quando le dimensioni o i contenuti dell’incisione sulla pelle siano rivelatori di una personalità abnorme".  Per il resto... tattoo free.
Così anche il Ticino. Dove sono ammessi tatuaggi di grandi dimensioni sul corpo a condizione che siano nascosti dalla divisa e che non esprimano messaggi discriminatori o offensive. Quindi: rose, farfalle, ma non croci naziste. Pesci, àncore, ma non disegni osceni o frasi razziste. È anche possibile avere piccoli tatuaggi visibili su braccia e collo. Basta che siano inferiori a 5 centimetri quadrati sul collo e a 30 sulle braccia. Che, ad esempio due da 15 centimetri, sarebbero già dei bei tatuaggi. Visibilissimi.
Ma nell’ottica di una maggior deregolamentazione, il bando per la scuola di polizia permette di andare oltre. Consente cioè disegni sulla pelle più grandi su braccia e collo, a patto che "l’agente sia disposto a prestare servizio coprendo sempre il tatuaggio in questione". Che indossi anche d’estate la camicia a maniche lunghe.
Eccezione che vale per Bellinzona, Biasca, Chiasso, Locarno, Lugano, Mendrisio, Muralto, Stabio Vedeggio. Ma non per il corpo di polizia unico di Ceresio nord. A mettere un freno a questa "deregolamentazione" è stato il comandante Nicola Poretti, 55 anni, che ha alle spalle una vita nella polizia cantonale. Il capo della Ceresio nord non si batte contro i tatuaggi in sé. Ma contro l’assurdità di un regolamento che obbligherebbe un poliziotto a girare con la camicia a maniche lunghe anche d’estate. E al Caffè dice: "A prescindere della vita d’inferno che dovrà fare questo povero ragazzo sotto il sole a 30 gradi con la camicia a maniche lunghe come d’inverno, questa eccezione impedisce di presentare la polizia in modo uniforme".
È una questione di principio, dunque, per Poretti che ha respinto la proposta del Cantone di… allargare le "maglie" sui tatuaggi. Un esempio di autonomia comunale. "Niente contro i tatuaggi, tant’è vero che alcuni agenti in servizio da noi ne hanno di piccole dimensioni - conclude Poretti –, solo un’avversione ad una regolamentazione che non considero consona al nostro corpo di polizia".

c.m.
21.01.2018


Articoli Correlati
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

La bestiale estate
del sovranismo
L'INCHIESTA

"La Svizzera annetta
Campione d'Italia"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Nell'era degli ebook
i libri vanno a ruba
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
L'"altalena" della lira
nella crisi della Turchia
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Orchi e melodrammi
non scaldano Cennes
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La dieta dei cittadini
interessa i governanti
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
16.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, luglio 2018
10.08.2018
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da venerdì 10 agosto 2018 alle ore 11.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
03.08.2018
Pubblicato il nuovo sito tematico dell'Ufficio di Consulenza tecnica e dei lavori sussidiati [www.ti.ch/consulenza-tecnica]
18.07.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2018
18.07.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, giugno 2018
09.07.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 9 luglio 2018 alle ore 13.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
28.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2017
22.06.2018
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– [www.ti.ch/commesse]
22.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Genova:
le esequie
e le polemiche

Austria:
la ministra
si sposa
e invita Putin