Dal 2020 normativa più permissiva per i "piccoli aerei"
Immagini articolo
Droni in "miniatura"
per aggirare le regole
MAURO SPIGNESI


Piccoli, sempre più piccoli, grandi anche poco più di un calabrone. E agili,capaci di decollare e raggiungere quote di centinaia di metri, ma altrettanto capaci di aggirare le norme, di fare uno slalom tra le pieghe di regolamenti e accordi internazionali. Perché dietro una tendenza di mercato, cioè quella di costruire droni quasi in miniatura, c’è l’esigenza di far crescere un mercato che già oggi ha un giro d’affari mondiale di 6 miliardi di dollari e che nel 2020 potrebbe raggiungere gli 11,2 miliardi secondo una stima effettuata dalla società Gartner che svolge ricerche nel campo dell’Information technology.
"Il problema è che dal 2020, scatteranno regole meno rigide in tutti i 32 Paesi, Svizzera compresa, che fanno parte dell’agenzia dell’aviazione europea, l’Easa", spiega l’esperto ticinese Andrea Perotti, che per l’associazione Ated, formata da informatici, ha creato il progetto Ated4Kids, "per avvicinare e sensibilizzare i ragazzi ad un uso consapevole dei droni e alle loro potenzialità, fino a portarli al tentativo si stabilire un World Record facendo volare contemporaneamente tutti i droni, pilotati dai ragazzi che li hanno costruiti".
Il 2020 dunque segnerà un punto di svolta per questi velivoli telecomandati. Ed ecco che l’industria si sta adattando progettando e realizzando "modelli light" che possano volare sempre e ovunque e soprattutto possano essere "pilotati" da chiunque, sempre che si rispetti quello che tecnicamente viene chiamato volo per "contatto visivo". Insomma, senza patenti o altre autorizzazioni, che peraltro già oggi vengono richieste soltanto a chi usa un drone da 30 chili, mentre chi ne usa uno di peso superiore al mezzo chilo deve stipulare solo una assicurazione. In altri Paesi ci sono altre regole. Ed ecco perché è nata l’esigenza di arrivare a una normativa omogenea valida per l’intero spazio aereo europeo.  
"La tendenza - spiega sempre Andrea Perotti - è quella di produrre piccoli velivoli in modo da poter essere acquistati appunto senza complicazioni". L’importante però, anche in futuro, sarà rispettare una serie di regole basilari uguali per tutti. "Intanto quella della prudenza e del buonsenso - spiega ancora Perotti - perché quando si pilota un drone a vista bisogna tenere conto che non si sta giocando. Ma che ci sono rischi che vanno calcolati". Anche per questo sino a oggi è vietato far sorvolare da questi velivoli telecomandati grossi assembramenti di persone, o altri luoghi sensibili.

m.sp.
22.10.2017


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Se l'assistenza
è a lungo termine
L'INCHIESTA

Un "aiuto domiciliare"
diventato carissimo
L'IMMAGINE

Una settimana
un’immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lei un invalida?
Ma è sui social!
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
I "Paradise Papers",
un furto di ricchezza
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il secessionismo
scuote l'Europa
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Il colore "pervinca"
emblema di artificio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
24.11.2017
Caccia tardo autunnale: evoluzione delle catture al 24.11.2017 [www.ti.ch/caccia]
16.11.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, ottobre 2017
15.11.2017
Istituto della formazione continua - Pubblicato il nuovo programma gennaio-giugno 2018 dei corsi base per formatori di apprendisti
15.11.2017
Comunicazione di prassi cantonale concernente le deduzioni di spese professionali particolari degli espatriati domiciliati nel Canton Ticino
08.11.2017
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 8 novembre 2017 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
07.11.2017
I dati del censimento annuale dei rifiuti sono ora consultabili in modo interattivo anche sul portale dell'Osservatorio Ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
30.10.2017
Pubblicato nuovo formulario per la compilazione elettronica della dichiarazione dei redditi 2017 dei Patriziati, con la funzione di somma automatica
24.10.2017
Aggiornato il sito tematico del Parco del Piano di Magadino [www.ti.ch/ppdm]
19.10.2017
Pubblicati i dati del traffico sulla rete stradale in Ticino nel 2016 [www.ti.ch/conteggi]
19.10.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, settembre 2017

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Parigi:
Hariri annuncia
il ritorno
a Beirut

Zimbabwe:
corteo
contro
Mugabe