Tutti dobbiamo mirare al salario del benessere, ma...
Immagini articolo
La cifra della felicità
è di 7'800 franchi
FRANCO ZANTONELLI


C’è il salario della paura, dal titolo di un romanzo francese del 1950. E c’è il salario della felicità, individuato dalla rivista statunitense Nature Human Behaviour. Il salario della paura era quello di un gruppo di disperati, che si guadagnavano la vita trasportando nitroglicerina sui camion, quello della felicità è, invece, una sorta di soglia, al di là della quale non bisognerebbe andare per non peggiorare la qualità della nostra esistenza.
Il periodico americano suggerisce, in sostanza, di valutare bene se accettare le prospettive di carriera, in quanto le controindicazioni potrebbero annullarne i benefici. Soprattutto in termini di relazioni sociali. Il che significa che, nel caso in cui il vostro superiore vi proponga un aumento di stipendio e la possibilità di salire di grado nella scala gerarchica aziendale, ciò potrebbe tradursi in un regalo avvelenato. Non sempre uno scatto di carriera e di retribuzione, a detta di Nature Human Behaviour, comporta effetti positivi.
Per arrivare a queste conclusioni la rivista ha effettuato un sondaggio su 1,7 milioni di persone, in 164 paesi. Individuando appunto un salario del benessere. O se si preferisce un indicatore di sazietà. Che, per l’Europa occidentale, è stato fissato a 93mila 700 franchi all’anno. Che si traducono in uno stipendio di 7’800 franchi mensili. Il che significa poco più di due volte e mezzo il salario medio in Germania, il Paese dell’Ue dove si guadagna meglio, mentre è solo una volta e mezzo quello medio, in Svizzera.
Ma i soldi non fanno la felicità. Altri sono gli incentivi per far star bene un lavoratore (vedi articolo a lato). Lo sostiene pure l’economista francese Mickaël Mangot, autore di un volume dal titolo significativo: "Felice come Creso? Lezioni inattese di economia della felicità". Una disciplina relativamente nuova, che esamina le relazioni tra denaro e felicità. Mangot parte dalla constatazione che gli abitanti dei paesi ricchi vivono in una situazione di benessere triste. Una situazione che possiamo migliorare, dice lui, cambiando "il nostro rapporto con il denaro, con i consumi, con il lavoro, in funzione di quello che ci rende davvero felici". Tornando al tema del salario del benessere, l’economista francese fa notare che "gli aumenti e le promozioni portano con sè più responsabilità, meno tempo libero e maggiore insoddisfazione".
Sostanzialmente d’accordo con Mangot è il professore di psicologia all’università di Friburgo, Dominik Schöbi. "D’altronde - spiega al Caffè - un altro studio recente dimostra che il porre la priorità sugli aspetti materiali e finanziari implica uno stile di vita che riduce gli spazi per le relazioni sociali. Il che può comportare anche contraccolpi sulle relazioni coniugali". Insomma, un vero e proprio inno alla probità, anche se Schöbi evidenzia una differenza tra uomini e donne indiduata dallo studio di Nature Human Behaviour. "La mia - precisasa - è un’impressione da prendere con le dovute cautele. Tuttavia è indubbio che una donna per migliorare la propria situazione debba investire più di un uomo. Quindi è possibile che un reddito elevato le procuri maggiore soddisfazione". Ecco perché, tutto sommato, un margine di dubbio esiste. "Beh, potrebbe anche capitare che qualcuno, rinunciando alla carriera e a più soldi, finisca per ritrovarsi insoddisfatto - commenta il professore -. Ciò non toglie che l’importante è mantenere uno stile di vita equilibrato, evitando di puntare, unicamente, ad avere uno stipendio elevato".
25.02.2018


Articoli Correlati
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

Sgravi fiscali per tutti
con un taglio del 5%
L'INCHIESTA

L'estate al museo
con 100mila visitatori
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Nelle città turistiche
non si santifica la festa
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Lehman Brothers
e la fine del sogno Usa
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I missili non aiutano
la Siria senza pace
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Con il "topo morto"
la lotta tra Cia e Kgb
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
È urgente arrivare
ad un'economia "pulita"
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2018
06.09.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È il linea il nuovo dossier sul tema “La scuola che verrà”
06.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2018
05.09.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 17 settembre prossimo
31.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2017
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018
24.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, secondo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

"Florence"
declassato
ma vittime
e danni

Città del Messico:
sparatoria
in pieno centro,
morti e feriti