function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};
Le aziende si adattano ai gusti "flessibili" dei millennial
La filosofia Netflix
con i mobili a noleggio
MAURO SPIGNESI


Per decenni è stata l’azienda che ha incarnato la filosofia dell’"usa e getta". Oggi, all’insegna del consumo responsabile, ha cambiato bruscamente strategia. E ha eliminato il termine "getta". Ikea è una delle società che ha abbracciato il concetto di sostenibilità e sharing economy e lo ha coniugato a un modello di business simile a quello di Netflix, di Airbnb o Uber. Insomma, si vede un film in streaming; si va in vacanza senza soggiornare in hotel; si viaggia sull’auto condivisa; si prendono i mobili a noleggio. Così l’arredamento si adatta anche alle esigenze dei millenial.
In questa strategia entra anche il concetto di riciclaggio, la lotta contro gli sprechi. Una nuova sensibilità sociale che ha fatto nascere diverse iniziative. Anche in Ticino, dove - per fare un esempio - il Dipartimento del territorio ha aderito alla piattaforma www.riparatori.ch, in collaborazione con l’Associazione consumatrici e consumatori della Svizzera italiana. Il sito offre un elenco aggiornato di oltre 4.500 aziende di riparazione in tutta la Svizzera. L’idea è quella provare a ridare una vita ad un oggetto prima di buttarlo ma anche di ridurre i rifiuti.
Tornando al progetto del colosso dell’arredamento, anche questo punta a un concetto dell’economia circolare. E cioè la restituzione e il riutilizzo di pezzi d’arredamento. Letti, divani e sedie potranno essere restituiti. Chi li riporta avrà buoni da spendere all’Ikea. Il secondo passaggio di questa rivoluzione del business sostenibile sarà quello di armadi, sedie, tavoli presi a noleggio. Appunto, come succede con Netflix, attraverso un abbonamento a scalare, una sorta di leasing, che consente, una volta pagate le rate, di rinnovare il contratto per acquistare nuovi "pezzi".
Un progetto, quest’ultimo, pensato in particolare per gli studenti fuorisede, per i millenial che si spostano per lavoro o per chi prende una casa in affitto e ha bisogno di un po’ di tempo per capire se il suo futuro prossimo sarà in un’abitazione di proprietà o ancora l’affitto.
Il primo esperimento pilota è stato lanciato nel settembre scorso con l’iniziativa "Second Life" nella sede di Spreitenbach. Ed è andato bene. "È un’idea alla quale crediamo molto - spiega al Caffè Manuel Rotzinger, portavoce Ikea per la Svizzera -. Una volta che avremo messo a punto la strategia, allora ci muoveremo progressivamente per ampliarla coinvolgendo altre città". Il programma, ha spiegato l’azienda, copre oltre mille dei prodotti più popolari di Ikea, che ricomprerà i mobili pagandoli al massimo il 60 per cento del prezzo al dettaglio originario con dei voucher. "I nostri clienti hanno riportato il doppio dei mobili previsti e il tempo medio che gli articoli hanno trascorso in negozio prima di essere acquistati da altri clienti è stato di due giorni", ha dichiarato Luca Bortolani, responsabile del progetto.
Funzionerà il modello Netflix? Secondo Christian Fichter, psicologo del business presso la scuola universitaria di Scienze applicate Kalaidos, "oggi l’affitto è ampiamente accettato rispetto al passato", ha spiegato a "20 minuti". Anche se poi il rischio è quello di non sentirsi a casa propria se si hanno oggetti d’arredamento altrui.
Tilman Slembeck, professore di economia all’Università di Scienze applicate di Zurigo, invece, è rimasto sorpreso che questo sistema di riciclo e noleggio non sia arrivato in Svizzera prima. E ha osservato: "In Paesi come gli Stati Uniti esiste da decenni questo business e va incontro a una esigenza di flessibilità". Ma si sa, in Svizzera le "novità" arrivano sempre un po’ dopo. m.sp.
17.03.2019


Articoli Correlati
Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
15.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2020
13.05.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 25 maggio 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2020
08.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Dati settimanali provvisori sui decessi, Ticino e Svizzera, stato al 5.5.2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2020
30.04.2020
Pubblicato il Rendiconto 2019 del Consiglio di Stato
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ripartenza a singhiozzo
e borse poco indicative
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il braccio del Sultano
"allunga" il suo potere
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Notte
di violenze
nelle città
statunitensi

La lenta
ripartenza
della cultura
europea

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00