Le aziende chiedono un parere sul servizio ricevuto e...
Immagini articolo
Lavoratori giudicati
dal voto del cliente
FRANCO ZANTONELLI


A quanti sarà capitato, dopo una visita in un negozio Swisscom, oppure in un Apple Store, ma anche all’indomani di un tragitto su di un taxi Uber o dopo aver ritirato l’auto dal concessionario, di ricevere via email, o sms, la richiesta di compilare un formulario, per esprimere un gradimento sul servizio? Oseremmo dire che tutti si sono trovati in un frangente del genere.
L’abitudine di chiedere al consumatore di dare una valutazione, da uno a dieci, sul trattamento riservatogli dal personale a contatto di una grande azienda arriva dagli Stati Uniti, più precisamente da Cupertino. È una delle tante innovazioni introdotte dal gigante informatico con il simbolo della mela, creato da Steve Jobs. "In caso di valutazione mediocre il collaboratore viene sanzionato", ha dichiarato alla trasmissione Mise au Point della Tsr un ex-dirigente della sede svizzera di Apple. Un metodo che "crea pressioni sul personale", la denuncia di alcuni dipendenti degli Swisscom Shops. "Arrivi al lavoro con il timore di scoprire che hai ricevuto una nota bassa", dicono.
"La validità di questo metodo - dice al Caffè Sergio Rossi, professore di Economia all’università di Friburgo - dipende dal tipo di domande  poste al consumatore, dalla sua volontà di rispondere onestamente e dall’uso dei risultati sul piano aziendale. Se il questionario è breve e le domande pertinenti, l’azienda può trarre spunti interessanti per migliorare la qualità dei suoi prodotti e del servizio alla clientela".
In effetti, intervistato da Le Temps, il portavoce di Swisscom, Christian Neuhaus, afferma che "il nostro obbiettivo è misurare la soddisfazione dei nostri clienti. Non c’è alcuna intenzione di mettere sotto pressione, in modo esagerato, i nostri collaboratori". Una spiegazione che, tuttavia, non convince Sergio Rossi. A suo avviso "in molti casi le valutazioni  della clientela sono usate per tenere sotto pressione o addirittura licenziare i collaboratori meno produttivi in azienda, creando uno spirito di antagonismo malsano per lo sviluppo aziendale". Fatto sta che parte della retribuzione dei dipendenti di Swisscom è vincolata alle valutazioni della clientela. "Una parte dei bonus, a livello nazionale - precisa Neuhaus - è legata alla soddisfazione dei clienti, non direttamente alle loro note positive o negative".
Ma che fine ha fatto il buon vecchio taylorismo, in base al quale le imprese erano organizzate in modo verticistico, praticamente richiamando una struttura militare? "Siamo passati al soggettivismo empirico, vale a dire che i manager utilizzano le valutazioni soggettive, espresse dalla clientela, come se fossero delle verità indiscutibili, con il pretesto che i dati statistici raccolti riflettano sempre la realtà", rileva l’economista Rossi.
Quasi quasi si potrebbe affermare che, a decidere della sorte di un addetto a uno Swisscom Shop o a un Apple Store, non sia più la direzione aziendale ma, piuttosto, il tapino-consumatore, trasformato suo malgrado in tagliatore di teste. Quel che succede da Uber, l’azienda di taxi che si contatta tramite un’applicazione sul telefonino è paradigmatico. I suoi autisti, valutati negativamente, vengono cacciati sui due piedi. Il che non ha impedito che cento conducenti dell’azienda statunitense, come ha rivelato Cnn, negli ultimi quattro anni siano stati accusati di molestie sessuali.
06.05.2018


Articoli Correlati
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

Il Cardio non paga
e il Mizar si arena
L'INCHIESTA

La scuola volta pagina
con lezioni di sesso
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Kerouac e i bus
direzione a Malpensa
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Lehman Brothers
e la fine del sogno Usa
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Con il "topo morto"
la lotta tra Cia e Kgb
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
È urgente arrivare
ad un'economia "pulita"
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2018
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2018
06.09.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È il linea il nuovo dossier sul tema “La scuola che verrà”
06.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2018
05.09.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 17 settembre prossimo
31.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2017
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Attacco
alla parata,
Iran:
risponderemo

Russia:
manifestanti
chiedono dimissioni
di Putin