Marchi prestigiosi e il rispetto dei diritti dei lavoratori
Immagini articolo
Se orologi e diamanti
"sfruttano i poveri"
FRANZO ZANTONELLI


Quasi 18 milioni di dollari. A tanto, nell’autunno scorso, venne battuto all’asta a New York il Rolex Daytona appartenuto a Paul Newman. Era stato regalato all’attore dalla moglie Joanne Woodward. Quel prezzo stratosferico fu possibile grazie alla combinazione di due miti: quello di una delle star più celebri e affascinanti del cinema hollywoodiano, con uno dei nomi più prestigiosi dell’orologeria svizzera. Ma, come si suol dire, non è tutto oro quello che luccica.
Mentre una biografia uscita da poco, "The Man Behind the Baby Blues", getta un’ombra sul mito di Paul Newman, descrivendolo come un assatanato sessuomane, un’inchiesta di una organizzazione non governativa (ong) insinua il dubbio che Rolex si approvvigionerebbe in Paesi poveri, dove il rispetto dei diritti più elementari dei lavoratori è un optional. L’ong in questione è Human Rights Watch. Ha analizzato la provenienza di oro e diamanti di 13 marchi prestigiosi che insieme totalizzano una cifra d’affari di 28 miliardi di franchi, il 10% del totale a livello internazionale. Come Chopard, Tiffany e Cartier. "Mentre alcuni fabbricanti - scrive l’ong - si danno da fare per identificare e gestire i rischi, in termini di mancato rispetto dei diritti dell’uomo della loro catena di fornitori, altri si fidano senza verificarne le referenze".
I rischi di cui stiamo parlando si traducono nello sfruttamento di lavoratori-bambini, di persone ridotte in schiavitù, nell’espropriazione forzata di terre, oltre che in gravi danni ambientali. Che Rolex si sia resa responsabile di tutto questo non è affatto provato. Anche perché l’azienda elvetica è sempre molto attenta al fatto che il suo marchio non sia associato a comportamenti poco etici.
Human Rights Watch spiega poi che queste importanti società  dovrebbero fare più attenzione e curare "un approvvigionamento responsabile", scrive l’ong. Di Bulgari, Tiffany e Cartier, peraltro, l’ong annota invece le "tappe importanti compiute". Fatto sta che circa un milione di bambini, ancora oggi, sono costretti a lavorare nelle miniere. Piccoli, soffrono di disturbi respiratori, di attacchi di panico, di problemi alla schiena e di altri malanni invalidanti. Una situazione in virtù della quale i fabbricanti di orologi e di gioielli, secondo Juliane Kippenberg, direttrice aggiunta di Human Rights Watch, "dovrebbero prendere maggiori precauzioni, per accertarsi che l’oro e i diamanti che utilizzano nelle produzioni non siano frutto del lavoro minorile".
In realtà, a quanto pare, si tratta di un’operazione complessa, considerata la vasta filiera di soggetti che si interpongono tra il bambino-minatore e il laboratorio dove designers, orafi e orologiai mettono a punto il prodotto che, poi, diventerà un regalo per Natale o San Valentino.
Ciò non toglie che le Nazioni Unite impongano un preciso "dovere di diligenza" alle imprese, per impegnarle a non contribuire alla violazione dei diritti dell’uomo.
04.03.2018


Articoli Correlati
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

"Troppi negozi chiusi,
ogni mese 5 in meno"
L'INCHIESTA

La "bolla integralista"
cresce nelle carceri
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Sparate leghiste
da ignorare sempre
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Una politica assente
per il business migranti
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Orchi e melodrammi
non scaldano Cennes
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
L'amore d'antan
nel "Regality show"
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
22.06.2018
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– [www.ti.ch/commesse]
22.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, maggio 2018
08.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, primo trimestre 2018
06.06.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 18 giugno 2018.
06.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2018
01.06.2018
In occasione della "Settimana europea per lo sviluppo sostenibile", in programma dal 30 maggio al 5 giugno 2018, il Dipartimento del territorio (DT) ha aggiornato le pagine del proprio sito tematico, mettendo in evidenza attività e progetti promossi in collaborazione con i numerosi partner [www.ti.ch/sviluppo-sostenibile]
30.05.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile e primo trimestre 2018
29.05.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile e primo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Macron
ipoteca
il mini vertice
europeo

Bosnia-Erzegovina:
la rotta dei migranti
al confine
con la Croazia