Berna introduce un database per i dispositivi medici
Immagini articolo
Per protesi e apparecchi
più controlli e un registro
PATRIZIA GUENZI


A Rosa, 74 anni, hanno appena impiantato un’anca nuova. Una brutta caduta e s’è ritrovata sul lettino del chirurgo. L’intervento è andato bene, ma Rosa è comunque preoccupata. La protesi che le hanno inserito potrebbe essere difettosa. Rosa ricorda molto bene la recente indagine giornalistica che ha fatto emergere le lacune del sistema dei controlli. Un’indagine frutto di un lavoro di squadra condotto da 59 media in 36 Paesi che ci ha fatto esclamare "cose dell’altro mondo". Invece... Ma visto che, come banalmente si dice, "non tutto il male vien per nuocere" le autorità si sono finalmente mosse: Berna adatterà la legge svizzera al diritto europeo con lo scopo di rinforzare i controlli sui dispositivi medici. Come spiega al Caffè Lukas Jaggi, portavoce di Swissmedic, Istituto svizzero di controllo per gli agenti terapeutici: "In seguito a numerosi incidenti e scandali, in particolare protesi mammarie in silicone non sigillate o protesi per l’anca difettose, in tutta Europa il problema è diventato urgente. Nel maggio 2017 l’Unione europea ha dunque rivisto il proprio quadro giuridico, inasprendolo notevolmente. La Svizzera - attualmente sprovvista di un registro nazionale - ha deciso di seguire queste direttive europee aderendo ad una sorta di database centralizzato a partire dal 2020/2022".
In sostanza, i dischi lombari, le protesi mammarie e gli altri dispositivi medici saranno tutti tracciabili, e rintracciabili dunque, con tanto di numero, modello, nome dell’azienda venditrice e tutti i dati del paziente a cui sono stati impiantati. Quello che ha recentemente proposto, per Ginevra, il medico-deputato udc Bertrand Buchs. "Non ha molto senso a livello cantonale, per funzionare dev’essere fatto su più arga scala", osserva Jaggi.
In tal modo, tornando a Rosa, i pazienti potranno essere più tranquilli. Per tutti gli attori coinvolti, infatti, la nuova legge inasprisce i requisiti. Per i prodotti ad alto rischio, ad esempio, i fabbricanti dovranno dimostrarne i benefici e l’appropriatezza con dati clinici e valutarne la sicurezza. Saranno resi più severi pure i criteri per l’autorizzazione e la sorveglianza di sperimentazioni cliniche e per i test sulle prestazioni. Inoltre, le autorità competenti e gli organismi di valutazione della conformità di diritto privato dovranno soddisfare esigenze più severe e assumersi maggiori responsabilità. "Un grande cambiamento  - sottolinea Jaggi -, grazie ad un’identificazione chiara di tutti i prodotti sarà assicurata la completa tracciabilità. Anche la nostra sorveglianza del mercato sarà facilitata e, di conseguenza, rafforzata. Infine, tutti i dati che interessano i cittadini dovranno essere resi accessibili in modo comprensibile, tramite un database europeo centralizzato".
In Svizzera lo sviluppo e la produzione di dispositivi medici rappresentano un fattore economico importante. Nel settore sono impegnate circa 1.350 aziende con oltre 54mila dipendenti. Quasi la metà delle esportazioni avviene verso l’Unione europea. Un mercato che non può permettersi falle e imprecisioni. "Una revisione completa che riguarda tutto e tutti", conclude Jaggi. I risultati serviranno a coordinare una vigilanza clinica e a condurre attività di ricerca.

p.g.
07.04.2019


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Una cultura politica
di vuote banalità
L'INCHIESTA

Non solo Medtech
nel polo di ricerca
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lo stile smarrito
dai perdenti di successo
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Senza il riciclaggio
non si salva il clima
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La guerra degli 007
all'ombra dell'Europa
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura
03.04.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 3 aprile 2019 alle ore 10:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
01.04.2019
Tiro obbligatorio 2019
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Sudan,
si dimette
anche il leader
del golpe

Gilet gialli
a prova
di legge
anti-casseur