Bistecche e filetti con prezzi superiori anche del 142%
Immagini articolo
La carne è carissima,
"va bene è di qualità"
ANDREA STERN


Costa il 99% in più che in Germania. Il 116% in più che in Italia. Il 328% in più che in Polonia. Un recente studio dell’Eurostat conferma che in Svizzera la carne è di gran lunga la più "salata" al mondo. Una differenza di prezzo abissale, ben superiore a quella degli altri generi alimentari. "Le nostre inchieste dimostrano che in Svizzera si può fare la spesa spendendo più o meno quanto si spenderebbe nei Paesi vicini - dice Laura Regazzoni Meli, segretaria generale dell’Associazione consumatrici e consumatori della Svizzera italiana (Acsi) -. Non così per la carne, che resta nettamente più cara".
Nettamente più cara, "ma anche nettamente migliore - replica Pietro Vietti, presidente dell’Associazione mastri macellai salumieri Ticino e Mesolcina -. Sono stato in tanti Paesi e posso assicurare che da nessuna parte la carne viene lavorata e tagliata bene come in Svizzera. All’estero, è vero, costa meno. Ma una volta che la si pulisce e si tolgono gli scarti, la differenza di prezzo non è più così grande. Sottolineo che non sto parlando di qualità, che si trova anche negli altri Paesi, ma di lavorazione". E Regazzoni Meli aggiunge: "In Svizzera ci sono norme di tenuta degli animali tra le più severe al mondo".
E il benessere degli animali ha un costo per gli allevatori. "I consumatori sono sensibili a questo aspetto - osserva -, sono disposti a spendere qualcosa in più per avere un prodotto di origine controllata. Certe immagini di polli in batteria che arrivano dall’estero fanno rabbrividire. Penso che nessuno abbia voglia di importare simili allevamenti in Svizzera".
Eppure, riconosce Vietti, un aumento delle importazioni permetterebbe sicuramente di ridurre i prezzi. Attualmente meno del 20% della carne consumata in Svizzera arriva dall’estero. "La Confederazione applica dazi enormi - afferma -. Su un prodotto che costa, diciamo, 10 franchi, il dazio può essere anche di 15 franchi. Loro sostengono che siano misure per proteggere gli allevatori locali, ma secondo me è solo un modo per garantirsi lauti incassi".
Al di là della nota polemica del presidente dei macellai, Regazzoni Meli ritiene che il miglior modo per spendere meno sia... consumare meno. "È sicuramente preferibile mangiare carne di qualità un paio di volte a settimana - afferma - che mangiare tutti i giorni prodotti di dubbia provenienza".
Un principio fatto proprio dai cittadini elvetici. L’anno scorso, in media, ognuno ha consumato circa 50 chilogrammi di carne. Molto meno rispetto al picco raggiunto trent’anni fa, nel 1987, con un consumo pro capite di 71 chilogrammi. "Ma è una tendenza legata più a una certa moda salutista che al prezzo - sostiene Vietti -. Perché in Svizzera è normale che tutto costi di più. Sia la carne sia, che so, i bulloni e i chiodi".

astern@caffe.ch
26.08.2018


Articoli Correlati
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

La privacy è morta
evviva la privacy
L'INCHIESTA

Gli affiti il business
delle Ferrovie federali
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

E il dentista incassa
i soldi dei contribuenti
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il gioco a scacchi
tra Trump e Kim
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Dalla Russia a Roma
le avventure degli 007
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il dopo Chavez
che avvelena Caracas
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
06.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 18 febbraio prossimo
01.02.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da venerdì 1° febbraio 2019 alle ore 9:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
30.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2018
29.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole medie superiori per il periodo 2019-2023
28.01.2019
I giovani e le aziende interessate a partecipare al programma di scambio Swiss Mobility sono invitati a porre candidatura entro il 15.3.2019
18.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2018
15.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole professionali secondarie e superiori per il periodo 2019-2023
09.01.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 21 gennaio prossimo
31.12.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 31 dicembre 2018 alle ore 09.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
21.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, dicembre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Ultimo
assalto
all'Isis
in Siria

Francia:
gilet gialli,
atto
numero 14