Un noto specialista di "curve" al servizio dei conducenti
Immagini articolo
Da chirurgo plastico
a medico del traffico
ANDREA STERN


Da chirurgo plastico delle star a... medico del traffico in Ticino. Non c’è che dire, il 35enne dottor Andrea Bonanno è un vero esperto di curve. Anche se mal si capisce il nesso tra le rotondità umane e le traiettorie stradali. "Ma ormai la specializzazione in medico del traffico la può ottenere chiunque, basta seguire i corsi - commenta Franco Denti, presidente dell’Ordine dei medici -. È un mercato lucroso e quindi fa gola a tanti".
Siciliano, laureatosi a pieni voti presso l’università del Sacro Cuore di Roma e poi specializzatosi a Milano, il dottor Bonanno ha conquistato l’onore delle cronache italiane verso la fine del 2017, a seguito di un’operazione di liposcultura su un noto concorrente del Grande Fratello Vip, il reality show di Canale 5. Giornali, riviste patinate, tutti elogiarono le gesta di questo astro nascente della chirurgia estetica. Un esperto in mastoplastica, vaginoplastica, falloplastica, ma anche l’unico medico italiano che effettua operazioni di cambio del sesso. Tanto che a Milano lo definiscono "il chirurgo preferito dalle trans". Insomma, un luminare nel suo settore.
Stupisce quindi che, qualche mese fa, il dottor Bonanno abbia deciso di consacrare parte del suo prezioso tempo ai conducenti anziani, infortunati o invalidi del nostro cantone. Lo ha annunciato lui stesso con fierezza e lo confermano le autorità cantonali: dalla scorsa primavera il dottor Andrea Bonanno è diventato uno degli unici due medici del traffico di livello 3 in Ticino. L’altro è il dottor Renato Benedetto Delli Carpini, di Mendrisio. Entrambi possono effettuare accertamenti sull’idoneità alla guida di persone anziane, con disabilità fisiche o reduci da lesioni o malattie gravi.
L’unico medico del traffico di livello 4, autorizzato quindi a effettuare ogni tipo di esame o perizia di idoneità alla guida, resta tuttavia la dottoressa Mariangela De Cesare di Lugano, riconosciuta tre anni fa. All’epoca Denti, in veste di deputato, sollevò dubbi con un’interrogazione al Consiglio di Stato. Dubbi che permangono tuttora. "Secondo me - dice -, la figura di medico del traffico deve essere istituzionalizzata. Rientrare sotto l’Ufficio del medico cantonale, in modo che lo Stato possa mantenere il controllo sulle perizie e sui loro costi".
Perché le attuali tariffe, a detta di Denti, sono sproporzionate. E visto che il servizio è appaltato all’esterno, lo Stato non ci guadagna nulla. "Per le visite di livello 1, quelle più semplici, abbiamo concordato insieme al Dipartimento delle istituzioni una tariffa di 100 franchi - spiega Denti -, invece dei 150 franchi chiesti fuori cantone. Ma per le visite di livello superiore c’è una sorta di cartello a livello nazionale. Viene applicato il Tarmed nonostante non si tratti di prestazioni coperte dalla Lamal. Perché le spese del medico del traffico le deve pagare direttamente il conducente".
Così, sostiene Denti, l’attuale medico del traffico di livello 4 riesce a raggiungere una cifra d’affari attorno agli 800mila franchi annui. "Inizialmente ha lavorato come dipendente di Ingrado - spiega -poi ha capito che sarebbe stato più redditizio lavorare autonomamente". Che abbia contribuito anche questo a spingere il dottor Bonanno ad accogliere anche i conducenti ticinesi tra la sua clientela, finora composta solo da danarosi vip italiani?

a.s.
09.09.2018


Articoli Correlati
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Ecco come sarà
il Cardiocentro 1.0
L'INCHIESTA

Sembrano giocattoli
... eppure uccidono
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Il formidabile esercito
...che ora si rinnova
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Quel Modi indiano
piace a Usa e Cina
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Dall'Iran sino a Kim
donald alza il tiro
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.06.2019
Nuova veste grafica, contenuti e funzionalità per il sito della Divisione della formazione professionale
17.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, maggio 2019
13.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, giugno 2019
12.06.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 24 giugno 2019.
12.06.2019
Pubblicato il rapporto annuale 2018 sul programma di monitoraggio ICP-Waters [www.ti.ch/aria]
11.06.2019
Qualità dell'aria in Ticino: rapporto 2018 [www.ti.ch/aria]
07.06.2019
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha rinnovato il suo portale tematico, modificando e aggiornando parte della documentazione [www.ti.ch/commesse]
05.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2019
31.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2019
23.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Incendio
nel centro
di Parigi,
almeno 3 morti

Italia: così
gli scafisti
scaricano i migranti
a Lampedusa