Scatole nere e chiamate automatiche entrano nella privacy
Immagini articolo
Spiati in automobile
dalla troppa tecnologia
ANDREA STERN


Con le scatole nere installate sulle auto è scattato un primo controllo, un secondo arriverà dal sistema di chiamata automatica. E così l’automobilista rischia d’essere monitorato chilometro dopo chilometro. Inseguito da un "grande fratello", da un "big data" del traffico che va a intaccare la privacy di chi si mette al volante. Dal 31 marzo 2018 in Svizzera e in tutti i Paesi dell’Unione europea, infatti, le auto di nuova immatricolazione dovranno essere dotate di un sistema di chiamata di emergenza, l’eCall (attraverso una carta sim). È un’idea nata nel 1999 per migliorare la tempestività degli interventi e ridurre i morti sulle strade.
In caso di incidente l’eCall allerterà automaticamente i soccorsi, ma il sistema potrà essere attivato anche manualmente con un pulsante. "Si tratta dell’ennesima innovazione tecnologica che può affascinare, ma che comporta numerosi limiti - spiega al Caffè l’ingegnere Mauro Balestra, autore di numerose perizie su incidenti, tra cui quello che costò la vita a Lady Diana. "Questo sistema - prosegue Balestra - è collegato ai sensori dell’airbag, la cui apertura fa scattare la chiamata. Ma a parte il fatto che non sempre l’apertura del dispositivo è sinonimo di grave incidente, trovo sia importante che i soccorritori, prima di partire, sappiano quante vetture e persone sono coinvolte, se vi sono sostanze pericolose.. per arrivare sul posto preparati. Perciò credo che una chiamata fatta da una persona che può spiegare quanto accaduto sia più utile di un avviso automatico".
Il sistema è pensato per le situazioni in cui il conducente è impossibilitato a telefonare, ma Balestra ritiene che siano "rarissimi gli incidenti mortali in cui nessuno vede niente. Io non ricordo in Ticino auto che siano rimaste in un fosso tutta la notte. Non è che così, vogliamo solo giustificare un business? - si chiede Balestra -. Più che l’eCall sarebbe utile un numero unico di soccorso".
L’eCall rientra nell’ambito più esteso delle "scatole nere" che già oggi molte case automobilistiche o assicurazioni utilizzano per raccogliere dati. Sistemi che secondo l’avvocato Sébastien Fanti, specializzato in nuove tecnologie, possono essere utili ma è importante che gli automobilisti siano coscienti della loro presenza.  "Presto la sorveglianza sarà permanente - ha dichiarato il legale a Le Matin Dimanche che al tema ha dedicato un servizio - e molto spesso i proprietari dei veicoli non se ne renderanno nemmeno conto perché nessuno legge le postille al momento dell’acquisto". Fanti ha raccontato la disavventura, in Vallese, di un conducente di un’auto tedesca con scatola nera. "Aveva fatto due testacoda e il costruttore, avvertito in tempo reale della velocità eccessiva, della traiettoria e dell’apertura dell’airbag, l’ha immediatamente denunciato alle autorità. L’ha fatto per tutelarsi. Ma il conducente non si era nemmeno ferito e non aveva urtato nessuno".
In questa vicenda si può quindi parlare di intrusione nella privacy. Balestra mette in evidenza le differenze di trattamento tra le differenti case automobilistiche. "Sto seguendo il caso di un incidente con una Ferrari, della quale avrei voluto leggere la centralina, nell’interesse del cliente. Ma la casa del cavallino si rifiuta di fornire i dati. Lo stesso fa, ad esempio, la Bmw. Le ditte hanno paura che questi dati vengano usati contro di loro. Fin quando il difetto è attribuibile al cliente te lo comunicano, ma se li si chiama in causa sono molto più restie. Serve trasparenza".
21.01.2018


Articoli Correlati
IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Troppa canapa light
e il mercato è saturo
L'INCHIESTA

Se lavori oltre i 65
rendite più ricche
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Dagli esodati
ai pensionati d'oro
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Una tregua "olimpica"
riunisce le due Coree
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La folle corsa nucleare
non è solo propaganda
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La tendenza a esagere
...ereditata dai greci
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
15.02.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, gennaio 2018
12.02.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre 2017
12.02.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È in linea il nuovo dossier concernente la protezione dell'ambiente in Ticino
08.02.2018
La Segreteria del Gran Consiglio ha pubblicato la lista delle presenze dei Deputati alle sedute della legislatura in corso
07.02.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 19 febbraio prossimo
01.02.2018
Aggiornato il formulario della domanda di costruzione (versione 01.2018) [www.ti.ch/edilizia]
31.01.2018
Lingue e stage all'estero - 20 anni di scambi linguistici. Partecipa al concorso.
22.01.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2017
11.01.2018
Prova delle Sirene 2018
10.01.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 22 gennaio 2018.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Kosovo:
si festeggiano
i 10 anni
d'indipendenza

Messico:
la terra trema
e le paure
riaffiorano