Per le auto degli agenti di Basilea Città 980mila franchi
Immagini articolo
La polizia "arruola"
sette Tesla elettriche
FRANCO ZANTONELLI


Il tycoon statunitense Elon Musk, che grazie a Tesla è riuscito ad accumulare un patrimonio di 20,3 miliardi di dollari, ha fatto breccia con le sue auto elettriche tra le autorità basilesi. La polizia cantonale di Basilea Città ne ha infatti ordinate sette per sostituire altrettanti modelli a gasolio. Le Tesla che entreranno in servizio come autopattuglie sono dei modelli X-100D, dei suv. Ogni esemplare verrà a costare 140mila franchi. Con una spesa complessiva per l’amministrazione cittadina, di 980mila franchi. L’Udc ha avuto da ridire sull’investimento, decisamente impegnativo. Il Cantone ha ammesso  che "è vero che delle auto a gasolio avrebbero comportato un prezzo inferiore di 50mila franchi per esemplare". Per poi aggiungere che "al momento della rivendita, un veicolo elettrico perderà sicuramente meno valore".
Va detto, però, consultando i dati delle immatricolazioni in Svizzera, che si rivela pur sempre il secondo Paese europeo dopo la Norvegia per diffusione di auto elettriche, che quella del cantone di Basilea è una scommessa che può rivelarsi azzardata. Secondo "A bon entendeur", l’equivalente romando di "Patti Chiari", dei 4 milioni di veicoli circolanti nel 2017 da noi "solo 14mila erano al 100% elettrici".
"In Svizzera - spiega al Caffè il portavoce del Tcs, Renato Gazzola - sono in vendita 33 modelli elettrici, quasi tutti utilizzati come seconde auto, mentre le vetture che soddisfano le esigenze di una famiglia si contano sulle dita di una mano. E il motivo è presto detto: si tratta di modelli che sono ancora troppo cari o meglio non sono alla portata di tutti". È pur vero che dopo la raffica di scandali che hanno investito i fabbricanti di vetture diesel, giganti come Volkswagen ed Fca hanno annunciato una progressiva conversione ai modelli elettrici e ibridi.
Tornando alle Tesla elettriche, prima che a Basilea sono state acquistate dai corpi di polizia di Los Angeles e Denver, mentre in Europa figurano tra le autopattuglie di Scotland Yard e del Lussemburgo. A detta delle autorità cantonali di Basilea-Città, pur costando sensibilmente di più delle vetture a motore termico, le Tesla hanno una sufficiente autonomia per non rimpiangere quella dei modelli a gasolio. Ovvero 500 chilometri che basta e avanza, considerando che quotidianamente un’autopattuglia di chilometri ne percorre circa 200. "L’autonomia della stragrande maggioranza delle auto elettriche - obietta Gazzola - è ancora troppo limitata e sovente quella annunciata non corrisponde alla realtà. Per cui l’utente s’indirizza piuttosto verso le ibride plug-in o altro tipo di ibride. Inoltre la rete di colonnine per la ricarica è decisamente insufficiente e ciò frena l’incremento delle vendite". Non a caso oltre alle sette Tesla, a Basilea la polcantonale ha ordinato pure due colonnine per la ricarica in modo da garantirsi... il pieno.
Sulle vetture elettriche tuttavia ci sono una serie di controindicazioni. Inoltre nel breve-medio periodo, i termini della questione muteranno, così come gli scenari di riferimento. "Secondo gli analisti di Boston Consulting Group - afferma Gazzola - l’industria automobilistica vivrà il suo punto di svolta tra il 2020 e il 2025, anche perché in quel periodo è prevista l’introduzione di norme standard ancora più severe in termini di emissioni. Di conseguenza aumenteranno, e di molto, le percentuali di  auto elettriche e ibride che raggiungeranno, rispettivamente, il 17% e il 33% del parco veicoli". A Basilea, insomma, hanno visto lontano.
08.04.2018


Articoli Correlati
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Inopportunità politiche
della Citta dei mestieri
L'INCHIESTA

Spie nei bancomat
truffano i turisti
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Continua la lotta
per liberare i nani
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Le guerre danneggiano
la nostra economia
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Orchi e melodrammi
non scaldano Cennes
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
L'amore d'antan
nel "Regality show"
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, maggio 2018
08.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, primo trimestre 2018
06.06.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 18 giugno 2018.
06.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2018
01.06.2018
In occasione della "Settimana europea per lo sviluppo sostenibile", in programma dal 30 maggio al 5 giugno 2018, il Dipartimento del territorio (DT) ha aggiornato le pagine del proprio sito tematico, mettendo in evidenza attività e progetti promossi in collaborazione con i numerosi partner [www.ti.ch/sviluppo-sostenibile]
30.05.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile e primo trimestre 2018
29.05.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile e primo trimestre 2018
28.05.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile e primo trimestre 2018
25.05.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile e primo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Atene:
manifestazione
contro l'intesa
sulla Macedonia

Valencia
pronta
a ricevere
l'Aquarius