I gatti possono diventare un esempio di vita per noi
Immagini articolo
Quelle lezioni feline
che fanno star bene
ROSELINA SALEMI


Di gatti Internet trabocca in maniera quasi ossessiva. I gatti piacciono, possono addirittura andare al potere come nel film di Wes Anderson "L’isola dei cani", premiato con l’Orso d’argento a Berlino. Ma nessuno prima di Matteo Rampin, psichiatra e consulente aziendale, aveva pensato di farne un guru esistenziale. E Nel libro "La scelta del gatto" (Ponte alle Grazie), scritto in collaborazione con  Laura Fanna e Matteo Loporchio, psicoterapeuti che usano metafore feline per aiutare i loro pazienti, propone proprio questo. Osservarli e imitali, copiare le loro qualità migliori.

Vedere al buio
Dipende dalla genetica della specie, ovviamente. La vista dei gatti è sei volte più efficace della nostra, capace di "espandere" la piccola quantità di luce presente anche nell’oscurità che appare più profonda. Che cosa possiamo imparare? Scommettere sull’ipotesi che un raggio di luce ci sia sempre, anche quando non lo vediamo.

Cadere in piedi
Il gatto sa cadere, noi meno. La flessibilità felina deve esserci di ispirazione per "ammorbidire" la nostra condotta. C’è un aspetto simbolico (molti si rifiutano di vivere pienamente per timore della perdita, della sconfitta) ma ce n’è uno anche pratico. Un judoka che aveva paura di cadere male durante gli allenamenti, studiando i movimenti del suo gatto e lasciandosi andare all’istinto imparò nuovi modi di cadere sul tatami.

Riposare
I gatti passano molte ore senza far niente (dalle 16 alle 18 al giorno). Oziare è un risparmio energetico. Dovrebbe valere anche per noi: se non abbiamo tempo per l’ozio non riusciremo mai a riflettere su quello che vogliamo nella vita. Esercizio facile: oziamo assieme a lui. Ci verranno un sacco di buone idee.

Arrampicarsi
È un impulso antico: gli serve "posto al sole" per affermare la sua superiorità sugli altri gatti. Noi abbiamo perso le ragioni biologiche del nostro comportamento. Ci arrampichiamo per qualche vantaggio materiale, per il famoso quarto d’ora di celebrità. Dovremmo "guardare dall’alto", permette di raffreddare emozioni negative e restituire alle cose il giusto valore.

Avere sette vite
È possibile soltanto nei videogiochi. Però possiamo migliorare l’unica esistenza che abbiamo: essere centrati sul qui e ora, non perdere di vista lo scopo, essere flessibili (equivalente dell’agilità felina) per reagire alle contrarietà, trovare nuovi significati. E avremo sette vite in una.

Esplorare
I gatti si cacciano nei guai, tanto che a volte devono arrivare i vigili del fuoco a tirarli giù da un albero. L’irrequietezza è l’effetto collaterale dell’attitudine all’esplorazione. Ogni medaglia ha il suo rovescio. I gatti sono indipendenti? No, individualisti. Curiosi? No, ficcanaso. Trovare gli aspetti postivi di ogni cosa può essere un buon modo di accettare il rischio dell’esplorazione.

Fare le fusa
Accarezzare il gatto è un esercizio di altruismo: fare spazio agli altri trovando il tempo per loro. Ne riceveremo "fusa", cioè amicizia autentica.

Indipendenza
I gatti ci vedono non capobranco, ma come genitori adottivi. In ogni caso si ritengono proprietari del loro "territorio". Tutti aspiriamo a essere liberi, ma siamo animali sociali, obbligati a coordinarci con altri. Cominciamo col coltivare l’indipendenza dal giudizio degli altri. Esempio: se teniamo sulle ginocchia un gatto, a un certo momento salterà giù e se andrà. Traduzione: ti permetto di coccolarmi ma non di bloccare la mia libertà. Una bella lezione.
08.04.2018


Articoli Correlati
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

La privacy è morta
evviva la privacy
L'INCHIESTA

Gli affiti il business
delle Ferrovie federali
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

E il dentista incassa
i soldi dei contribuenti
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il gioco a scacchi
tra Trump e Kim
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Dalla Russia a Roma
le avventure degli 007
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il dopo Chavez
che avvelena Caracas
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.02.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da martedì 19 febbraio 2019 alle ore 09.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
06.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 18 febbraio prossimo
01.02.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da venerdì 1° febbraio 2019 alle ore 9:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
30.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2018
29.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole medie superiori per il periodo 2019-2023
28.01.2019
I giovani e le aziende interessate a partecipare al programma di scambio Swiss Mobility sono invitati a porre candidatura entro il 15.3.2019
18.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2018
15.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole professionali secondarie e superiori per il periodo 2019-2023
09.01.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 21 gennaio prossimo
31.12.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 31 dicembre 2018 alle ore 09.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Ultimo
assalto
all'Isis
in Siria

Francia:
gilet gialli,
atto
numero 14