Le iniziative per rivitalizzare i paesini discosti
Immagini articolo
Il rilancio dei villaggi
passa dal turismo
ANDREA STERN


Dalla Bbc al Daily Mail, da Hürriyet a Die Welt, il progetto di albergo diffuso a Corippo ha già fatto il giro del mondo e ha attirato visitatori nel paesino verzaschese ancor prima di aprire le sue porte. Che sia questa la ricetta per rilanciare le zone discoste? "L’estate scorsa l’osteria ha raddoppiato i suoi incassi e c’è stata anche parecchia gente che ha chiamato per prenotare una stanza - dice al Caffè l’architetto Fabio Giacomazzi, presidente della Fondazione Corippo 1975, soddisfatto dei primi riscontri di un progetto ancora solo sulla carta.
L’obiettivo è che la struttura alberghiera del comune meno popolato della Svizzera, 16 abitanti, possa aprire nella primavera 2019. Per farlo servono però ancora circa due milioni di franchi. "Abbiamo fatto una raccolta fondi nella regione e c’è stata una buona rispondenza – aggiunge Giacomazzi -, ma servono altri sponsor. Siamo in trattativa". L’albergo diffuso è un concetto che la fondazione ha "copiato" dall’Italia, che nel frattempo ha già suscitato l’interesse di altre piccole realtà montane svizzere alla ricerca di un rilancio. Perché i turisti non sono visti come un fine, bensì come un mezzo. "I proventi della struttura - evidenzia Giacomazzi - ci consentiranno di raggiungere il nostro scopo, che è rivalorizzare l’intero paese di Corippo e la sua zona circostante".
Altrove in Ticino c’è chi per ridare vita ai paesini punta invece su piccole ed economiche iniziative. Come a Palagnedra, paese di una sessantina di abitanti che negli ultimi anni ha conosciuto un importante ringiovanimento demografico. "Oggi vivono qui una dozzina tra bambini e adolescenti - nota soddisfatto Danilo Cau, trasportatore e promotori di iniziative per il tempo libero -. In fondo bastano piccole cose per creare vita in valle. Come ad esempio la pista di ghiaccio che abbiamo allestito l’inverno scorso e che è diventata un punto di ritrovo, e non solo per i ragazzini."
Cau, che vive a Palagnedra da 25 anni, cita poi il parco giochi, costruito cinque anni fa su iniziativa delle famiglie del posto, ma anche gli aperitivi, le serate e le feste. "Tutte cose semplici e familiari ma che contribuiscono a fare aggregazione", osserva. Piccole cose, dunque, per animare un paese. Ma Cau ha anche un sogno più grande. "Spero molto nel progetto di parco nazionale, sarebbe un’attrattiva e non comprometterebbe lo sviluppo della regione, anzi - dice -. Anche perché di alternative per rilanciare il turismo non ne abbiamo tante".
E allora, i turisti possono arrivare anche in un villaggio fantasma come La Presa, in Val Bavona. Abbandonato nel XVI secolo, giaceva in stato di abbandono finché l’architetto Germano Mattei ha deciso di recuperarlo. Ci sono voluti due decenni di lavoro, ma oggi lui stesso può fieramente accompagnare comitive di turisti desiderosi di ammirare questo paese imbalsamato. "Chi arriva da fuori rimane stupefatto che ci sia una realtà medievale così ben mantenuta - afferma Mattei -. La Presa non è abitabile poiché fuori zona edificabile. Ma il suo recupero rientra in un discorso di valorizzazione di cui non approfitta il singolo villaggio, bensì l’intera regione".

a.s.
04.02.2018


Articoli Correlati
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Lampi di guerra
e fulmini su Trump
L'INCHIESTA

Viviamo circondati
da 8mila videocamere
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Dalle buche di Roma
a quelle di Bellinzona
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ecco come l'Occidente
scoprì la globalizzazione
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Alienati per il lavoro?
La cucina è l'antidoto
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
18.04.2018
Pubblicato il nuovo sito tematico "Mobilità ciclabile" della Sezione della mobilità [www.ti.ch/bici]
17.04.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, marzo 2018
10.04.2018
Pubblicato il rendiconto 2017 del Consiglio della magistratura
05.04.2018
Tiro obbligatorio 2018
28.03.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 9 aprile prossimo
22.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, marzo 2018
21.03.2018
L'Ufficio dei beni culturali (UBC) ospite della trasmissione RSI "Finestra popolare" per una serie di incontri dedicati al patrimonio culturale del Cantone Ticino.
21.03.2018
Aperte le iscrizioni all'evento "Un’altra opportunità è d’obbligo - La nuova procedura di annuncio dei posti vacanti" promosso dal Servizio aziende URC della Divisione dell’economia del DFE.
16.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, febbraio 2018
12.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere Ticino, gennaio 2018 e quarto trimestre 2017

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Siria:
ispettori Opac
entrano
a Douma

Nicaragua:
almeno 10 morti
per le proteste
sulle pensioni