Rodero, simbolo dell'insofferenza verso la politica
Immagini articolo
Il paese dei frontalieri
non trova un sindaco
MAURO SPIGNESI


Il 25% della popolazione è iscritta nelle liste degli italiani residenti all’estero (Aire). E vive perlopiù in Ticino, pur mantenendo la residenza, e dunque la possibilità di votare. Ma raramente lo fa. Quasi il 50% degli abitanti, poi, sono frontalieri. Così ogni mattina Rodero, a un chilometro dalla frontiera svizzera, praticamente si svuota.
Appena 1.300 abitanti, tanti anziani e in tutto 529 famiglie, da un anno governati da un commissario inviato dal prefetto di Como. E di fare le elezioni, la gente di queste parti non vuole sentir parlare. "E pensare che agli inizi del Novecento qui ci fu un referendum per decidere se accorparci a Stabio e dunque passare alla Svizzera, ma il no vinse per pochi voti - racconta al Caffè Fiorenzo Pastori, per 22 anni in Consiglio comunale e per dieci sindaco -. Oltre il fatto che molti lavorano lontano da qui, nei volti della gente si legge anche tanta stanchezza. Probabilmente soffriamo di una disaffezione dalla politica, un po’ la malattia che attraversa l’Italia. Ma qui, visto che siamo una piccola comunità, questo fenomeno si vive con maggiore tormento". Il 10 giugno erano fissate le nuove elezioni. Ma non si faranno. Il motivo? Non c’è nessuno che vuole candidarsi alla carica di sindaco. L’ultimo è stato Attilio Epistorio, imprenditore che vive a Varese. Ha guidato il comune nella passata legislatura puntando molto sull’aggregazione fra Rodero, Albiolo e Valmorea. Un’aggregazione che avrebbe permesso ai tre paesi di incassare solo dai ristorni dei 900 frontalieri circa 850mila euro e che invece è fallita perché i no hanno prevalso al referendum. "Ci ho messo la faccia, ma molti hanno remato contro il progetto. Eppure avrebbe portato numerosi vantaggi", si è sfogato Epistorio con il Corriere della sera. L’ex sindaco dopo il fallimento della fusione  ha provato a guardare avanti e un anno fa si è nuovamente candidato. La sua è stata una corsa in solitaria, era l’unico. E così è rimasto, dato che la metà dei cittadini non è andata a votare e dunque, mancando il quorum previsto dalla legge, l’elezione non è stata ritenuta valida. "Nei piccoli paesi come il nostro - spiega ancora Fiorenzo Pastori - bisognerebbe fare come in Svizzera: chi va alle urne decide, senza bisogno di fissare un tetto di partecipazione al voto. Altrimenti non si esce più da questa impasse".
Rodero in queste ultime settimane è diventato il simbolo di un malessere che la politica non riesce più a governare, di una frattura tra società reale e istituzioni, di una erosione progressiva di fiducia verso un sistema che si è inceppato e non riesce più a dare risposte ai cittadini. Quasi una resa, un "tiriamo a campare e domani vediamo che fare". Come se, dopo la mancata fusione, si fosse spento l’interruttore della vita civile e della voglia di partecipazione. "Basta che ci sia qualcuno che ci comandi", si ripete in paese.
Anche il parroco, don Alfonso Bernasconi, da 35 anni a Rodero, ha spiegato che oggi non c’è nessuno che vuole occupare la carica di sindaco. Ha provato anche lui, ha organizzato una riunione in parrocchia il 30 aprile scorso. È arrivata parecchia gente, c’era la possibilità di formare una lista, tanti hanno detto che sì, potevano candidarsi in Consiglio comunale. Ma alla fine nessuno ha alzato la mano quando è stato chiesto chi fosse pronto a guidare il Comune. Già, black out.

m.sp.
03.06.2018


Articoli Correlati
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Inopportunità politiche
della Citta dei mestieri
L'INCHIESTA

Spie nei bancomat
truffano i turisti
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Continua la lotta
per liberare i nani
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Le guerre danneggiano
la nostra economia
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Orchi e melodrammi
non scaldano Cennes
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
L'amore d'antan
nel "Regality show"
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, maggio 2018
08.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, primo trimestre 2018
06.06.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 18 giugno 2018.
06.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2018
01.06.2018
In occasione della "Settimana europea per lo sviluppo sostenibile", in programma dal 30 maggio al 5 giugno 2018, il Dipartimento del territorio (DT) ha aggiornato le pagine del proprio sito tematico, mettendo in evidenza attività e progetti promossi in collaborazione con i numerosi partner [www.ti.ch/sviluppo-sostenibile]
30.05.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile e primo trimestre 2018
29.05.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile e primo trimestre 2018
28.05.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile e primo trimestre 2018
25.05.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile e primo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Atene:
manifestazione
contro l'intesa
sulla Macedonia

Valencia
pronta
a ricevere
l'Aquarius