Berna introduce un database per i dispositivi medici
Immagini articolo
Per protesi e apparecchi
più controlli e un registro
PATRIZIA GUENZI


A Rosa, 74 anni, hanno appena impiantato un’anca nuova. Una brutta caduta e s’è ritrovata sul lettino del chirurgo. L’intervento è andato bene, ma Rosa è comunque preoccupata. La protesi che le hanno inserito potrebbe essere difettosa. Rosa ricorda molto bene la recente indagine giornalistica che ha fatto emergere le lacune del sistema dei controlli. Un’indagine frutto di un lavoro di squadra condotto da 59 media in 36 Paesi che ci ha fatto esclamare "cose dell’altro mondo". Invece... Ma visto che, come banalmente si dice, "non tutto il male vien per nuocere" le autorità si sono finalmente mosse: Berna adatterà la legge svizzera al diritto europeo con lo scopo di rinforzare i controlli sui dispositivi medici. Come spiega al Caffè Lukas Jaggi, portavoce di Swissmedic, Istituto svizzero di controllo per gli agenti terapeutici: "In seguito a numerosi incidenti e scandali, in particolare protesi mammarie in silicone non sigillate o protesi per l’anca difettose, in tutta Europa il problema è diventato urgente. Nel maggio 2017 l’Unione europea ha dunque rivisto il proprio quadro giuridico, inasprendolo notevolmente. La Svizzera - attualmente sprovvista di un registro nazionale - ha deciso di seguire queste direttive europee aderendo ad una sorta di database centralizzato a partire dal 2020/2022".
In sostanza, i dischi lombari, le protesi mammarie e gli altri dispositivi medici saranno tutti tracciabili, e rintracciabili dunque, con tanto di numero, modello, nome dell’azienda venditrice e tutti i dati del paziente a cui sono stati impiantati. Quello che ha recentemente proposto, per Ginevra, il medico-deputato udc Bertrand Buchs. "Non ha molto senso a livello cantonale, per funzionare dev’essere fatto su più arga scala", osserva Jaggi.
In tal modo, tornando a Rosa, i pazienti potranno essere più tranquilli. Per tutti gli attori coinvolti, infatti, la nuova legge inasprisce i requisiti. Per i prodotti ad alto rischio, ad esempio, i fabbricanti dovranno dimostrarne i benefici e l’appropriatezza con dati clinici e valutarne la sicurezza. Saranno resi più severi pure i criteri per l’autorizzazione e la sorveglianza di sperimentazioni cliniche e per i test sulle prestazioni. Inoltre, le autorità competenti e gli organismi di valutazione della conformità di diritto privato dovranno soddisfare esigenze più severe e assumersi maggiori responsabilità. "Un grande cambiamento  - sottolinea Jaggi -, grazie ad un’identificazione chiara di tutti i prodotti sarà assicurata la completa tracciabilità. Anche la nostra sorveglianza del mercato sarà facilitata e, di conseguenza, rafforzata. Infine, tutti i dati che interessano i cittadini dovranno essere resi accessibili in modo comprensibile, tramite un database europeo centralizzato".
In Svizzera lo sviluppo e la produzione di dispositivi medici rappresentano un fattore economico importante. Nel settore sono impegnate circa 1.350 aziende con oltre 54mila dipendenti. Quasi la metà delle esportazioni avviene verso l’Unione europea. Un mercato che non può permettersi falle e imprecisioni. "Una revisione completa che riguarda tutto e tutti", conclude Jaggi. I risultati serviranno a coordinare una vigilanza clinica e a condurre attività di ricerca.

p.g.
07.04.2019


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
19.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2020
14.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, gennaio 2020
11.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2020
10.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
06.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2020
06.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, gennaio 2020
05.02.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 17 febbraio 2020
16.01.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, dicembre 2019
10.01.2020
Arge Alp: pubblicato un bando di concorso per un posto vacante presso il segretariato generale
08.01.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 20 gennaio 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Se il virus ci trascinerà
in una recessione
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il terrorismo resterà
ancora un pericolo
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Dalla tavola sovranista
a quella pro - global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Si scenderà a patti
con il sistema-Terra
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Prove
di Olimpiadi
con la paura
del coronavirus

Messico: donne
in marcia
contro
i femminicidi

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00