Hamburger e filetti senza carne, anche in Svizzera
Immagini articolo
Le "fake" bistecche
arrivano in cucina
PATRIZIA GUENZI


Si risparmiano soldi e tempo e si fanno contenti ambientalisti e animalisti. La carne finta, o "fake", sembra essere il nuovo business. Mette d’accordo le esigenze dei produttori e strizza l’occhio a chi ha a cuore le sorti dell’ambiente e il benessere degli animali. Si produce in laboratorio in soli due mesi, anziché i diciotto che servono ad un animale per essere pronto per il macello, e a conti fatti costa meno. Alcune start up già stanno testando questa via alternativa alla bistecca. Anche la svizzera Bell è coinvolta, ha già investito parecchie centinaia di migliaia di franchi. Chi l’ha assaggiata assicura che ha la stessa consistenza, gusto e aroma di un vero BigMac. Intanto, a Zurigo da qualche anno esiste una macelleria che della carne già non sa più che farsene. Salumi, bistecche, hamburger, spiedini, spezzatini e salcicce... tutti rigorosamente vegetali (vedi articolo in basso).
L’importante investimento del colosso Bell conferma l’interesse per questo tipo di prodotto che potrebbe diventare il business del futuro. Un’abile mossa, pure, nel caso in cui gli ambienti animalisti dovessero diventare più aggressivi e iniziare una vera e propria battaglia contro chi produce e vende carne. Tanto da far desistere i consumatori dall’acquisto di filetti, hamburger, pollo e coniglio. Offrire questo tipo di cibo permette pure di accontentare la clientela "mordi e fuggi", quella più interessata al settore del "convenience food", "cibo comodo", detto "lazy food", già pronto per l’uso e adatto quindi ai consumatori pigri (lazy).
Contenti pure gli ambientalisti, dicevamo. L’impatto della filiera della carne sull’ambiente è elevatissimo, sia in termini di emissioni di gas serra che di consumo delle risorse. Alla produzione industriale di carne, quella praticata oggi dall’industria agricola, è imputabile il 15% del totale di tutte le emissioni di gas a effetto serra. Il settore è responsabile della perdita di biodiversità: foreste e aree incontaminate cedono il passo a terreni a uso agricolo, in cui coltivare mangimi da destinare al consumo animale. Tutto ciò ha un evidente deleterio impatto anche sulle risorse idriche, visto che quasi un terzo del consumo d’acqua nelle attività umane è impiegato per l’allevamento di animali da carne. Detto ciò c’è pure l’aspetto della sofferenza di buoi, vitelli, galline, conigli, allevati col solo scopo di finire in padella.
Le direzioni intraprese dalle varie aziende per ottenere un surrogato della carne sono sostanzialmente due. Far crescere in laboratorio cellule muscolari oppure sintetizzarla a partire da componenti vegetali. Il primo è un procedimento molto più lento e costoso perché le cellule vanno nutrite per quattro settimane con siero fetale bovino. Più semplice, per ora, concentrarsi sulla carne trita, ha una consistenza relativamente semplice. Circa la metà del consumo globale di carne bovina è tritato, spesso sotto forma di hamburger. Per quella in vitro bisognerà aspettare sino al 2021.
Facendo un passo nel futuro prossimo qualche questione da risolvere ci sarà. Innanzitutto avere l’autorizzazione per vendere carne "finta". Le autorità dovranno prepararsi ad affrontare l’innovazione. Ci saranno poi i "lobbisti della carne" che non la prenderebbero granché bene. Sarà difficile che gli agricoltori accetteranno di essere messi all’angolo da un prodotto chiamato carne ma che non proviene da un’azienda agricola.

p.g.
14.04.2019


Articoli Correlati
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
16.01.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, dicembre 2019
10.01.2020
Arge Alp: pubblicato un bando di concorso per un posto vacante presso il segretariato generale
08.01.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 20 gennaio 2020
16.12.2019
L’Ufficio dell’ispettorato del lavoro ha pubblicato le date dei corsi di formazione inerenti la Legge federale sul lavoro e relative Ordinanze, previsti durante l’anno 2020
12.12.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, dicembre 2019
11.12.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, novembre 2019
11.12.2019
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2019
27.11.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 9 dicembre 2019
27.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2019
22.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2019
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Con il lavoro a maglia
si spiega la finanza
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il terrorismo resterà
ancora un pericolo
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Dalla tavola sovranista
a quella pro - global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Effetto serra costante
rischio del nostro futuro
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Prosegue
la protesta
antigovernativa
in Cile

Come evolve
la crisi
del vulcano
nelle Filippine

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00