Matrimoni e convivenze scricchiolano e si va in analisi
Immagini articolo
Se la coppia scoppia
ci vuole una terapia
ROSELINA SALEMI


A New York e Los Angeles, quasi il 60% di mariti e mogli (ma anche fidanzati) è in crisi. L’età di chi si rivolge al consulente si abbassa sempre di più, perché il matrimonio (o la convivenza) scricchiola già dopo 15-20 mesi. E succede che anche una coppia clandestina per assurdo, decida di andare "in treatment", come nel film Terapia di coppia per amanti. Viviana (Ambra Angiolini) e Modesto (Piero Sermonti), sposati e con un figlio a testa chiedono aiuto al professor Malavolta non per aggiustare i loro matrimoni, ormai al capolinea, ma la loro conflittuale storia d’amore.
Insomma, le relazioni sono problematiche e complicate. E non solo in America. Lo dimostra l’alto tasso di divorzi in Svizzera. Anche Daniel Glattauer, autore del bestseller "Le ho mai raccontato del vento del Nord", dopo averci fatto sognare con la storia di un legame romantico nato via email, ci mostra cosa succede 17 anni dopo, quando l’amore vacilla. Un serrato di botta-e-risposta tra Joana e Valentin, moglie e marito, nello studio di uno psicologo, fa volare le cento pagine di "Terapia d’amore" (Feltrinelli) che rivelano i cliché di un matrimonio scricchiolante, tra colpi di scena, cinismo e ironia. Ma oggi chi va dal terapeuta? "Coppie al limite - risponde la psicologa Francesca Santarelli, opinionista tv e specialista in terapia strategica breve -. Uno dei due spesso è molto arrabbiato e vuole un aiuto per ‘aggiustare’ l’altro. Coppie che fanno un ultimo tentativo. Raramente arrivano di comune accordo: c’è sempre uno che trascina l’altro. Molte volte l’uomo dice che ‘lei’ l’ha obbligato. Però si va avanti soltanto se si è convinti, altrimenti è inutile. Bisogna credere che la relazione meriti un salvataggio. E in effetti, una buona percentuale, un po’ più della metà supera la crisi".
Si comincia con quindici sedute, un anno è considerato normale, dopo due senza risultato, forse non c’è niente da fare. A Joana e Valentin viene chiesto di
Perciò il passo successivo è tornare indietro, vedere dove sono finite le emozioni positive, quel tempo di innamoramento, di magia, e cercare di riviverlo. Gli esperti consigliano di rievocare il primo incontro, il momento in cui i due che oggi non si comprendono, si sono si sono scelti, sentiti in sintonia. Le cose belle non sono perdute, sono soltanto sepolte. Un esercizio molto diffuso è lo "scambio di sedia". Si prende fisicamente il posto dell’altro e si parla come immaginiamo possa parlare l’altro. Vedersi "recitati" dal marito o dalla moglie permette una certa distanza. Ci possono essere reazioni di rifiuto, tipo "non è vero, io non mi comporto così!", oppure "oddio sono così? Faccio paura!". È il primo passo per comprendere che cosa è successo nella coppia. Per arrivare alla domanda: "Dov’eri mentre lui/lei ti tradiva? Lo intuivi, lo sapevi, non volevi saperlo?".
Durante gli incontri capita di litigare, vengono fuori i rancori sommersi. Il trucco è parlarsi dandosi le spalle. Si evitano i gesti, gli sguardi. Ma in generale, "sapersi ritirare davanti a una crisi isterica, non imporsi, ascoltare, richiede impegno - conclude Santarelli - forse bisognerebbe prendere la terapia come un check-up. Non aspettare i sintomi. Prevenire può essere meglio che curare, anche in amore".
17.12.2017


Articoli Correlati
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

"Cambiamo la legge,
è facile avere armi"
L'INCHIESTA

Richiedenti l'asilo
a lezione d'"amore"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Il mondo del lavoro
contro i "puzzoni"
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
I nuovi consumatori
influenzano i marchi
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Orchi e melodrammi
non scaldano Cennes
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La dieta dei cittadini
interessa i governanti
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
09.07.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 9 luglio 2018 alle ore 13.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
28.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2017
22.06.2018
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– [www.ti.ch/commesse]
22.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, maggio 2018
08.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, primo trimestre 2018
06.06.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 18 giugno 2018.
06.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2018
01.06.2018
In occasione della "Settimana europea per lo sviluppo sostenibile", in programma dal 30 maggio al 5 giugno 2018, il Dipartimento del territorio (DT) ha aggiornato le pagine del proprio sito tematico, mettendo in evidenza attività e progetti promossi in collaborazione con i numerosi partner [www.ti.ch/sviluppo-sostenibile]

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Russiagate:

i democratici
all'attacco

Pakistan:

elezioni
di sangue