Slow Food propone l'obbligo di insegnare alimentazione
Immagini articolo
A scuola di buon gusto
si impara a mangiare
PATRIZIA GUENZI


Il buon gusto s’impara da piccoli. E, soprattutto, deve essere un diritto. Così la pensa Josef Zisyadis, presidente di Slow Food Svizzera, pronto a lanciare un’iniziativa popolare per inserire nella Costituzione l’insegnamento obbligatorio dell’alimentazione a scuola. "Fondamentale per dare agli allievi gli strumenti per nutrirsi bene affinché da adulti sappiano cosa mettere nel piatto", spiega Zisyadis a Caffè. Un aspetto che sta a cuore anche all’Ufficio federale della sicurezza alimentare e di veterinaria (Usav) che ha elaborato un’App - MySwissFoodPyramid - per aiutare i cittadini nella ricerca di informazioni sugli alimenti e su come sceglierli.
Di alimentazione sana ed equilibrata si parla da anni. Tutti conosciamo la piramide alimentare che indica quali alimenti includere quotidianamente nella nostra dieta e quali no, o soltanto raramente. Eppure, continuiamo a mangiare male, a mettere in tavola troppi grassi e dolci e troppa poca frutta e verdura.
Una piramide coi piedi d’argilla, verrebbe da dire. Emerge anche dai risultati del primo studio nazionale sui consumi alimentari degli elvetici, dove ad essere rispettate sono soltanto le raccomandazioni relative a liquidi e bibite. Di regola 1-2 litri di bevande sono consumate dalla maggior parte dei cittadini. Il che è positivo. Meno positivo il fatto che tutti i giorni si mangino pure quattro porzioni di dolci, snack, salati e alcolici invece di una.
Il difensore del gusto Zisyadis intende fare sul serio. E osserva: "Così come esistono i programmi Gioventù e sport, Gioventù e musica, perché non fare anche Gioventù e gusto? Ancorando alla Costituzione l’insegnamento dell’alimentazione voglio investire sui consumatori di domani. In questo modo la Confederazione sarà libera di legiferare e di obbligare i cantoni a rispettare le indicazioni. Attualmente, infatti, i progetti di questo tipo divergono molto da regione a regione". Ad agosto, Zisyadis sottoporrà dunque la sua proposta al congresso annuale di Slow Food Svizzera. "Spero che venga accettata - dice -. Si potrebbero oganizzare corsi di cucina in classe, degustazioni, un orto a scuola e altre inizative per insegnare ai bimbi le basi per diventare indipendenti a tavola". Zisyadis ha pensato anche al finanziamento. Compensare i costi economizzando sui programmi di promozione dell’Ufficio federale della salute pubblica e di Promozione salute Svizzera. Il presidente di Slow Food Svizzera è ottimista pure sull’elaborazione di un programma scolastico. "Spero di poter coinvolgere un numero importante i partner attorno al progetto, persone consapevoli dell’importanza di educare i bambini ad un’alimentazione sana ed equilibrata".
E per chi tanto bambino non è più, il consiglio è di scaricare l’App dell’Usav. È gratuita, in tre lingue, per Android o Apple. Permette anche di tenere un diario nutrizionale, per avere un controllo di tutto ciò che in un giorno si consuma, tra alimenti solidi e liquidi. Solo chi è bene informato è in grado di scegliere consapevolmente cosa mangiare, senza rinunciare al piacere. E questo si può imparare già all’asilo. E chi a Zisyadis fa notare che l’alimentazione è una questione privata, che la scuola non dovrebbe immischiarsene, il "patron del gusto" replica: "Mangiamo tre volte al giorno, quasi sempre tre volte male. Diamo quindi ai futuri cittadini le nozioni indispensabili per conoscere gli alimenti e nutrirsi bene".

p.g.
08.07.2018


Articoli Correlati
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

L'esame delle urine
non entra in classe
L'INCHIESTA

Via la plastica
da negozi e market
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Il radar milionario
ha sbancato il Baffo
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Una crisi energetica
dalla guerra del petrolio
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
L'Ok Corral innesca
la faida dei marsigliesi
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
È urgente arrivare
ad un'economia "pulita"
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
11.10.2018
Pubblicati i dati di funzionamento degli impianti di depurazione in Ticino [www.ti.ch/oasi]
04.10.2018
Avvio della consultazione del Progetto di risanamento fonico delle strade cantonali e comunali del Luganese [www.ti.ch/rumore]
03.10.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 15 ottobre prossimo
26.09.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da mercoledì 26 settembre 2018 alle ore 10.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
19.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2018
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2018
06.09.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È il linea il nuovo dossier sul tema “La scuola che verrà”
06.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Afghanistan:
attentato
a raduno
elettorale

Manifestazioni
a Parigi, in Europa,
nel mondo
per salvare il pianeta